Euro Digitale: è una criptovaluta? Tutto quello che devi sapere per essere pronto

Euro digitale: cos’è e come funzionerà? Quello che dobbiamo sapere sul tentativo di innovazione e digitalizzazione dell’economia europea.

Nel luglio 2021 la Banca centrale europea (BCE) ha autorizzato l’avvio di un progetto pluriennale per la creazione di una versione digitale dell’euro, la valuta dell’Unione europea. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta, e di cosa c’entra con le criptovalute.

Euro digitale
Adobe Stock

L’indagine riguarderà il modo in cui la valuta – nota anche come Central Bank Digital Currency (CBDC) – dovrebbe essere progettata e distribuita e quale impatto avrà sul mercato. Comporterà anche la discussione delle modifiche alla legislazione dell’UE che potrebbero essere necessarie con l’avvento di tale valuta digitale. Immergiamoci!

Scenario iniziale

La Banca Centrale Europea (BCE) emetterà l’euro digitale si stima nel 2026, e si sta preparando a questa grande transizione. L’indagine è iniziata nell’ottobre 2021, e proseguirà per circa altri tre anni, dopodiché la valuta digitale dovrà essere lanciata dal consiglio direttivo della BCE.

L’obiettivo è sviluppare la migliore tecnologia possibile e la facilità di pagamento. Bisognerà allinearsi con le necessità quotidiane dei cittadini, e rendere tutti i processi più semplici.

L’euro digitale sarà in lavorazione per almeno altri tre anni prima del suo lancio definitivo. Naturalmente senza considerare il tempo necessario agli Stati membri del blocco UE per apportare le modifiche legislative necessarie.

I piani definitivi dell’UE arrivano dopo che altri paesi hanno fatto grandi passi avanti verso l’introduzione delle proprie CBDC. Citiamo la Cina, che nell’aprile 2021 ha lanciato il suo ambizioso yuan digitale in diverse città, per utilizzarlo nelle Olimpiadi invernali dello stesso anno.

Questa mossa fa parte anche delle massicce riforme della politica finanziaria europea che hanno preso il via nel settembre 2020. Allora l’UE ha pubblicato il suo pacchetto completo di finanza digitale, che include la proposta MiCA – vedremo più avanti nel dettaglio di cosa si tratta – per il targeting delle risorse digitali.

Questa proposta è stata seguita da un’ulteriore legislazione antiriciclaggio (AML) rivolta alle criptovalute nel luglio 2021. Tutti questi nuovi cambiamenti convergono in una nuova legislazione coerente nei prossimi due anni.

Euro digitale: che cos’è veramente

Secondo la BCE, “l’euro digitale garantirebbe ai cittadini dell’area dell’euro un accesso gratuito a un mezzo di pagamento semplice, universalmente accettato, sicuro e affidabile”.

La maggior parte dei pagamenti al giorno d’oggi vengono effettuati digitalmente, che si tratti di carte di debito o di credito o trasferimenti di fondi elettronici (EFT). La valuta digitale della banca centrale dell’UE (CBDC) è solo un’altra forma di pagamento digitale. Proprio come la sua controparte fisica in banconote e monete, sarà emessa dall’Eurosistema, che include la BCE e le banche centrali nazionali.

Dal momento che è sostenuto dalla Banca centrale europea, i detentori dell’euro digitale avranno un reclamo nei confronti della BCE. Quindi, in sostanza, ha lo scopo di fornire agli utenti l’efficienza di un metodo di pagamento digitale, unita alla sicurezza e alla protezione di una valuta della banca centrale.

Qual è lo scopo dell’euro digitale?

La proposta versione virtuale dell’euro fa parte della spinta delle banche centrali globali per soddisfare la domanda dei consumatori di opzioni di pagamento elettronico. Il tentativo è quello di mettersi al passo con le valute digitali del settore privato, come Bitcoin.

La BCE vuole fornire ai cittadini del blocco dell’UE, che non desiderano più utilizzare il contante, un’opzione di pagamento digitale. Questo anche evitare la necessità di fare affidamento su altri mezzi di pagamento digitali che sono controllati al di fuori della giurisdizione dell’UE. Possiamo citare a proposito i mega processori di pagamento: Visa e Mastercard.

Fornendo ai cittadini dell’UE un euro digitale, l’UE sarà in grado di tenere a freno parte del controllo dei dati delle transazioni. Inoltre servirà a prevenire le attività di riciclaggio di denaro e di evasione fiscale di cui fatica a tenere traccia nello spazio non regolamentato delle criptovalute. La mossa per iniziare a pianificare una CBDC dell’UE è stata accelerata dopo che la notizia della valuta Diem di Facebook, che però è stata annullata. Anche la rapida diffusione delle stablecoin – che hanno minacciato di minare il ruolo primario della BCE – ha contribuito a questa presa di posizione.

Come funzionerà l’euro digitale?

Secondo la BCE, l’euro digitale non sostituirà il contante, ma sarà di fatto complementare. La Banca afferma che l’euro digitale sarà uno “strumento veloce, facile e sicuro per i tuoi pagamenti giornalieri“. Ha lo scopo di fornire ai consumatori più scelte nei metodi di pagamento.

Secondo Reuters, l’euro digitale assomiglierà probabilmente a un conto bancario o a un portafoglio online che sarà tenuto presso la BCE, piuttosto che a un istituto finanziario di terze parti. Questa è una distinzione importante perché la BCE non può rimanere senza euro in quanto è l’emittente, il che la rende molto più sicura delle sue controparti commerciali.

La BCE probabilmente vede il rischio in questo: la sicurezza dell’euro digitale indurrà gli utenti a optare per il suo utilizzo completo, minacciando l’esistenza di altre istituzioni e organizzazioni finanziarie. Questo molto probabilmente vorrà dire che ci sarà un limite all’importo di euro digitali che un individuo può possedere individualmente.

La BCE ha dichiarato che lascerà l’emissione di conti bancari in euro digitali alle banche e a un certo numero di istituzioni fintech regolamentate, che offriranno quindi portafogli ai clienti per conto della BCE.

L’euro digitale utilizzerà la tecnologia blockchain?

L’utilizzo della tecnologia blockchain alla base delle criptovalute è un’opzione che la BCE potrebbe decidere di adottare per l’euro digitale. Tuttavia, la velocità delle transazioni e la scalabilità rimangono un problema.

La BCE ha sperimentato il proprio sistema di pagamento istantaneo, in combinazione con la tecnologia blockchain autorizzata per emettere e distribuire la valuta digitale. Tuttavia ad oggi non è ancora chiaro quale tecnologia decideranno di utilizzare.

La moneta sarà disponibile al di fuori del blocco dell’UE?

A causa della forza dell’euro, il limite che molto probabilmente sarà posto sull’importo di euro digitali che un individuo può possedere in una sola volta – diciamo ad esempio 3.000 euro – sarebbero un sacco di soldi per le famiglie nei paesi più poveri al di fuori dell’UE.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quindi, rendere disponibile l’euro digitale al di fuori della zona europea potrebbe potenzialmente compromettere i depositi dalle banche locali. Specialmente se gli altri paesi decideranno di lanciare CBDC. Tuttavia, questa mossa potrebbe rendere i pagamenti da e verso l’eurozona più economici, veloci e convenienti.