INPS: nuove regole per assegni familiari e quote di maggiorazione per la pensione per il 2024

L’INPS ha diffuso un comunicato ove fa sapere che dall’inizio di quest’anno ci sono state modifiche nei limiti del reddito familiare per il diritto agli assegni familiari, oltre al tetto necessario al fine della cessazione o riduzione della parte maggiorativa delle pensioni.

Con la circolare n. 31 del 7.2.2024, l’Inps informa che a partire dal 1° gennaio 2024 sono stati rivalutati sia i limiti di reddito familiare per l’accertamento del carico ai fini del diritto agli assegni familiari che i limiti di reddito mensile per l’accertamento del carico ai fini della cessazione o riduzione delle quote di maggiorazione delle pensioni.

inps limiti pensioni 2024
Con la circolare n. 31 del 7.2.2024, l’Inps informa che dal 1° gennaio 2024 sono stati rivalutati i limiti per gli assegni familiari – Crypto.it

Le indicazioni portate dall’INPS sono quindi applicabili nei confronti dei soggetti esclusi dalla normativa sull’assegno per il nucleo familiare. Tali soglie andranno quindi ad applicarsi ai coltivatori diretti, coloni, mezzadri, piccoli coltivatori diretti e pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi, che rimangono sotto la normativa sull’assegno per il nucleo familiare.

Come cambiano i limiti per gli assegni familiari e le quote di maggiorazione delle pensioni

Con l’uscita della circolare n. 31 del 7.2.2024, l’Inps informa che a partire dal 1° gennaio 2024 sono stati rivalutati i limiti. Vediamo nel dettaglio cosa è cambiato nel 2024:

inps limiti pensioni 2024
Adobe Stock

Questi sono gli importi delle prestazioni

  • I fratelli, sorelle e nipoti dei coltivatori diretti, coloni e mezzadri ricevono 8,18 euro al mese.
  • 100,21 euro mensili per i coniugi, fratelli, sorelle e nipoti dei pensionati delle gestioni speciali e dei piccoli coltivatori diretti;
  • 1,21 euro mensili per i genitori ed equiparati dei piccoli coltivatori diretti
  • Il trattamento minimo per il Fondo pensioni lavoratori dipendenti è fissato a 598,61 euro al mese a partire dal 1° gennaio 2024 e per l’intero anno secondo le norme vigenti per la perequazione automatica delle pensioni.

I limiti di reddito mensili da considerare per l’accertamento del carico (non autosufficienza economica) e per il riconoscimento del diritto agli assegni familiari per l’anno 2024 sono i seguenti:

  • Il compenso per un genitore, un coniuge, fratelli, sorelle e nipoti è di 844,04 euro
  • il compenso per due genitori ed equiparati è di 1.475,32.
Impostazioni privacy