Perché Ripple (XRP) nonostante tutti i problemi è ancora nella Top 10 delle criptovalute

L’interessante storia di Ripple (XRP): a cosa serve la criptovaluta e quali sono le questioni più importanti legate ad essa? Scoprilo qui.

Prima della famosa faida legale tra Ripple e la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, XRP era stabilmente al terzo posto – dopo Bitcoin ed Ether – nella classifica delle criptovalute per capitalizzazione di mercato. Ha persino sostituito momentaneamente Ether al secondo posto per ben due volte: nel 2017 e nel 2018. Oggi, XRP è sceso al sesto posto, in gran parte a causa dei suoi problemi legali negli Stati Uniti. In questo articolo vediamo tutto quello che c’è da sapere su Ripple (XRP).

ripple xrp
Adobe Stock

Data l’entità di queste difficoltà legali e normative, ad alcuni può sembrare sorprendente che XRP sia rimasto negli anni un contendente importante nella scena cripto. Il ruolo dell’asset e la storia consolidata nello spazio crittografico, così come le partnership con grandi players del mondo finanziario tradizionale, potrebbero in qualche modo spiegare la sua capacità di resistenza. Senza ulteriori indugi, immergiamoci subito!

Ripple (XRP): cos’è e a cosa serve

XRP è una criptovaluta progettata come alternativa al Bitcoin, con l’obiettivo di facilitare pagamenti internazionali trustless, istantanei ed economici. Come Bitcoin, XRP si basa su un registro pubblico, chiamato XRP Ledger, per la memorizzazione dei dettagli delle transazioni.

Tuttavia, la rete di pagamento basata sul libro mastro non utilizza il mining per convalidare e registrare nuove transazioni. Invece, XRP Ledger richiede nodi di convalida affidabili per raggiungere il consenso in tempi record e mantenere aggiornato il registro delle transazioni, all’incirca ogni 3-5 secondi. Questi nodi attendibili sono chiamati collettivamente Unique Node List o UNL.

Pertanto, a differenza di Bitcoin e del suo protocollo di consenso proof-of-work, XRP Ledger utilizza un meccanismo di consenso basato su un modello chiamato accordo bizantino federato (FBA).

Poiché il libro mastro di Ripple non richiede mining, il suo token nativo XRP è stato creato in una fase iniziale del suo sviluppo. Nel 2013 il team di sviluppo ha creato un totale di 100 miliardi di XRP. Oggi sono in circolazione quasi 50 miliardi della fornitura totale di XRP. Nota che oltre a XRP, è possibile effettuare transazioni utilizzando altre valute nell’ecosistema Ripple.

Prima di addentrarci nella storia di questa risorsa digitale, è importante conoscere la differenza tra XRP, Ripple e RippleNet. Come discusso in precedenza, XRP è il token nativo dell’ecosistema. RippleNet, invece, è la rete di pagamento digitale che funziona sul libro mastro distribuito pubblico, chiamato XRP Ledger. Ripple è la società che controlla lo sviluppo e il marketing di RippleNet.

La storia di Ripple

L’idea alla base di Ripple e del suo token nativo è antecedente all’industria delle criptovalute e allo stesso Bitcoin. Nel 2004, John Fugger ha lanciato una rete finanziaria peer-to-peer (P2P) chiamata RipplePay. L’obiettivo era sfruttare le relazioni finanziarie tra i partecipanti alla rete, per eliminare la necessità di banche. In sostanza, se il partecipante A si fida del partecipante B, allora B può agire come una terza parte ogni volta che A vuole effettuare una transazione con un altro partecipante di cui B si fida.

Questo concetto sarebbe poi servito come pietra angolare del modello crittografico che Jed McCaleb – uno dei primi pionieri di Bitcoin e fondatore dell’exchange fallito Mt. Gox – ha proposto come alternativa a Bitcoin nel 2011. McCaleb ha concluso che il mining di Bitcoin era un’attività troppo dispendiosa in termine di risorse, e un sistema talmente costoso che alla fine avrebbe rallentato l’adozione di Bitcoin. E così si è avvicinato a Fugger con un piano per trasformare RipplePay in una rete crittografica. Nel 2012, Fugger ha ufficialmente ceduto RipplePay a McCaleb e Chris Larsen, imprenditore e oggi presidente esecutivo di Ripple.

