Top 10 Paesi dove è più conveniente fare Mining di Bitcoin: qui si guadagna bene!

Quali sono i 10 migliori paesi al mondo per fare mining di Bitcoin? In questo articolo scopriamo la sorprendente classifica, leggi di più.

Prima di addentrarci in questo “campo minato”, un breve disclaimer: il mining di Bitcoin è in continua evoluzione in tutto il mondo, e saremo qui fino al prossimo halving di Bitcoin cercando di confrontare la principale criptovaluta con altri asset comparabili.

Non guardiamo solo alle dimensioni del mercato, ma anche all’innovazione tecnologica e tutti gli aspetti implicati.

MINING bitcoin
Adobe Stock

Senza ulteriori chiacchiere, possiamo immergerci. Ecco alcuni dei migliori hub di mining di criptovalute e Bitcoin in questo momento.

Migliori paesi al mondo per fare mining di Bitcoin: Texas, Stati Uniti

Tutto è più grande in Texas, inclusa l’industria mineraria. Il Texas ha colpito il petrolio digitale. Le metafore abbondano!

Il Lone Star State è al quarto posto in alcuni set di dati di distribuzione dell’hash rate. Gestisce il 14% dell’hash rate degli Stati Uniti, ma è una scelta facile come punto più caldo per il mining di Bitcoin. A titolo illustrativo, molti miners di Bitcoin hanno affondato le radici nel suolo del Texas occidentale, tra cui il miner cinese Bitdeer e l’impresa americana Riot Blockchain, che ha acquisito un sito di 100 acri a Rockdale, in Texas.

Allo stesso modo, decine di migliaia di ASIC, una tecnologia utilizzata per coniare nuovi Bitcoin, vengono consegnati in grandi quantità nella regione.

Questo perché il Texas spunta quasi tutte le caselle dell’elenco di attributi desiderabili per il mining di criptovalute.

  • Il Texas vanta un ambiente normativo favorevole alle criptovalute e si trova in un paese politicamente stabile;
  • Sebbene non sia l’ideale durante le bufere di neve, il Texas ha una rete elettrica deregolamentata con prezzi spot in tempo reale;
  • Il Texas ha accesso a diverse fonti di energia a prezzi accessibili, comprese importanti risorse rinnovabili e gas naturale bloccato/infiammato.

Legislatura favorevole

L’ambiente normativo in Texas conferisce un livello di prevedibilità all’attività di mining irraggiungibile in Cina. Ci sono numerosi accordi di terra e accordi di acquisto relativi alle criptovalute in fase di elaborazione da parte dello stato.

Allo stesso modo, le politiche energetiche flessibili consentono ai miners di collegarsi direttamente alla rete. Inoltre, prezzi dell’energia a basso costo – a pochissimi centesimi di dollari per kWh – consente al paese di attingere da fonti solari sostenibili. Allo stesso modo, molti impianti di gas naturale in Texas sfruttano la tecnologia del gas flaring, che produce molte meno emissioni.

La rete deregolamentata del Texas consente inoltre ai miners di beneficiare di schemi di prezzi spot che consentono loro di smettere di acquistare elettricità se i prezzi diventano troppo alti.

Se le cose continuano a muoversi nella direzione in cui si stanno dirigendo attualmente, il Texas sarà presto responsabile fino a 1/3 della produzione globale di Bitcoin.

New York, Stati Uniti

Nonostante i prezzi dei terreni e delle risorse umane notoriamente elevati, lo Stato di New York è un leader globale nel settore del mining, gestendo il 19,9% dell’hash rate del Bitcoin statunitense. La più grande struttura di criptovalute negli Stati Uniti si trova a New York e illustra i vantaggi dello stato.

Gestito da Coinmint e alimentato da turbine eoliche e dighe sul fiume San Lorenzo, l’impianto minerario di Massena è costruito in un’ex fonderia di alluminio in disuso.

Come il Texas, New York è matura per quanto riguarda il mining di criptovalute:

  • New York ha – almeno per il momento – politiche favorevoli nei confronti della criptovaluta;
  • Il clima freddo di New York e la pletora di spazi vuoti delle fabbriche sono ideali per il mining di criptovalute;
  • Risorse energetiche rinnovabili (anche se leggermente costose).

