Uniswap: guida completa ad uno dei principali protocolli nel panorama DeFi

Uniswap ha dimostrato di poter essere un attore protagonista nello spazio DeFi in continua evoluzione. Ma come si guadagna con Uniswap?

Nel mare magnum di progetti DeFi in circolazione, uno dei più grandi nomi è Uniswap. Nell’estate del 2020, questo exchange decentralizzato ha catturato l’immaginazione degli appassionati di criptovalute. Per lunghi tratti è stato un leader di mercato nel suo settore in termini di capitalizzazione di mercato.

A luglio 2022, Uniswap (UNI) è il quarto token DeFi in termini di capitalizzazione di mercato, secondo questo tracker.

uniswap guida
Crypto.it

Ma come funziona l’exchange Uniswap? Qual è il problema con il suo token di governance e come si usa? La nostra guida completa ti spiegherà tutto: immergiamoci.

Come funziona Uniswap

Il protocollo Uniswap fa le cose in modo diverso rispetto agli exchange centralizzati. Il suo software open source è stato costruito sulla blockchain di Ethereum e consente agli utenti di scambiare token ERC-20 senza la necessità di un intermediario. Oltre a ridurre le tasse, questo può appianare alcune questioni spinose riguardanti la censura.

I fornitori di liquidità svolgono un ruolo importante nel far sì che tutto accada senza la necessità di un portafoglio ordini (order book). Chiunque può partecipare a questi pool di liquidità purché contribuisca con il valore equivalente di due token, come ad esempio ETH e stablecoin come USDT o DAI. In cambio, otterranno i cosiddetti token LP che possono quindi essere utilizzati su altre app decentralizzate. Tutto questo garantisce anche che possano ottenere le proprie criptovalute in qualsiasi momento.

Ogni volta che completano uno scambio utilizzando una certa coppia di trading, gli utenti pagano le commissioni di transazione. Una parte di questa va al liquidity provider in base al numero di token pool che possiede.

I pool di Uniswap si basano su un’equazione nota come x * y = k.

Facciamo un esempio: x rappresenta ETH, y rappresenta USDT e k riflette cosa succede quando moltiplichi x ed y: rappresenta la liquidità totale del pool. Gli smart contract che detengono il pool di liquidità, funzionano sulla base del fatto che k deve rimanere costante in ogni momento.

Immaginiamo che qualcuno utilizzi un pool di liquidità per acquistare ETH in cambio di USDT. Questa transazione ha la seguente conseguenza: nel pool di liquidità ora ci sono meno ETH e più USDT.

Quindi chi acquista ETH in cambio di USDT da un pool di liquidità influenza in definitiva l’equilibrio tra i due asset in questa coppia di trading, aumentando il prezzo di ETH e diminuendo il prezzo di USDT. Questo slippage è generalmente meno pronunciato nei pool di liquidità più grandi.

Uno dei principali vantaggi di Uniswap è che è molto meno complicato da usare rispetto ad altri exchange decentralizzati. Questo significa che acquirenti e venditori non sono più responsabili della creazione di liquidità.

Quando è stato lanciato Uniswap e due parole su Uniswap V2

Uniswap.org ̬ stato lanciato nel novembre 2018. Il suo inventore РHayden Adams Рha affermato di essersi ispirato ad un post di Vitalik Buterin sui market maker automatizzati (AMM).

Uno dei maggiori sviluppi per questo progetto DeFi è arrivato con il lancio di Uniswap V2 nel maggio 2020. Da quel momento in poi ETH non doveva più essere per forza uno dei due asset in un pool di liquidità. A luglio 2022, c’è un valore totale bloccato (TVL) di $1,17 miliardi di dollari su V2, secondo le informazioni che puoi trovare qui.

Di conseguenza, oggi lo scambio di token può avvenire direttamente tra i token ERC-20. Questo riduce il numero complessivo di transazioni e le commissioni del gas ad esse associate. Questa è una buona notizia per la blockchain di Ethereum, che ha lottato con la congestione causata dal boom della finanza decentralizzata in passato.

Altre nuove funzionalità nella V2 includevano:

  • Feed di prezzo on-chain altamente decentralizzati e difficili da manipolare;
  • Miglioramenti tecnici: i contratti intelligenti sono ora scritti nel linguaggio di programmazione Solidity;
  • Flash swap, che consentono all’utente di ritirare un token ERC-20 e utilizzarlo per fare arbitraggio senza capitale o leva istantanea.

Parliamo del token UNI

A metà settembre 2020, Uniswap ha annunciato la sua famosa criptovaluta, UNI. Questo asset è progettato per fungere da token di governance che offre ai proprietari voce in capitolo sul futuro del protocollo. Al momento del lancio, ogni singola persona che aveva in passato utilizzato Uniswap è stata premiata con 400 token UNI.

In principio è stato coniato un totale di 1 miliardo di UNI, il 15% dei quali è stato assegnato a utenti passati e presenti. Il 40% è stato suddiviso tra team, investitori e consulenti.