Poco dopo la consegna, il team ha iniziato a costruire la prima iterazione di Ripple, chiamata OpenCoin. Successivamente, il nome dell’azienda è cambiato due volte tra il 2012 e il 2015. In particolare, il progetto ha subito anche una serie di cambiamenti culturali e sistemici. Il più significativo è stato il passaggio al sistema Ripple Gateway.

Ricordiamo che Ripple aveva inizialmente optato per un’architettura peer-to-peer. Nel corso dell’evoluzione delle proprie idee, il team è arrivato a credere che sarebbero state necessarie aziende rispettabili, di dimensioni sufficienti per garantire la fiducia degli utenti. Queste attività sono ciò che Ripple chiama Ripple Gateway. Questo cambiamento nell’architettura ha segnato uno spostamento deciso verso un sistema ibrido che combina le strutture bancarie tradizionali con una rete peer-to-peer.

Questa combinazione si sarebbe poi rivelata fondamentale per la popolarità del progetto nel settore finanziario tradizionale. Le istituzioni finanziarie affermate lo consideravano infatti un percorso più familiare per entrare in contatto con l’industria delle criptovalute e della blockchain.

Ripple, la società a scopo di lucro guidata da Chris Larsen, iniziò presto a garantire partnership di alto profilo. Come conseguenza, il numero di istituti finanziari che utilizzavano RippleNet per facilitare i pagamenti internazionali iniziò ad aumentare costantemente.

Partnership di Ripple

Uno dei principali casi d’uso di Ripple è facilitare il trasferimento di denaro in tutto il mondo. Per raggiungere questo obiettivo, Ripple ha stretto numerose partnership di alto livello con istituzioni finanziarie che utilizzano i suoi servizi. Ad esempio, prima che la partnership terminasse nel marzo 2021, Ripple e MoneyGram hanno lavorato insieme (MoneyGram ha utilizzato il prodotto di pagamento transfrontaliero e regolamento in valuta estera di Ripple).

Nel giugno 2020, Banco Santander (una delle più grandi banche del mondo) ha collaborato con Ripple per utilizzare il suo servizio One Pay FX, un sistema di pagamenti transfrontalieri sviluppato congiuntamente. E nel novembre 2020, Bank of America è stata confermata come utente di RippleNet, insieme a Santander, Standard Chartered e altri.

In questo report puoi trovare le partnership più recenti strette dall’azienda.

Come investire in XRP

Puoi comprare e vendere XRP su una moltitudine di exchange. I principali sono:

Queste piattaforme aiutano gli utenti ad acquistare e vendere XRP, tramite criptovalute, stablecoin o accoppiamenti di valute fiat.

Anche se alcuni exchange di criptovalute consentono agli utenti di acquistare bitcoin o ethereum con PayPal, lo stesso non vale per XRP. Ma diversi broker – incluso eToro – consentono agli utenti di finanziare il proprio account con PayPal e di fornire l’accesso all’asset XRP.

Per coloro che desiderano investire in Ripple, l’acquisto dell’asset XRP, tramite un exchange di criptovalute o un broker e i metodi di pagamento supportati, è l’opzione migliore. Inoltre, queste piattaforme aiutano gli utenti anche a vendere XRP, supportando la conversione da e verso i metodi di pagamento mainstream.

Polemiche e questioni legali

La prima controversia importante associata a XRP è stata la decisione del team di sviluppo di utilizzare un framework aziendale centralizzato, che offre a Ripple il pieno controllo della fornitura di XRP. La società ha quindi l’ultima parola sulla distribuzione e vendita della restante fornitura di XRP. Questo, insieme all’infrastruttura sottostante del suo ecosistema di pagamenti, sono chiari indicatori che – a differenza di Bitcoin – XRP è una criptovaluta centralizzata.