I prezzi dell’energia nell’Empire State sono più cari di quelli del Texas, ma quasi un terzo di questa energia proviene da fonti di energia rinnovabile. Allo stesso modo, alla ricerca della neutralità del carbonio, New York si appoggia all’energia nucleare e genera più energia idroelettrica di qualsiasi stato a est delle Montagne Rocciose.

Al momento, la situazione normativa nello stato è favorevole alle imprese crittografiche. Nonostante ciò, lo stato sta valutando un divieto di tre anni sul mining di criptovalute mentre valuta le potenziali conseguenze ambientali del settore. È improbabile che ciò si realizzi, poiché gran parte dell’energia utilizzata proviene da risorse rinnovabili.

Migliori paesi al mondo per fare mining di Bitcoin: Kentucky, Stati Uniti

Il Kentucky, uno stato precedentemente famoso per il mining del carbone, è un altro emergente nel gioco del mining di criptovalute americano. In effetti, gestisce un enorme 18,7% dell’hashrate totale americano.

  • L’attuale governatore del Kentucky è favorevole all’industria e ha approvato leggi che concedono esenzioni fiscali alle operazioni di mining;
  • La regione è nota per le sue risorse energetiche sostenibili, generate tramite dighe idroelettriche e turbine eoliche;
  • La regione vanta bassi prezzi dell’energia, abbondanti risorse umane e spazi industriali inutilizzati.

Georgia, Stati Uniti

Simile al suo vicino Kentucky, la Georgia sta dominando l’ecosistema minerario degli Stati Uniti, rappresentando il 17,3% dell’hash rate della nazione. I miners sono attratti nello stato americano della Georgia dai bassi prezzi dell’energia e da un contesto normativo favorevole.

Elementi del governo dello stato hanno persino rimuginato consentendo ai cittadini di pagare le tasse in criptovalute.

Migliori paesi al mondo per fare mining di Bitcoin: Siberia, Russia

Il mining di criptovalute sicuramente non è l’argomento più caldo in Russia. La guerra con l’Ucraina – tra le altre cose – ha messo i bastoni tra le ruote anche a questo settore.

Oggi, i dati di Statista ci dicono che gli Stati Uniti sono al primo posto (37,84%) seguiti da Cina (21,11%), Kazakhstan (13,22%), Canada, Russia, Germania e così via.

Essendo una destinazione generalmente fredda (soprattutto nella gelida Siberia), la Russia crea condizioni vantaggiosamente convenienti per il mining di criptovalute. Inoltre, il governo russo sta anche cercando di incassare le entrate e le tasse generate dall’attività mineraria. La Duma (assemblea russa) ha proposto nuovi piani per creare una legislazione favorevole agli imprenditori, con l’obiettivo di attirare più miners di BTC.

Non tutti però sono convinti, e c’è stato un po’ di respingimento da parte della banca centrale, oltre a richieste di addebitare ai miners una tariffa elettrica più alta. Tuttavia, il futuro in generale per il Bitcoin prodotto in Russia è piuttosto roseo, soprattutto dopo che le criptovalute hanno ricevuto una velata approvazione dallo stesso Putin.

Johannesburg, Sud Africa

Il centro economico del Sud Africa, Johannesburg, noto anche come Egoli, il luogo dell’oro, per i suoi tempi d’oro della corsa all’oro, il settore degli affari e l’accesso all’Africa, sta aggiungendo il mining di criptovalute alla sua numerosa lista di industrie. È interessante notare che Joburg non soddisfa la qualifica tipica per un hub di criptovalute.

  • Il Sudafrica ha una rete elettrica notoriamente inaffidabile che subisce regolari blackout;
  • Una storia ben documentata della recente instabilità politica e delle questioni sindacali.

Nonostante ciò, ha una lista nutrita dei suoi approcci innovativi alle criptovalute. Ad esempio, una miniera gestita da Libertas produce diversi Bitcoin al giorno utilizzando l’energia solare, rendendola una delle miniere più redditizie al mondo. Il Sudafrica non ha carenza di raggi UV, e gli obiettivi in questa impresa crittografica off-the-grid sono prosperare e produrre una roadmap avvincente per altri paesi baciati dal sole.

