Bitcoin è veramente anonimo? Facciamo chiarezza

Bitcoin è anonimo? È possibile acquistare Bitcoin in modo non tracciabile? In che misura la privacy è presente nella blockchain?

In questo articolo esploreremo l’anonimato della criptovaluta. Oggi ci sono migliaia di monete con proprietà diverse, a che livello siamo con la privacy?

bitcoin anonimo
Adobe

Come per qualsiasi argomento relativo alle criptovalute, non esiste una risposta facile. Oggi esistono oltre 20.000 criptovalute, ed ognuna ha proprietà diverse dalle altre. Per scoprire se Bitcoin è anonimo dobbiamo prima rispondere ad alcune domande. Immergiamoci.

Bitcoin è anonimo?

Bitcoin è stata la prima criptovaluta, e nei primi anni era considerato anonimo. I primissimi casi d’uso sono stati l’acquisto e la vendita di beni (per lo più illegali) online tramite il famigerato dark web. Il primo mercato di dubbio gusto si chiamava Silk Road e aveva la reputazione di avere “qualcosa” in vendita. Immagina un eBay – o un Amazon – per criminali.

In quei primi giorni, Bitcoin era la moneta preferita per l’acquisto e la vendita di merce per lo più illegale. Un indirizzo Bitcoin è una lunga stringa di numeri e lettere (sia maiuscole che minuscole) che la gente credeva fosse impossibile da rintracciare. Sebbene ogni indirizzo di portafoglio sia unico, sembrano tutti uguali perché noi umani non elaboriamo facilmente stringhe casuali di numeri e cifre. Ma gli indirizzi del wallet in realtà non sono anonimi: sono pseudonimi, il che significa che in qualche modo sostituiscono l’identità del proprietario del wallet.

Analisi on-chain: ecco che cos’è

Quando il fondatore di Silk Road Ross Ulbricht è stato arrestato dall’FBI, gli agenti sono stati attenti ad assicurarsi che fosse arrestato con il suo laptop aperto, e che fosse registrato nel sistema di amministrazione. In pratica avevano bisogno di collegare fisicamente l’uomo con il suo “alter ego” online.

Il sito nel dark web era una miniera d’oro per gli agenti, che sono stati in grado di collegare tra loro acquirenti e venditori tramite i loro portafogli Bitcoin.

Sebbene all’epoca esistessero molte migliaia di portafogli, questo ha fornito il trampolino di lancio alle autorità per analizzare la blockchain e collegare gli indirizzi dei portafogli con persone reali e i loro indirizzi reali. Il processo di collegamento di questi punti è noto come analisi on-chain. Oggi è un processo ampiamente utilizzato per tenere traccia delle transazioni dei criminali, ma è usato anche dagli analisti per fornire dati utili agli investitori.

Negli ultimi anni i governi hanno reso legali gli exchange di criptovalute, e ne hanno imposto la – con ogni probabilità imminente – regolamentazione. Grazie a questo, gli exchange e (se necessario) i governi hanno accesso ai dati di acquisto e vendita ed a tutte le transazioni che portano le criptovalute fuori dall’exchange. Anche se questo è ovviamente tutt’altro che completo, rende possibile riempire molti degli spazi vuoti e capire molto di più su chi sta facendo cosa. Nel momento in cui scrivo Bitcoin ed Ethereum sono di gran lunga le blockchain più analizzate.

È possibile acquistare Bitcoin in modo anonimo?

A questo punto vale la pena soffermarsi a considerare le quattro azioni principali che si possono fare con Bitcoin, o qualsiasi moneta. Stanno comprando, vendendo, inviando e ricevendo. L’acquisto e la vendita sono azioni che vengono generalmente effettuate in cambio di valuta fiat, come l’euro oil dollaro USA. L’invio e la ricezione invece avviengono normalmente con una terza parte in cambio di alcuni beni o servizi.