Questo ha anche alimentato i dubbi riguardo alla possibilità che i fondatori di Ripple, Jed McCaleb e Chris Larsen, possano aver indebitamente capitalizzato su questa struttura centralizzata, allocando 20 miliardi di XRP al team fondatore.

Jed McCaleb ha lasciato Ripple tra il 2013 e il 2014 per lanciare Stellar. Poiché lui stesso possedeva 6,5 ​​miliardi di XRP, c’era il timore che potesse vendere a mercato le sue partecipazioni e avviare una reazione a catena che avrebbe potuto potenzialmente far crollare il valore dell’asset digitale. Questa prospettiva ha spinto Ripple e McCaleb a raggiungere un accordo formale inteso a risolvere le preoccupazioni della società, che è stato successivamente rivisto nel 2016 a seguito di una causa.

Nel 2014, Ripple ha introdotto la funzione di congelamento del saldo come misura per confiscare o congelare tutte le valute non XRP agli utenti ritenuti responsabili della violazione di norme antiriciclaggio.

In sostanza, qualsiasi Ripple Gateway o istituto finanziario che funge da emittente di valute non XRP su XRP Ledger può censurare i saldi degli utenti, a condizione che tali saldi non siano in XRP. Questa implementazione ha ulteriormente rafforzato l’idea generale che l’ecosistema XRP sia in qualche modo suscettibile di elementi di centralizzazione. Il che è più di un sospetto.

La prima scaramuccia tra Ripple e le autorità di regolamentazione statunitensi è avvenuta nel 2015: Ripple è stata multata per $700.000 per non aver rispettato i Bank Secrecy Acts nella vendita di token XRP senza richiedere l’autorizzazione. Come parte dell’accordo, Ripple ha accettato di introdurre misure di sicurezza Know Your Customer (KYC) per i futuri investitori.

Ripple è stata poi oggetto di un’altra causa nel 2017. L’azienda blockchain R3 ha accusato Ripple di aver risolto illegalmente un accordo in base al quale R3 avrebbe acquistato 5 miliardi di XRP a un tasso di cambio di $0,0085 prima di settembre 2019. In risposta, Ripple ha intentato una controquerela sostenendo che R3 non aveva ha mantenuto la sua parte dell’accordo.

Causa di Ripple con la SEC

Ripple e la community di XRP sono rimasti scioccati nello scoprire che la SEC ha intentato una causa contro Ripple Labs e due dei suoi dirigenti. La SEC sostiene che $1,3 miliardi di XRP siano stati trasferiti come titoli, senza registrarsi presso la SEC. Ripple continua a contrastare queste affermazioni, il che ha portato ad una spinosa questione legale ancora in corso.

Secondo la SEC, XRP è “classificabile come un titolo perché ha finanziato la piattaforma di Ripple“. Tutti i titoli devono essere registrati presso la commissione, inclusa la pubblicità di informazioni finanziarie specifiche. Inoltre, l'”etichetta di sicurezza” può essere applicata solo dopo aver eseguito il test Howey.

Tuttavia, Ripple non intende accordarsi con la SEC, poiché ritiene che la commissione sia prevenuta nel suo approccio. Inoltre, Ripple afferma che la SEC non abbia dato gli stessi problemi a Ethereum e altre piattaforme crittografiche, prendendo di mira solo XRP. Inoltre, il finanziamento iniziale di Ripple proveniva dal capitale di rischio, piuttosto che dalla vendita di XRP.

La causa continua, e l’esito diventa sempre più incerto.

Considerazioni finali

L’azienda ha resistito a molte controversie e battaglie legali negli ultimi anni, continuando al contempo ad aggiungere partner e istituzioni di alto livello al servizio di RippleNet. Non ci sorprende quindi che sia il valore di XRP che la popolarità della rete di pagamento rimangano ragionevolmente resilienti, anche di fronte alle attuali difficoltà di Ripple con la SEC.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Per quanto riguarda il futuro dell’asset, resta da vedere se il suo ecosistema avrà la forza di continuare a resistere a questi scontri, e quali nuove partnership saranno in grado di sostenere RippleNet.