Le verità scomode sul trading: cosa devi sapere prima di lanciarti nel tritacarne

Il trading è ormai un’attività decisamente blasonata e ha preso enorme popolarità anche grazie alle criptovalute e la pazzesca bull run che ha reso ricche molte persone in poco tempo. Ma non è tutto oro ciò che luccica.

Il trading non è un investimento. Il trading non è un hobby. O meglio, può esserlo, ma è decisamente un passatempo pericoloso, se non conoscono alcuni concetti basilari. Nessuno si sognerebbe di lanciarsi in uno sport estremo senza preparazione. Provare a lanciarsi sui mercati senza preparazione, è come saltare dall’aereo senza paracadute.

trading business investire
Adobe Stock

Il grande malinteso

Fare trading non è un investimento. Il trading è un tipo di business.

Il trading è un tipo di business. Come in un casinò. Distribuisci il rischio su più tavoli e lasci che la legge dei grandi numeri faccia il suo dovere. Investire, sia come azionista, socio accomandante o creditore (ovvero allocando capitale nei mercati primari o secondari ma non come membro del management), è qualcosa che fai in un’azienda. Puoi mettere i tuoi soldi in un casinò. O mettere i tuoi soldi in banca. Puoi investire in una società commerciale. L’idea è che investire e fare trading non sono la stessa cosa.

Poiché il vocabolario e le procedure di investimento e negoziazione si sovrappongono, la differenza appare più difficile da cogliere. I trader, come gli investitori, parlano di diversificazione. I proprietari di ristoranti no. Il dimensionamento della posizione è discusso sia dai trader che dagli investitori. Gli imprenditori del software no. Questo rende il trading e l’investimento facilmente confusi, sebbene il primo sia un business, non un piano di investimento.

Prima di premere il pulsante BUY o SELL…

A meno che tu non stia cercando qualche sistema per fare soldi alla svelta (Spoiler: non puoi. Se non rischiando tanto. Troppo), dovresti limitare il tuo impegno con organizzazioni che generano commissioni che vogliono farti sentire come se stessi facendo una buona cosa “investendo”.

L’investimento è una buona cosa, ma fai attenzione: spesso ciò che sembra essere un investimento è in realtà trading. E il livello per farlo in modo produttivo è molto più alto di quanto vorrebbero far credere.

I tassi base di trading effettivi sono pessimi.

Il gestore di hedge fund Benn Eifert ha messo insieme una raccolta di studi vecchi e nuovi che hanno continuamente dimostrato l’inutilità del trading attivo. Quando teniamo conto del costo opportunità del tempo, la prognosi diventa ancora peggiore.

Una nota speciale sulle opzioni

Le opzioni includono componenti di tempo e volatilità nel loro prezzo. A causa della complessità della valutazione delle opzioni, una conoscenza ingenua delle opzioni (“Sono rialzista, acquisto call”) può essere piuttosto costosa a lungo termine. Puoi avere ragione in termini di direzione, ma perdere il modo in cui il tempo e la volatilità influenzano i prezzi delle opzioni.

L’alto costo del loro scambio aggrava la situazione:

In un’azione da 50 dolalri, uno slippage dell’1% significa perdere 50 centesimi sul tuo impegno di capitale. Considera le tue alternative. Se spendi 51 centesimi per un’opzione da 50 centesimi, stai sprecando il 2% della tua aspettativa di ritorno. E questo prima di qualsiasi costo. L’insidiosità dell’assoluta piccolezza dei numeri Gli spread denaro-lettera stretti ti tentano a fare trading più frequentemente.

Se i mercati fossero incredibilmente ampi e dovessi spendere $ 1,00 per un’opzione da 0,50 dollari, quasi sicuramente perderesti. È l’equivalente di prendere in prestito denaro dalla mafia. Vedresti a colpo d’occhio che è un affare orribile. Ma, proprio come nel blackjack, quando il mercato è stretto, il tuo margine negativo è nascosto. In realtà vinci piuttosto regolarmente. Questa è l’esca. Non sei consapevole che stai giocando una partita persa in partenza.

