Sapevi che tutto ciò che ti hanno detto su Bitcoin ed Inflazione è una bugia? Ecco perché

Ecco perché tutto ciò che sapevi su Bitcoin e inflazione è una bugia: in questo articolo smontiamo la grande narrazione dei media.

E se ti dicessimo che ti hanno sempre mentito su Bitcoin?

bitcoin inflazione
Adobe Stock

In questo articolo, racconteremo la vera storia dietro Bitcoin e l’inflazione. Tratteremo:

  • La definizione effettiva di inflazione e come ha influenzato la tua vita;
  • La vera relazione tra Bitcoin e inflazione (e ciò che conta più dell’inflazione);
  • La verità sull’inflazione futura e le sue implicazioni per BTC;

Immergiamoci.

Oltre Bitcoin: tutto quello che dovresti sapere sull’inflazione

Ancora una volta, ci rivolgiamo alla perspicace esperta di macro Lyn Alden per capire i fondamentali dell’inflazione.

Scopriamo che esistono tre tipi di inflazione:

  • Inflazione monetaria;
  • Inflazione dei prezzi al consumo;
  • Inflazione dei prezzi delle attività;

L’inflazione monetaria è l’espansione dell’offerta di moneta. Per questo, di solito guardiamo all’offerta di moneta. Questa include la valuta in circolazione, i depositi presso le banche commerciali e il conto generale del Tesoro presso la Federal Reserve (ovvero il conto bancario del governo americano). L’offerta di denaro è cresciuta moltissimo negli anni, in tutte le zone del mondo.

L’inflazione dei prezzi al consumo è ciò che viene comunemente intesa come inflazione: l’aumento dei prezzi di tutti i beni di prima necessità. L’inflazione monetaria può portare all’inflazione dei prezzi al consumo, ma non necessariamente. In termini semplificati, l’inflazione dei prezzi al consumo si verifica quando l’offerta di beni importanti (come le materie prime) è scarsa e/o c’è molta inflazione monetaria. Questo fenomeno è chiamato inflazione lato offerta e lato domanda. In generale i livelli dei prezzi hanno iniziato ad accelerare quando il mondo è uscito dal gold standard.

L’inflazione dei prezzi delle attività è l’aumento dei prezzi degli asset come immobili, azioni, oro e criptovalute. A seconda di vari fattori, i prezzi delle attività possono aumentare più velocemente o più lentamente dei prezzi al consumo e dell’offerta di moneta. Ad esempio, negli ultimi 30 anni i prezzi dell’oro sono aumentati più rapidamente dei prezzi al consumo.

L’inflazione monetaria porta all’inflazione dei prezzi al consumo e all’inflazione dei prezzi delle attività. Ma i prezzi al consumo possono reagire con un ritardo e possono essere annullati da forze deflazionistiche.

Le forze deflazionistiche possono essere il progresso tecnologico, un aumento dell’offerta di lavoro o un eccesso di offerta di merci.

Perché questo è importante?

Dopo la Grande Crisi Finanziaria del 2008 c’è stata una massiccia inflazione monetaria, una massiccia inflazione dei prezzi delle attività, ma non troppa inflazione dei prezzi al consumo. In altre parole, il nuovo denaro ha fatto aumentare i prezzi degli asset, ma cibo e carburante non sono cambiati molto.

Come mai?

A causa dei bassi prezzi del petrolio (eccesso di offerta di materie prime) e della Cina che punta a diventare l’hotspot manifatturiero del mondo (aumento dell’offerta di manodopera).

Per Bitcoin tutto questo è stato fantastico. È passato da zero a una valutazione a cinque cifre. Come vedremo nell’ultima sezione, entrambi questi fattori stanno cambiando.

Ma qui arriva la parte interessante. Il bitcoin è stato sponsorizzato per anni come una copertura dall’inflazione. Ma l’inflazione non era poi così alta. Ora che veramente l’inflazione ha raggiunto livelli insostenibili, BTC è crollato. In sintesi:

  • I tre tipi di inflazione sono l’inflazione monetaria, l’inflazione dei prezzi al consumo e l’inflazione dei prezzi delle attività.
  • Se c’è molta manodopera e/o molte materie prime a buon mercato, i prezzi al consumo non seguono immediatamente l’inflazione monetaria.
  • Dal 2008 al 2020, abbiamo avuto principalmente un’inflazione dei prezzi delle attività, e una moderata inflazione dei prezzi al consumo.