Quando si tratta dei processi di acquisto e vendita, oggi è molto difficile farlo in modo anonimo. Poiché la maggior parte degli exchange sono ora attività registrate e regolamentate, tengono traccia dei fondi inviati ai portafogli. Tuttavia ci sono alcuni servizi che abbinano acquirenti e venditori per transazioni peer-to-peer in contanti. Il primo e il più famoso di questi servizi è LocalBitcoins.com, un sito peer-to-peer per lo scambio di criptovalute con fiat. Ma la forma di scambio più anonima in assoluto – incontrare uno sconosciuto e consegnare denaro in cambio delle criptovalute – non è più supportata su LocalBitcoins a causa della loro crescente aderenza alle normative.

C’è stato un potenziamento del controllo governativo perché c’è il rischio concreto di riciclaggio di denaro o di evasione fiscale. Il risultato è che la maggior parte dei venditori e degli acquirenti ora effettuano transazioni tramite bonifici bancari, che non sono anonimi. Questo perché – se un governo sceglie di indagare – bisogna essere a posto.

Ad esempio gli hacker di Twitter nel 2020 sono stati catturati quando hanno inviato alcuni dei Bitcoin rubati tramite Coinbase. L’analisi on-chain da parte delle autorità, che hanno utilizzato i dati dei clienti di Coinbase, è stata in grado di abbinare gli indirizzi alle persone.

Cosa fa un mixer Bitcoin?

I primi appassionati di criptovalute erano dei puristi, e questa riduzione della privacy è stata il catalizzatore per la creazione dei cosiddetti mixer. Un mixer è un servizio che “mescola” le monete tra un certo numero di indirizzi in cambio una piccola tassa. Sono anche conosciuti come tumbler. Il rimescolamento avviene con altre monete di altre persone che desiderano utilizzare lo stesso servizio. Sebbene tutto questo non garantisca l’anonimato, rende incredibilmente difficile tracciare le monete.

Oggi i servizi di mixer stanno raggiungendo numeri incredibili. Esistono servizi di missaggio su quasi tutte le blockchain, che possono offrire costi inferiori rispetto a Bitcoin.

La lista dei ricchi 

Un altro aspetto relativo alla privacy – che è un vero punto di forza o di debolezza di Bitcoin e di altre criptovalute – è che le blockchain sono pubbliche. È possibile visualizzare le transazioni di ogni blocco, in ogni momento. Ciò significa anche che è possibile visualizzare la cronologia delle transazioni di ogni singolo wallet. Questo equivale ad avere un registro pubblico delle transazioni per ogni conto bancario nel mondo, in ogni momento. Inutile dire che tutto questo è molto lontano dal rendere le criptovalute – meno che mai Bitcoin – anonime.

Il risultato finale di questa trasparenza è che ci sono siti web che mostrano registrazioni aggiornate dei portafogli Bitcoin che detengono il maggior numero di monete. Questa lista è nota come The Bitcoin Rich List. Queste liste esistono per tutte le criptovalute.

Poiché Bitcoin è stata la prima criptovaluta, sono state emesse numerose criptomonete con innovazioni pensate proprio per limitare questa trasparenza. La migliore tra queste rimane Monero, tutt’oggi al 28o posto nel momento in cui scrivo. È praticamente impossibile visualizzare i saldi dei wallet Monero, e quindi non esiste una rich list per questa criptovaluta.

Qual è la criptovaluta più anonima?

Sono state create numerose monete con diversi livelli di privacy e anonimato integrati. Le due principali privacy coin sono Zcash e Monero.
Zcash ha alcune eccellenti funzionalità di privacy per proteggere le transazioni. Ma queste funzionalità devono essere attivate dagli utenti e la ricerca ha dimostrato che solo una percentuale molto piccola delle transazioni ha queste caratteristiche. La privacy su una blockchain può essere considerata buona quando la maggior parte o tutte le transazioni sono private.

Monero ha funzionalità di privacy in atto sia per la blockchain che per le sue transazioni, il che significa che sostanzialmente è abbastanza anonima.

Se sei interessato a queste tecnologie alla base della privacy sulle criptovalute, ti suggerisco di cercare su Google “zk-SNARKS” e “zk proofs”. Buona fortuna!