Alla scoperta di Cosmos (ATOM): il layer 0 che lotta per il titolo di “Internet delle Blockchain”

Cosmos (ATOM): guida semplice e completa ad uno dei layer 0 più importanti sul mercato. Confronto con Ethereum e Polkadot e molto altro.

La blockchain Cosmos è stata sviluppata per facilitare la comunicazione tra registri distribuiti – o blockchain che dir si voglia – senza fare affidamento su un server centralizzato. Il white paper Cosmos è stato pubblicato nel 2016 e la rete è stata presto considerata l’Internet delle blockchain dai suoi fondatori, che volevano creare una piattaforma interoperabile di blockchain open source in grado di semplificare le transazioni tra di loro.

Fin dall’inizio della storia blockchain, l’interoperabilità è stata un ostacolo difficile da superare per gli sviluppatori.

L’interoperabilità di fatto è ciò che consente la comunicazione tra due o più sistemi. Pensa alle e-mail di un account Gmail che comunica con uno di Hotmail. Oppure un telefono Android che può condividere dati con iOS di Apple.

atom cosmos
Crypto.it

Per prima cosa vengono create singole strutture, come nel caso di una blockchain specifica. Ma è necessario far comunicare tali sistemi. In caso contrario non sarebbero di grande utilità, anzi potrebbero rappresentare un ostacolo all’adozione della tecnologia.

Cosmos è la prima piattaforma completamente gratuita che consente l’interoperabilità tra diversi sistemi tra cui BNB Chain e Cronos Chain, solo per citarne alcuni. Possiede oltre 151 miliardi di dollari di asset digitali in gestione.

ATOM è la criptovaluta che alimenta e protegge l’ecosistema di blockchain progettate per scalare e interagire tra loro. Leggi di più!

Cosmos (ATOM): ecco come funziona

La rete Cosmos è un ecosistema in continua espansione di app e servizi interconnessi.

Utilizza Cosmos Hub, l’algoritmo di consenso Tendermint e il protocollo Inter-Blockchain Communication (IBC) per garantire che le blockchain possano comunicare in modo sicuro.

Alcune piattaforme comunicano tra loro utilizzando smart contract. Attraverso questo processo, i token vengono bloccati su una piattaforma e quindi l’importo corrispondente dell’asset viene coniato sull’altra. I token wrapped sono un tipico esempio di questo processo. Vediamo brevemente come funzionano.

Invece di inviare Bitcoin (BTC) dalla blockchain di Bitcoin a un’altra piattaforma come Ethereum, il BTC viene bloccato in una blockchain funzionale che fornisce il servizio. L’importo corrispondente come Wrapped Bitcoin (wBTC) viene emesso in token ancorati su un’altra blockchain.

Al contrario, Cosmos offre strumenti open source per consentire agli sviluppatori di creare applicazioni blockchain decentralizzate e sovrane chiamate zone, invece di fare affidamento su un’unica blockchain. Le zone sono contratti intelligenti di Cosmos.

Il team di Cosmos ha creato il kit di sviluppo software (SDK) che consente agli sviluppatori di creare zone più velocemente, più semplici e più economiche rispetto ad altre piattaforme come Ethereum.

Riduce al minimo la complessità offrendo le funzionalità più comuni tra blockchain come staking, governance e token attraverso programmi di sviluppo software noti e semplici da usare come GO. Gli sviluppatori hanno la massima libertà e flessibilità per creare plug-in e aggiungere tutte le funzionalità che desiderano.

Cosmos Hub

Ogni zona si collega a un’altra zona tramite hub. Cosmos Hub è l’hub principale, ma sono disponibili anche altri.

Qualsiasi zona o hub non deve necessariamente funzionare o comunicare con un altro, ma ogni nuova zona è collegata al Cosmos Hub, la prima blockchain lanciata sulla rete Cosmos che tiene traccia dello stato di ogni zona e viceversa.

Ogni zona può funzionare in modo autonomo, dall’autenticazione di account e transazioni alla creazione e distribuzione di nuovi token passando per l’esecuzione di modifiche sulla blockchain.

Oltre a facilitare l’interoperabilità tra tutte le zone all’interno della rete – tenendo traccia dei loro stati – Cosmos hub consente anche l’interoperabilità con blockchain proof-of-work (PoW) come Bitcoin tramite bridge.

Tolleranza ai guasti Tendermint Byzantine (BFT)

Gli strumenti Cosmos SDK utilizzano per impostazione predefinita il protocollo di consenso Tendermint Byzantine fault tolerance (BFT) per proteggere la rete, ma possono essere usati anche altri. Tendermint BFT consente agli sviluppatori di creare blockchain senza codificare da zero.