Qual è il vero legame tra Bitcoin e inflazione?

BTC e inflazione non hanno molta correlazione. Semmai, il recente passato ha mostrato che sono correlati inversamente.

Bitcoin ha raggiunto l’attuale apice quando l’indice dei prezzi al consumo (CPI) era più alto del previsto a novembre 2021. Da allora, l’inflazione ha realizzato un record pluridecennale e BTC si è aggrappato al suo precedente massimo del ciclo.

Ma BTC e inflazione monetaria sono molto correlati. In termini semplici, questo significa che quando la stampante di denaro va in tilt, gli asset volatili come BTC crescono.

In sostanza abbiamo sempre guardato le variabili sbagliate. Non sono importanti i dati sul CPI e probabilmente neanche l’halving di Bitcoin. Lo è invece la proverbiale stampa di denaro presso le banche, e la volontà di queste di espandere il credito. Bitcoin è una copertura contro la svalutazione della valuta, ma non contro l’aumento dei prezzi.

Pensaci in termini di criptovalute: hai una shitcoin – in questo caso USD con offerta illimitata – contro un asset scarso a cui solo poche persone hanno accesso. L’offerta delle valute fiat come euro o dollaro aumenta e non diminuisce mai. Durante i periodi di aumento dell’offerta, vogliamo scambiare quella moneta con qualcosa di più scarso. Qualcosa come… Bitcoin.

Ma BTC è una buona copertura contro la svalutazione della valuta rispetto ad altri asset? Dopotutto potremmo anche investire in immobili o azioni.

BTC contro altri asset

Finora Bitcoin è stato il migliore in questo. Il prezzo di BTC e l’aumento dell’offerta di moneta sono quasi perfettamente correlati.

Quando tutti hanno più soldi acquistano azioni e asset speculativi, quindi un aumento nominale del valore non garantisce un aumento reale. Ma è comunque meglio della valuta fiat.

Questo è ancora più chiaro se guardiamo al prezzo medio delle case negli Stati Uniti. La casa media di oggi vale quanto dieci anni fa.

Ok, quindi BTC (e la criptovaluta nel suo insieme) è l’asset con le migliori prestazioni. Caso chiuso?

Non così in fretta. Se la performance passata fosse l’unico indicatore della performance futura, investire sarebbe molto semplice. Dobbiamo guardare al possibile sviluppo futuro dell’inflazione monetaria e al suo rapporto con BTC.

  • BTC ha protetto i suoi investitori dall’inflazione monetaria, non dall’inflazione dei prezzi al consumo.
  • BTC (ed ETH) hanno overperformato sia le azioni che gli immobili in termini di aggiustamento dell’offerta di moneta.
  • Lo sviluppo futuro dell’offerta di moneta e la reazione di Bitcoin ad essa determinano il suo sviluppo dei prezzi a lungo termine.

Inflazione, geopolitica, supply chain… e un po’ di bitcoin

Se dovessi verbalizzare l’attuale sentimento politico ed economico globale, senza dubbio sceglierei la deglobalizzazione. Digita deglobalization in Twitter e otterrai una serie di risultati interessanti.

Per farla breve, la deglobalizzazione è l’idea che l’interdipendenza e l’integrazione tra le diverse parti del mondo diminuiranno invece di aumentare.

Che importanza ha tutto questo per Bitcoin?

La deglobalizzazione è guidata dagli sviluppi geopolitici. Nel 2022 il rischio geopolitico è salito alle stelle. La guerra in Ucraina e la crisi di Taiwan sono solo i conflitti più evidenti (e più importanti), ma ce ne sono molti altri che si preparano ad emergere.

I mercati attualmente si aspettano che la Fed sia abbastanza vicina al rialzo massimo dei tassi di interesse.

In questa linea temporale, la Fed sta cronometrando correttamente e accuratamente il picco dell’inflazione, e aumenterà più lentamente – fino a fermarsi – quando l’inflazione dei prezzi al consumo trova un nuovo equilibrio a un livello più alto.

Ma ci sono diversi motivi per essere cauti riguardo al picco di inflazione in cui ci troviamo.