Migliori paesi al mondo per fare mining di Bitcoin: Vancouver, Canada

Come Joburg, questa bellissima città costiera è nella lista per il suo atteggiamento nei confronti dell’innovazione.

In effetti, North Vancouver ha recentemente annunciato che tenterà di diventare la prima città riscaldata dal mining di criptovalute. Questo punta a catturare molti piccioni con una fava. Convertendo il calore generato da Bitcoin, il paese vuole ridurre ulteriormente i costi energetici e attira affari in città. Affronta i cambiamenti climatici, crea energia termica e minare criptovalute contemporaneamente.

L’autorità per l’energia della città sta collaborando con MintGreen, un miner cleantech per costruire “caldaie digitali” progettate per recuperare fino al 96% dell’elettricità utilizzata dagli hardware.

El Salvador

El Salvador è un paese molto particolare per quanto riguarda Bitcoin, come ben sappiamo. A maggio 2021 ha annunciato che sarebbe stato il primo paese al mondo ad adottare Bitcoin come moneta a corso legale. Questo è stato uno dei numerosi progetti relativi alle criptovalute annunciati dal controverso presidente Nayib Bukele. Altri includono dare a ogni cittadino $30 in BTC e creare una città alimentata da un vulcano chiamata “Bitcoin City”.

Molti dei progetti di Bukele sono ancora nelle fasi iniziali e hanno buone probabilità di fallire. Tuttavia, se manterrà le sue promesse, El Salvador diventerà un leader mondiale nella sfera delle criptovalute e selezionerà numerose caselle nella nostra lista di controllo, con mining sostenibile e geotermico, politiche favorevoli e l’adozione di massa dei portafogli Bitcoin.

Citando una serie di proteste, i critici avvertono che l’esperimento di Bukele potrebbe causare gravi danni economici e instabilità politica nel Paese centroamericano.

Poiché Bukele è la personalità principale dietro l’impresa Bitcoin di El Salvador, un cambio di leadership potrebbe comportare rapidamente un cambiamento nella politica di Bitcoin.

Nonostante ciò, El Salvador è incluso in questo elenco per la sua volontà di innovare, correre rischi e abbracciare il futuro.

Migliori paesi al mondo per fare mining di Bitcoin: Kazakhstan

In seguito al divieto cinese, molte società minerarie cinesi hanno trasferito le loro operazioni in Kazakhstan. È significativo che lo stato dell’Asia centrale detenesse una quota del 18,1% dell’hashrate di Bitcoin nell’agosto 2021. Il paese vanta prezzi energetici bassi, ma presenta diversi svantaggi che lo rendono un posto in questo elenco come ammonimento su come non minare Bitcoin.

  • Il boom minerario del paese ha causato interruzioni di corrente, che hanno creato instabilità politica;
  • Quasi tutta l’energia del Kazakistan è prodotta da centrali a carbone inquinanti.

Islanda

Allora che dire di tutti quei fantastici paesi nordici? Bene, il mining di BTC sta ancora andando avanti, ma non è proprio tutto rose e fiori. Il supporto di paesi come l’Islanda per creare un mining di Bitcoin ecologico negli ultimi anni è stato importante per il decentramento di Bitcoin e delle società in questo mercato. La Icelandic Blockchain Foundation che afferma che l’8% di tutti i Bitcoin è stato minato qui, con l’aiuto del geotermico ed energia idroelettrica.

Ma quei giorni di gloria sembrano volgere al termine. Il paese deve affrontare delle carenze che lo hanno già costretto a punire gli utenti esistenti e respingere i nuovi miner di Bitcoin.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Ma con l’energia economica e sostenibile – destinata a diventare un bene sempre più prezioso – non possiamo scontare un possibile ritorno al vertice per l’Islanda e altre nazioni scandinave, soprattutto se il prezzo di Bitcoin subisce ulteriori decrescite che disincentivano il mining.