L’algoritmo Tendermint BFT convalida le transazioni ed esegue blocchi sulla blockchain. Utilizza un protocollo chiamato interfaccia blockchain per connettersi alle applicazioni.

Il protocollo funziona tramite un meccanismo di governance proof-of-stake (PoS) che supporta l’integrazione della rete distribuita dei computer che esegue Cosmos Hub.

I partecipanti alla rete possono mettere in stake ATOM e guadagnare ricompense. I primi 100 staker possono diventare nodi validatori per alimentare la blockchain e votare sulle modifiche. Maggiore è l’importo di ATOM in stake, maggiore è il potere di voto per i validatori.

Gli utenti possono anche scegliere di delegare i propri token ai validatori. Questo incentiva tali utenti a comportarsi in modo onesto. Gli utenti possono scegliere facilmente uno o più validatori a cui delegare ATOM, a seconda delle proprie preferenze di voto.

Hub e zone comunicano attraverso il protocollo Inter-Blockchain Communication – o IBC – che consente loro di interagire.

Protocollo di comunicazione inter-blockchain

IBC è un protocollo che consente la trasmissione di messaggi sicuri tra blockchain/zone eterogenee e le collega al Cosmos Hub. Questo processo innovativo consente agli utenti di scambiare risorse e dati in modo libero e sicuro tra blockchain sovrane (autonome) e decentralizzate.

Cosmos Hub è considerato un fornitore di servizi per le chain che devono connettersi ad esso per diventare interoperabili. Qualsiasi blockchain sovrana con diverse applicazioni, validatori e meccanismi di consenso può comunque comunicare e scambiare dati con le altre, indipendentemente dalle loro funzionità.

Le blockchain Cosmos utilizzando IBC possono praticamente fare tutto ciò che vogliono, dai trasferimenti di criptovalute a token non fungibili (NFT), nonché contratti intelligenti cross-chain. Grazie ad IBC è possibile costruire qualsiasi applicazione cross-chain.

Quale problema risolve Cosmos?

L’obiettivo di Cosmos è consentire la comunicazione tra tutte le blockchain risolvendo tre importanti problemi della blockchain: sovranità, scalabilità e sostenibilità.

Sovranità 

L’SDK gratuito di Cosmos consente agli sviluppatori di creare app blockchain sovrane senza costi. Queste blockchain possono facilmente interconnettersi senza fare affidamento su contratti intelligenti per esistere su una blockchain diversa, evitando così commissioni di transazione elevate dovute alla congestione della rete, mentre sviluppano migliori funzionalità di ridimensionamento.

Tutto questo aumenterà le funzionalità innovative della DeFi, degli NFT, dei giochi play-to-earn, delle organizzazioni autonome decentralizzate (DAO), dei social network e di tutta l’economia che si basa su Internet, in particolare il web3, in cui tutti hanno interesse a partecipare.

Scalabilità 

L’interoperabilità Cosmos è ciò che garantisce il funzionamento di un sistema scalabile. Integrando il modello di interoperabilità Cosmos degli standard di comunicazione condivisi, qualsiasi tipo di blockchain sovrana sarà in grado di comunicare con le altre e contribuire all’evoluzione del proprio protocollo.

La scalabilità di Cosmos può essere ottenuta duplicando una blockchain per alleviare la congestione o suddividendo le app in più blockchain specifiche dell’applicazione. I trasferimenti di token interchain consentono a queste chain multiple di operare su una singola rete.

Sostenibilità

La sostenibilità è assicurata dall’algoritmo di consenso PoS, che mette in sicurezza la rete. Il Proof-of-Stake riduce l’impronta di carbonio del 99% rispetto all’algoritmo di consenso PoW. Ne abbiamo parlato in modo approfondito in questo articolo.

Cosmos vs Ethereum

Anche se Ethereum sembra essere finalmente vicino al passaggio al Proof-of-Stake – che nel momento in cui scrivo non è avvenuto – la piattaforma è ancora basata su un algoritmo di consenso PoW, il che la rende meno sostenibile di Cosmos.

La scalabilità è un altro problema importante per Ethereum. A volte l’esecuzione di una transazione Ethereum può richiedere diversi minuti.

Invece gli algoritmi proof-of-stake di Cosmos Tendermint BFT possono gestire fino a migliaia di transazioni al secondo, rendendo l’intero processo molto più veloce ed economico rispetto alle commissioni di transazione di Ethereum, le quali a volte potrebbero essere estremamente elevate, a seconda del traffico sulla blockchain.