Gli impulsi deflattivi derivanti dall’eccesso di lavoro, beni e merci sono in calo

Man mano che la Cina si sposta più in alto nella scala del valore aggiunto – e diventa sempre più l’antagonista principale del dollaro – il rapporto tra Cina e Occidente potrebbe fratturarsi. Questo è probabilmente solo l’inizio.

Le catene di approvvigionamento cambieranno in modo permanente. I governi stanno sollecitando i produttori di semiconduttori a tornare, o trasferirsi dalle regioni più scomode (per una serie di fattori) del mondo. Sfortunatamente, non è possibile trasferire un impianto di semiconduttori in modo semplice da Taiwan negli Stati Uniti, ma probabilmente non sarà l’ultima industria ad essere invitata a mobilitarsi.

Poi ci sono i prezzi delle materie prime e dell’energia. In Italia siamo testimoni degli incredibili prezzi dell’elettricità e del carburante.

Sia il riscaldamento che l’elettricità si preannunciano come una grave perturbazione per l’UE nei prossimi anni.

L’inflazione è ciclica o strutturale?

Una bella domanda è se la guerra economica resterà a lungo o se è solo un periodo di crescenti tensioni. Senza consultare la nostra sfera geopolitica, è giusto dire che l’inflazione sorprenderà al rialzo se la guerra economica tra l’Occidente e la Cina/Russia continuerà o addirittura si intensificherà.

Mercato del lavoro e richieste salariali

Il mercato del lavoro in questo momento è indubbiamente teso.

Meno persone che lavorano significa meno lavoro in eccesso. Il che significa che coloro che sono occupati possono e chiederanno salari più alti, soprattutto considerando l’aumento dei prezzi al consumo. L’aumento dei salari è un altro motore dell’inflazione e la carenza di manodopera è strutturale, non ciclica.

Tutti questi fattori sono possibili ragioni per cui l’aumento dell’inflazione dei prezzi al consumo potrebbe rimanere per diverso tempo. Quindi abbiamo la pressione dal lato dell’offerta – di cui abbiamo appena discusso – e la forte domanda dal mercato del lavoro.

L’analista Zoltan Pozsar espone la sua tesi secondo cui tutto questo potrebbe facilmente portare la Fed a dover aumentare i tassi fino al 5% per frenare l’inflazione. La sua tesi è che i cambiamenti strutturali nell’offerta richiedono una recessione, perché la domanda deve essere frenata in qualche modo. Questo in poche parole significa: prima la recessione, poi la stagflazione.

Una bella gatta da pelare.

Cosa significa tutto questo per le criptovalute?

Ci sono due implicazioni. Innanzitutto, BTC e criptovalute continueranno a essere guidate dall’inflazione monetaria. Tutti si aspettano che la Fed cominci a espandere nuovamente l’offerta di moneta. Arthur Hayes sta puntando su ETH sulla base di quella tesi. Ma la verità è che nessuno sa quando arriverà. In questo articolo abbiamo visto un paio di ragioni per cui potrebbe arrivare più tardi del previsto.

In secondo luogo, l’adozione di BTC e criptovalute sarà fondamentale. Abbiamo visto che BTC ha overperformato tutte le altre classi di attività nell’ultimo decennio. Ma più grande è il mercato, più forza è necessaria per spostarlo. Maggiori aumenti nominali delle capitalizzazioni di mercato si traducono in guadagni percentuali minori man mano che un asset matura. Maggiore è la domanda da parte dei big player, maggiore sarà la pressione sui prezzi. Ma Tesla ha recentemente rivelato di aver venduto buona parte dei suoi Bitcoin. In breve, molti grandi investitori sono già in BTC (ma meno in ETH) e la salita sarà dura.

  • La deglobalizzazione sta cambiando l’economia generale.
  • Un’inflazione più alta potrebbe essere qui per rimanere per diversi motivi, causati in buona parte dalla deglobalizzazione.

Considerazioni finali

Macroeconomia è il nome del gioco. Una volta che sai quali variabili sono fondamentali, sei molto più attrezzato per realizzare profitti nei mercati delle criptovalute (come in tutti gli altri).

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quindi non temere l’inflazione. Continua a imparare ed a stare al passo con il gioco