Sam Bankman-Fried di FTX messo al muro: “Così distruggerai la DeFi!”

Una serie di standard industriali autoimposti per “creare chiarezza e proteggere i clienti” è stata lanciata mercoledì dal magnate delle criptovalute Sam Bankman-Fried, mentre il criptoverso discuteva di un disegno di legge statunitense che avrebbe “ucciso la DeFi”.

I puristi della DeFi non hanno trovato divertenti tali “velate minacce”. Una bozza del Digital Commodities Consumer Protection Act del 2022, o DCCPA, è trapelata dal consigliere generale di Delphi Labs Gabriel Shapiro.

sam bankman-fried defi
Crypto.it

Possibili divieti per la DeFi?

Poiché la CFTC è vista come un’autorità più indulgente rispetto alla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, molte persone supportano la proposta della DCCPA di supervisionare il mercato spot delle criptovalute.

Il capo della politica della Blockchain Alliance, Jake Chervinsky, non la vede proprio in questo modo. A settembre, ha dichiarato di una precedente bozza di legge: “Questo disegno di legge potrebbe essere interpretato come un divieto della DeFi.

Sam Bankman-Fried, CEO dell’exchange centralizzato di criptovalute FTX, ha proposto di incorporare la conformità normativa negli stessi protocolli DeFi in un post sul blog. L’attuazione di tale cambiamento, tipico delle organizzazioni di mercato di autoregolamentazione come Finra, l’Autorità di regolamentazione del settore finanziario, può essere costosa e laboriosa e richiedere anni.

Ancora più importante, un sistema del genere sarebbe impopolare tra i sostenitori della DeFi, che naturalmente rifiutano l’idea del controllo centralizzato. Nemesi assoluta dell’ideale di decentralizzazione e Trustlessness.

Su Twitter, un certo numero di noti account incentrati sulle criptovalute hanno ipotizzato che Bankman-Fried stesse promuovendo di nascosto l’approvazione del conto.

Nel tentativo di forzare i protocolli defi a funzionare come exchange centralizzati, FTX sta spendendo denaro per far approvare una legge dal Congresso.

Il fondatore di DeFi Pulse, con lo pseudonimo di Scott, ha twittato che FTX stava spendendo soldi per fare pressioni sul Congresso per una legge che potrebbe richiedere che i protocolli defi funzionino come exchange centralizzati. La proposta è denominata Digital Commodities Consumer Protection Act. Il Digital Commodities FTX Protection Act è un nome più appropriato.

A causa delle voci e della sua posizione di autoregolamentazione, Bankman-Fried è ora diffusamente disprezzato negli ambienti web3.

Un completo disprezzo per sviluppo e innovazione

La DeFi e la decentralizzazione in generale vengono sfacciatamente attaccati da SBF, secondo un tweet di Sudoswap, un mercato NFT. “SBF, FTX e Alameda hanno ripetutamente dimostrato che il loro unico obiettivo è estrarre quanto più valore possibile dalla criptovaluta senza riguardo per il suo sviluppo”.

Sa Bankman-Fried ha riconosciuto che i suoi suggerimenti avrebbero potuto essere formulati in modo goffo, ma che avevano solo lo scopo di dare il via alla conversazione.

“I trasferimenti peer-to-peer e la DeFi devono rimanere gratuiti. Credo sinceramente che alcune politiche siano essenziali per raggiungere questo obiettivo. Potrei sbagliarmi su queste politiche, molto probabilmente ne parlo per alcune!”, ha scritto. Se formulato in modo errato, “consentire la capacità per la DeFi di interfacciarsi in definitiva con entità regolamentate” potrebbe essere interpretato come un requisito. E vorrei essere chiaro: non credo che dovrebbe.

Una richiesta di commento da parte di un portavoce di FTX non è stata ancora soddisfatta.

Opposizione fortissima all’ultima bozza

Ma i legislatori devono “capire quanto sia stata forte l’opposizione all’ultima bozza pubblicata del DCCPA all’interno della comunità DeFi e perché”, ha detto Chervinsky su Twitter mercoledì.

Chervinsky ha sottolineato che “il progetto di legge stabilisce che le strutture commerciali “forniranno un mercato centralizzato per l’esecuzione delle transazioni”. In che modo ciò influisce sui protocolli DeFi? Portafogli? App? Utenti? Poco chiaro.”

Coloro che “creano un mercato in una merce digitale” sono indicati come “commercianti di merci digitali” nel conto.

Tutti i fornitori di liquidità che partecipano a un protocollo AMM DEX devono quindi registrarsi presso la CFTC? Chervinsky ha scritto: “Semplicemente non può essere.

Non era chiaro quanto di questo linguaggio fosse cambiato nella versione trapelata del disegno di legge di Shapiro. Ma nel corso della settimana, diverse organizzazioni di criptovalute, tra cui Alliance, un programma di formazione per i fondatori di Web3, si sono opposte.

La morte dichiarata della DeFi

Alliance afferma che la legislazione “costringe l’intermediazione umana”, “costringe i progetti a sacrificare il decentramento” e, alla fine, “uccide la DeFi”.