In Ethereum gli strumenti finanziari complessi vengono trattati tramite contratti intelligenti senza autorizzazione, con funzionalità specifiche per costruire l’intero ecosistema. In Cosmos, ogni smart contract o applicazione è essenzialmente una blockchain, il che significa che non interferisce con le altre mentre queste processano le proprie transazioni.

Cosmos offre un design adatto agli sviluppatori che vogliono costruire blockchain sovrane in modo rapido ed economico. Il suo sistema interoperabile consente una comunicazione tra blockchain semplice, che Ethereum al momento non consente.

D’altra parte il vantaggio principale dell’utilizzo di Ethereum è la sua popolarità come blockchain, in quanto first mover. Di fatto è ancora la piattaforma preferita per costruire applicazioni nei mercati DeFi, NFT e Metaverso, in quanto al momento possiede le funzionalità più spendili della blockchain. Molti scommettono che questa posizione predominante non verrà mai sovvertita. Solo il tempo ce lo dirà.

Team di Cosmos

Lo sviluppo di Cosmos è il risultato della cooperazione tra diversi team. Swiss Interchain Foundation (ICF) ha avuto il merito di stanziare i primi fondi per il suo sviluppo. Si tratta di un’organizzazione senza scopo di lucro che finanzia e supporta progetti blockchain open source. In questo senso va citato anche il team di Tendermint.

Gli sviluppatori di software Jae Kwon ed Ethan Buchman hanno co-fondato la rete Cosmos nel 2014 creando anche Tendermint, l’algoritmo di consenso che alimenta Cosmos. Kwon e Buchman hanno scritto il white paper di Cosmos nel 2016 e successivamente hanno rilasciato il software nel 2019.

La Interchain Foundation ha organizzato la prima serie di raccolte fondi con un’offerta iniziale di monete (ICO) ATOM nel 2017, della durata di due settimane, accumulando oltre $17 milioni di dollari.

Tendermint Inc. ha raccolto 9 milioni di dollari per continuare lo sviluppo del progetto attraverso un round di finanziamento di serie A nel 2019. Jae Kwon ha lasciato il progetto all’inizio del 2020, promettendo che sarebbe rimasto comunque coinvolto, mentre l’altro co-fondatore – Ethan Buchman – è ancora presidente dell’Interchain Foundation Council.

Cosmos ha attirato l’attenzione – e soprattutto gli investimenti – da parte di diversi nomi di spicco nel settore delle criptovalute, tra cui Paradigm, Bain Capital e 1confirmation.

Dove acquistare ATOM

Puoi comprare e vendere ATOM su una moltitudine di exchange. I principali sono:

Staking di Cosmos

Lo staking di ATOM è un passo necessario per contribuire alla sicurezza economica e alla governance dell’ecosistema Cosmos. Basta selezionare uno o più validatori Cosmos per iniziare a guadagnare ricompense sotto forma di criptovalute. Lo staking concede inoltre il diritto di voto su aggiornamenti e proposte che determineranno il futuro della rete.

Attualmente, il rendimento percentuale annuo tipico di ATOM in staking è del 9,7%. Se gli utenti mettono in stake 1000 ATOM, ottengono in media 89,18 ATOM come ricompensa netta, considerando il 10,28% di commissioni, anche se queste variano tra i validatori.

I premi per lo staking sono generati dalle commissioni di transazione di Cosmos Hub e distribuiti a chi detiene la criptovaluta. Si consiglia di affidarsi a più validatori contemporaneamente per evitare o quantomeno limitare i rischi. Questo può succedere ad esempio se un validatore si comporta male o ha tempi di inattività. Gli ATOM delegati vengono bruciati, quindi perduti per sempre.

Per richiedere i premi alla fine del periodo di staking, è sufficiente generare una transazione senza costi utilizzando un normale wallet. Non esiste un portafoglio Cosmos specifico. Ci sono molti exchange e piattaforme scambi che supportano reti e token dell’ecosistema Cosmos.

Puoi usare Ledger Live, Trust wallet e molti altri portafogli per inviare, ricevere e archiviare ATOM.

Il futuro della blockchain Cosmos (ATOM)

La strada da percorrere sembra incoraggiante per l’ecosistema Cosmos. Sono previsti miglioramenti significativi in ​​termini di sicurezza con lo sviluppo di Interchain Security. Ciò garantirà una migliore protezione su tutte le chain interconnesse.

Una maggiore fluidità nelle connessioni IBC faciliterà le transazioni DeFi e il trasferimento NFT interchain su diverse blockchain pubbliche e autorizzate.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

I piani a breve ed a lungo termine di Cosmos sono ambiziosi e includono molte funzionalità. Non dimentichiamoci che ha alle spalle un team di sviluppatori brillanti che consente ai suoi partecipanti un futuro prosperoso.