Come cambierà la legge sulle criptovalute dopo il terremoto FTX: siamo ad un punto di svolta

A seguito della drammatica vicenda di FTX, le autorità spingono per la regolamentazione delle criptovalute e degli exchange: ecco come.

La Securities and Exchange Commission e le autorità di regolamentazione dei titoli statali sono diventate sempre più aggressive riguardo alla loro affermazione secondo cui praticamente tutte le criptovalute sono titoli quest’anno. In particolare hanno multato BlockFi $100 milioni per non aver registrato la sua operazione di prestito di criptovalute ai sensi del Securities Act.

FTX regolamentazione
Adobe Stock

All’inizio dell’anno, il presidente Gensler ha avvertito gli exchange di criptovaluta che la SEC li avrebbe presi di mira per non essersi registrati come broker di valori mobiliari. L’industria lo ha fortemente contestato, in particolare nella battaglia legale in corso della società di pagamenti Ripple. La SEC ha citato in giudiziola società per la vendita illegale di titoli di XRP. Ma vediamo bene cosa potrebbe succedere.

Disastro FTX: accelera la regolamentazione delle criptovalute

Ho chiesto al personale di esaminare ogni modo per far rientrare queste piattaforme nel mandato di protezione degli investitori“, ha detto Gensler il 19 gennaio, ha riferito Bloomberg. “Se le piattaforme di trading non entrassero nello spazio regolamentato, sarebbe un altro anno in cui il pubblico sarebbe vulnerabile“.

Con l’implosione di FTX, probabilmente la questione salirà in cima alle priorità della SEC. In effetti, Gensler ha dichiarato alla CNBC il 10 novembre che il campo delle criptovalute nel suo insieme è “significativamente non conforme“. Inoltre la soluzione migliore è che gli exchange si registrino e rispettino quelli che ha detto essere regolamenti “molto chiari”.

Di certo sembra che stia scalando l’agenda delle priorità della CFTC. La commissaria Kristin Johnson ha detto a CoinDesk TV che con una lacuna normativa che limita l’autorità di regolamentazione, il Congresso non dovrebbe lasciare che “una buona crisi vada sprecata“. Ha aggiunto:

Ora più che mai, è chiaro che ci sono conseguenze importanti quando le entità di criptovaluta operano senza una solida supervisione federale e protezioni per i clienti“.

Non è necessariamente una cosa negativa, ha detto su Twitter il CEO dell’exchange di Coinbase Brian Armstrong. Nonostante le sue frequenti e aspre critiche alla SEC.

Definendo la mancanza di un tale quadro uno dei maggiori problemi che l’industria deve affrontare, ha osservato che FTX “era una borsa offshore non regolamentata dalla SEC“. Successivamente ha aggiunto che “la mancanza di chiarezza ha spinto gli investitori americani e il 95% di tutte le attività di trading offshore“.

Potere politico

L’industria delle criptovalute ha avuto un discreto successo nel portare avanti la sua agenda quest’anno. Non dimentichiamo che quest’anno sono state introdotte una serie di proposte di legge bipartisan che cercano di regolamentare il settore.

Tali atti legislativi, tra cui il Responsible Financial Innovation Act del senatore Cynthia Lummis (D-Wyo.) e Kirsten Gillibrand (DN.Y.) e il Digital Commodities Consumer Protection Act del presidente della commissione Agricoltura del Senato, il senatore Debbie Stabenow (D -Mich.) e il membro di minoranza in classifica, il senatore John Boozman (R-Ark.) generalmente cercano di conferire alla CFTC maggiore autorità sull’industria delle criptovalute a spese della SEC. Questo comportamento si adatta bene all’agenda politica che i lobbisti delle criptovalute stanno spingendo .

Il profilo più alto di questi è stato Bankman-Fried. L’ex miliardario si era impegnato a spendere più di $100 milioni per il ciclo elettorale del 2024 ed è stato una presenza frequente a Capitol Hill. Il 10 novembre, The Block ha riferito che FTX US si era dimesso dal Crypto Council for Innovation, un gruppo di lobby.

L’implosione di FTX siè aggiunta al crollo della stablecoin Terra/LUNA e ai fallimenti dei prestatori di criptovalute. Pertanto l’obiettivo del settore di ottenere un regime normativo più pratico ha subìto un duro colpo.

Non credo di aver mai sperimentato nulla del genere” ha riferito il direttore esecutivo della Blockchain Association Kristin Smith. Successivamente ha aggiunto che il crollo dell’FTX “è un passo indietro in termini di difesa a Washington“.

I prossimi sviluppi

Molti membri della Camera e del Senato interessati alla regolamentazione delle criptovalute hanno rilasciato dichiarazioni che spingono per una rapida legislazione. Il senatore Boozman afferma che “gli eventi emersi questa settimana rafforzano la chiara necessità di una maggiore supervisione federale dell’industria degli asset digitali“.

Ha aggiunto che lui e il senatore Stabenow avrebbero riesaminato il loro disegno di legge “per garantire che stabilisca le necessarie salvaguardie di cui il mercato delle materie prime digitali ha un disperato bisogno“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il presidente della commissione per i servizi finanziari della Camera, rappresentante Maxine Waters, (D-Calif.), ha affermato che i problemi di FTX mostrano che “ora più che mai, è chiaro che ci sono conseguenze importanti quando le entità di criptovaluta operano senza una solida supervisione federale e protezioni per i clienti“.