In un thread ampiamente condiviso su Twitter, Alliance ha dichiarato: “Il disegno di legge non menziona specificamente la DeFi”.

Tuttavia, probabilmente porterebbe i progetti DeFi a essere classificati come “strutture di trading” ed exchange decentralizzati come Uniswap come “piattaforme di materie prime digitali”.

Alliance ha affermato che le normative che regolano piattaforme e strutture “presuppongono – e di fatto richiedono – l’attività umana al centro del progetto, vietando di fatto il decentramento e quindi la DeFi”. Ad esempio, il disegno di legge “imporrebbe che ogni [borsa decentralizzata] disponga di poteri di emergenza che prevedono l’autorità di liquidare o trasferire posizioni nonché di sospendere il commercio di una particolare merce digitale” in consultazione o cooperazione con “la CFTC”.

Industry Norms Alliance ha aggiunto: “Il disegno di legge crea un’architettura di conformità che preclude il concetto di un sistema di contratti intelligenti che gestiscono un’infrastruttura decentralizzata con poca o nessuna attività umana”.

Un disegno di legge entro fine anno

Alliance ha emesso un avviso che la misura potrebbe essere inclusa in un disegno di legge omnibus per la fine dell’anno.

Per quanto riguarda l’articolo di Bank-blog Fried, lo ha descritto come un “manuale delle norme di settore” o una raccolta di linee guida per le migliori pratiche. Sebbene sia un metodo collaudato nella finanza tradizionale, va contro i principi fondamentali della DeFi.

Ha scritto: “Idealmente, un gruppo industriale dovrebbe pensare a questi problemi, modificarli e pubblicare ciò che ritengono essere un insieme adeguato di norme comunitarie”.

Il blog fa appello alle “Blocklists”, che vieterebbero i trasferimenti e bloccherebbero i fondi legati a reati finanziari, che è forse il punto più controverso.

Bankman-Fried ha scritto che “dovrebbe esserci un elenco on-chain degli indirizzi sanzionati, aggiornato in tempo reale, gestito dall’OFAC o da un attore responsabile”. Riferendosi all’organismo di regolamentazione statunitense che ha aggiunto il protocollo sulla privacy Tornado Cash a un elenco degli enti sanzionati nel mese di agosto. L’elenco degli indirizzi sanzionati è quindi accessibile in tempo reale da applicazioni centralizzate e decentralizzate, consentendo agli utenti di evitare di inviare o accettare denaro da tali indirizzi.

Fondi monitorati

Qualsiasi individuo che interagisce con i portafogli autorizzati sarà aggiunto all’elenco se tale elenco è transitivo. Creando e inviando asset di criptovaluta a un nuovo portafoglio, le entità sanzionate non sarebbero in grado di aggirare le sanzioni.

In risposta a una preoccupazione per la proposta, Bankman-Fried ha aggiunto: “Ci dovrebbe anche essere un modo per curare il tuo indirizzo se i fondi segnalati vengono inviati unilateralmente”. Dovresti essere in grado di inviare fondi contaminati a un indirizzo “fondi congelati” che è possibilmente mantenuto dall’OFAC se li ricevi, tenendo sotto controllo il tuo indirizzo.

Tokenizzazione delle azioni

Al fine di accedere ai protocolli DeFi e commercializzare prodotti DeFi agli investitori al dettaglio, Bankman-Fried ha consigliato la licenza per le organizzazioni che creano e gestiscono siti Web che consentono agli utenti di accedere a questi protocolli.

Inoltre, ha proposto standard di settore per stablecoin, divulgazione, tokenizzazione di azioni e gestione di hack e quotazioni di asset negli exchange.

All’interno della comunità delle criptovalute, i suggerimenti non sono stati ben accolti.

Ryan Sean Adams del podcast di The Bankless ha scritto:“Sam, con tutto il rispetto, questa è una merda assoluta. Oltre a squalificare del tutto gli Stati Uniti dalla corsa alle criptovalute”.

Altri non sono stati così gentili e comprensivi nei toni.

Regolamentazione compatibile con la natura delle criptovalute

“Sam è un uomo che ha costruito la sua fortuna gestendo un exchange di perpswap con leva GD 100x che non ha fatto KYC e si è commercializzato per i noob della vendita al dettaglio attraverso una campagna di marketing di affiliazione iper aggro”,

Ciò quanto ha twittato scott, il co-fondatore di DeFi Pulse. “Ora vuole che tu pensi che stia uccidendo Defi per difendere quelle stesse persone”, ha concluso.

Shapiro, il consiglio generale di Delphi Labs, ha proposto un insieme alternativo di regolamenti cripto-compatibili.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Ha scritto: “Per la DeFi ci dovrebbe essere un avviso dettagliato e un regime di divulgazione: nessun permesso/gating da parte delle autorità di regolamentazione, no puoi avviare solo se segui i “principi” ecc. “Divulga semplicemente tutte le informazioni rilevanti, archiviale pubblicamente, mantienile aggiornate , e sarai responsabile per frode se sbagli.”