Si ritiene che il lancio del token sia stato una risposta alla decisione di SushiSwap di migrare $1 miliardo di fondi da Uniswap alla propria piattaforma DEX in quello che all’epoca è stato descritto come un attacco di “mining di vampiri“, che ha influenzato i livelli complessivi di liquidità.

Uniswap era effettivamente indietro per quanto riguarda l’emissione di un token di governance. Molti altri protocolli – inclusi Maker, Aave e yearn.finance – lo hanno fatto molto prima.

Uniswap V3

Nel maggio 2021, il team ha lanciato Uniswap V3 sulla mainnet layer 1 di Ethereum e successivamente sul layer 2 Optimism. Ad agosto 2021, ci sono $3,49 miliardi di dollari di TVL su V3, secondo le analisi di Uniswap che puoi trovare qui.

Uniswap V3 si è affermato come l’infrastruttura e il fornitore di liquidità nello spazio DeFi più importante, con un ecosistema di prodotti che integra sviluppatori, trader e fornitori di liquidità. Le funzionalità introdotte negli aggiornamenti V3 mirano a promuovere la piattaforma come l’AMM più potente, flessibile ed efficiente nello spazio.

Uniswap V3 vs Uniswap V2: ecco cosa cambia

Uniswap V3 introduce due caratteristiche principali: liquidità concentrata e vari livelli di commissione. La liquidità concentrata consente ai fornitori di liquidità di determinare a quale fascia di prezzo è allocato il loro capitale. Questi saranno aggregati in un unico pool e formeranno una curva combinata con cui i trader potranno fare trading. Da ciò, i livelli di commissioni multiple compensano i fornitori di liquidità in base al rischio che corrono.

I vantaggi di queste caratteristiche sono: maggiore efficienza del capitale e maggiori rendimenti, esecuzione di scambi a basso slippage e maggiore flessibilità per i fornitori di liquidità.

Rispetto a Uniswap V2, i fornitori di liquidità possono fornire liquidità con un’efficienza del capitale fino a 4000 volte, migliorando così i rendimenti. A sua volta, ciò si traduce anche in un’esecuzione commerciale a basso slippage che supera gli scambi centralizzati e gli AMM basati su stablecoin. Inoltre, i fornitori di liquidità possono scegliere di aumentare la propria esposizione alle attività preferite riducendo al contempo il rischio di ribasso. Possono anche vendere un bene per un altro valutando un prezzo superiore o inferiore al prezzo di mercato, stimando un ordine limite di guadagno che viene eseguito lungo una curva regolare.

Inoltre, gli oracoli Uniswap sono più economici e più facili da integrare. I prezzi medi ponderati nel tempo possono essere forniti su richiesta per qualsiasi periodo negli ultimi 9 giorni. I protocolli che utilizzano questi oracoli non hanno bisogno di registrare i valori storici.

Anche con queste potenti funzionalità in atto, anche le tariffe del gas su V3 dovrebbero diminuire leggermente rispetto a V2. Sulla catena L2 Optimism, le tariffe del gas dovrebbero diminuire in modo significativo.

Guida step-by-step ad Uniswap

Quindi, come scambiare i token su Uniswap? Ecco una guida semplice:

  1. Vai all’app di Uniswap.
  2. Collega un portafoglio Ethereum (come MetaMask).
  3. Seleziona il token che desideri convertire nel menu a discesa e la criptovaluta con cui desideri scambiarlo.
  4. Dopo aver fatto clic su “Scambia”, visualizza in anteprima la transazione in una finestra pop-up e quindi conferma la richiesta direttamente dal tuo portafoglio.
  5. Successivamente, dovrai aspettare un po’ prima che la transazione venga finalizzata sulla blockchain di Ethereum e ricorda che puoi tenere traccia di come sta procedendo attraverso l’esploratore blockchain di Etherscan.io.

Considerazioni finali

Il settore della finanza decentralizzata è a dir poco competitivo. Nuovi protocolli – sempre migliori – atterrano ogni mese sul mercato, ed il ruolo di leader assoluto del settore è attualmente scoperto (e forse lo sarà per sempre).

Come accennato in precedenza, Ethereum in passato ha ceduto alla pressione della congestione causata dai progetti DeFi, con i prezzi del gas alle stelle. Tutto ciò significa che l’industria potrebbe esplorare – come sta già facendo – altre blockchain, a meno che Ethereum 2.0 non riuscirà ad imporsi come layer 1 dominante.

Alcuni sostengono anche che la dipendenza di Uniswap dall’arbitraggio porterà ad una dipendenza permanente da exchange centralizzati come Binance e Coinbase.

Detto questo, sembra che Uniswap non abbia intenzione di rimanere fermo a guardare i competitors. Le sue innovazioni continue e la sua solida community aiuteranno il protocollo DeFi a rimanere un passo avanti rispetto alla concorrenza.