Se comunque vuoi proprio fare trading…

L’attività di trading richiede leva finanziaria e gestione del rischio circa i margini impiegati. La giornata da trader professionista spesso consiste nel lanciare monete da 1 milione di dollari in cambio di una ricompensa di 10.000 dollari. Quella compagnia funziona se sai che la moneta è bilanciata, puoi lanciare molte monete e il tuo capitale può resistere a brutte corse.

… hai meno controllo che in altre occupazioni.

Rispetto a un atleta professionista o persino a un dentista, il rapporto segnale/rumore di fondo è estremamente basso. Una corsa terribile è semplicemente sfortuna? Qualcuno ha scoperto un modo per minare la tua azienda? La tua mente si sta rivoltando contro di te? Quando vai in alto, inviti a una serie di errori avventati e sconsiderati che metteranno effettivamente fine alla tua carriera.

James Clear diceva: “Non raggiungi il livello dei tuoi obiettivi. Scendi al livello dei tuoi sistemi.”

La richiesta di essere disciplinati sembra in parte fuori luogo in questo contesto. Per sopportare la tensione e lo stress senza soccombere, devono essere messe in atto misure ponderate per garantire la necessaria disciplina. Funziona in modo simile alla dieta per dimagrire. Un’abbuffata nervosa ti ha mai rovinato una settimana di dieta e allenamento duro? Ecco, parliamo proprio di questo.

Settimane o mesi di oculata operatività seguendo scrupolosamente i nostri setup di trading, la gestione del rischio e delle coperture seguite in modo scrupoloso, può essere mandata all’aria da u momento di tilt, nel quale operiamo in modo nervoso ed emotivo, bruciando i profitti di centianaia di ore sui grafici. Quando addirittura non si va a bruciare il conto e distruggere anche il capitale che ci serve per lavorare.

La forza del gruppo

La cultura popolare glorifica mestieri e persone eroiche. Soros, Buffet, Druckenmiller e Burry. Tuttavia, il trading, come altre imprese, non è un gioco solitario. Almeno ad alti livelli. Anche se non disponi di personale, potresti formare una partnership reciprocamente vantaggiosa con sostenitori, exchange, broker e fornitori. In effetti, se non sei orientato in questa ottica, non stai “tradando” per guadagnare denaro. Ti stai divertendo. È un hobby. Nulla di male beninteso, semplicemente deve essere chiaro che sia questo e adeguare aspettative e risorse dedicate.

Pensieri finali

Il trading può essere una professione o un’attività romantica, appassionante, proprio come la musica e lo sport. D’altro canto, i migliori trader hanno un tenore di vita addirittura migliore. Possono essere prosperi pur rimanendo anonimi e conservando la loro privacy come preferiscono. La celebrità non sempre e non per tutti è cosa gradita. Seppur in certe attività sia parte del gioco.

Il trading è un business. È un processo. Può essere molto impegnativo e a tratti assorbire tutte le energie mentali e fisiche. È pieno di ostacoli psicologici. Non è privo di criticità e momenti di stress. Qui non c’è meritocrazia o giustizia. È la legge della giungla. È Darwinismo, il più forte vince ciò che i più deboli lasciano sul tavolo.

Non fare l’errore di lanciarti nella fossa dei leoni giocando la parte della pecora. Non avrai scampo.

Parti col piede giusto, prima di pensare a guadagnare, impara prima a non perdere. Non te ne fai nulla di un uppercut mostruoso o di un pugno devastante, se non sai difendere e al primo colpo incassato vai al tappeto.

È vero che, alla fine, il trading è un gioco di talenti. Anche se sei abile, vedere il lungo periodo non è certo. O anche probabile. Nello sport, ogni fallito al primo turno è stato un giocatore migliore di quello che sarai nel trading. Ma consoliamoci, il trading ha un tasso di successo maggiore rispetto al basket.

Solo una piccola percentuale di coloro che credono di fare bene in una competizione di mercato dovrebbe cimentarsi nel trading. E anche in quel caso, il risultato è tutt’altro che scontato o semplice da raggiungere.

Prima di attaccare impara a difendere. Prima di salire sul ring, passa molte ore in palestra. E ancora, prima di metterti in gioco, studia il percorso e gli ostacoli che certamente incontrerai. 

Questo non garantisce il successo, sia chiaro. Ma non farlo è un fallimento sicuro. That’s it.