Coinbase: quali sono i vantaggi che offre rispetti a concorrenti come Binance e FTX? Scoprilo qui

Esploriamo l’exchange Coinbase per scoprire come funziona e come utilizzarlo al meglio: guida step-by-step utile a tutti.

Coinbase è sicuramente uno dei migliori exchange di criptovalute sul mercato: ma come funziona? Scoprilo qui!

Coinbase è tra i più grandi exchange di criptovalute in assoluto, al momento terzo in classifica. Si tratta di una piattaforma molto popolare tra i nuovi investitori, trader e hodler a lungo termine. È stato uno dei primi exchange di criptovalute, e risale al 2012.

Con oltre 100 milioni di clienti con identità verificata, Coinbase è sicuramente uno dei principali exchange al mondo, offrendo i suoi servizi in più di 100 paesi.

Coinbase
Adobe Stock

Coinbase è una piattaforma adatta ai principianti, semplice e intuitiva da usare. Coinbase Pro, al contrario, può sembrare molto complesso, essendo progettato per i trader avanzati. Entrambi offrono consistenti guide su qualsiasi argomento in ambito blockchain, rivolgendosi ad ogni nicchia possibile.

La piattaforma offre anche alcune delle più potenti misure di sicurezza del settore, come ad esempio l’autenticazione a due fattori (2FA), la verifica biometrica, il cold storage di livello istituzionale – che mantiene offline il 98% delle sue risorse – e un’assicurazione best-in-class.

Nel momento in cui scrivo, questi sono i dati più rilevanti:

  • Volume di scambio nelle ultime 24h: $1,699,397,676
  • Visite settimanali: 1,396,661
  • Criptovalute supportate: 224

Buona parte del volume  di scambio proviene da investitori istituzionali.
Creando un importante precedente nel settore, Coinbase è stata la prima società in ambito criptovalute pura a quotarsi in borsa, quotandosi al Nasdaq il 14 aprile 2021. Vediamo tutti i dettagli più interessanti.

Iscriviti a Coinbase cliccando QUI per ricevere subito 10$ di BONUS di benvenuto

Fondatori di Coinbase

Il CEO e co-fondatore di Coinbase Brian Armstrong era un ingegnere del software presso Airbnb, uno sviluppatore presso IBM e un consulente presso Deloitte. Ha definito la missione di Coinbase come “la creazione di un sistema finanziario aperto per il mondo“.

Armstrong è una delle persone più ricche nel settore delle criptovalute secondo Forbes, che ha stimato la sua fortuna personale a $10,3 miliardi nell’agosto 2021. Ovviamente da allora molte cosse sono cambiate, ma non abbiamo dati aggiornati. È stato anche il primo a firmare con l’iniziativa di beneficenza di Bill Gates e Warren Buffet – The Giving Pledge – che invita i ricchi a donare almeno la metà della loro ricchezza.

Armstrong è incorso in varie polemiche dopo aver imposto una posizione apolitica sull’attivismo sociale interno a Coinbase sulla scia del movimento Black Lives Matter. Circa 60 dipendenti hanno poi accettato un pacchetto di acquisizione offerto a coloro che si sono opposti a questa politica.

Cosa offre Coinbase?

Nella versione base, Coinbase offre la possibilità di acquistare, vendere e scambiare criptovalute, comprese ovviamente le stablecoin. Gli utenti possono inviare pagamenti in criptovaluta a qualsiasi indirizzo e-mail o dispositivo mobile e ad altri portafogli. Coinbase Pro è più avanzato e offre grafici a candele, dimensioni del mercato, numeri di spread e altro ancora.

Il Coinbase Wallet supporta centinaia di token, oltre a NFT digitali collezionabili come i Cryptopunk.

La carta di debito Coinbase Visa consente agli utenti di spendere criptovalute. Offre fino al 4% di cashback in criptovalute.

Come funziona Coinbase?

È piuttosto semplice per quanto riguarda l’account di base: registrati, fornisci una prova di identità, finanzia il tuo account con un minimo di 10 euro e inizia a fare trading.

La reputazione di Coinbase parla da sé: quando la piattaforma lista una nuova criptovaluta, generalmente si verifica un aumento dei prezzi. Ma recentemente ha dovuto licenziare un dipendente colpevole di insider trading (storia completa qui).

Un problema che Coinbase non è stato in grado di superare è la sua storia di interruzioni, specialmente quando il prezzo di Bitcoin aumenta o crolla. Questo spesso crea una vera e propria frenesia generale tra i trader che aumenta notevolmente le transazioni nello spazio cripto.

Commissioni 

Le commissioni di Coinbase sono relativamente elevate per il settore, con una media dell’1,42% per i trade al dettaglio, rispetto a solo lo 0,05% per i clienti istituzionali, secondo il modulo S-1 Coinbase presentato al pubblico.

Confrontato con un altro exchange come Kraken – dove le commissioni raggiungono lo 0,26%, scendendo a zero all’aumentare del volume e del valore degli scambi – ci accorgiamo subito che non è il massimo sotto questo punto di vista.

Anche le commissioni di Coinbase sono un po’ complesse, da $0,99 a $2,99 per operazioni inferiori a $200. Quindi di fatto parliamo dell’1,49% per le operazioni da conti bancari statunitensi o un portafoglio Coinbase, e un enorme 3,99% da transazioni effettuate con una carta di credito o di debito, Apple Pay o Google Pay o bonifico bancario.

I clienti Coinbase pagano commissioni più elevate rispetto agli utenti della piattaforma Coinbase Pro, più complessa da utilizzare, dove le commissioni partono dallo 0,5% su transazioni inferiori a $10.000, scendendo progressivamente allo 0,2% per gli acquirenti e allo 0,1% per i produttori che spendono da $100.000 a $1 milione al mese — e inferiore per i trader con volumi ancora più elevati.

Ma dobbiamo sempre considerare l’aspetto “mangi come paghi”, in particolare per le persone nuove alle criptovalute. È uno degli exchange più regolamentati, assicurati e sicuri in circolazione, nonché uno dei più facili da usare.

Iscriviti a Coinbase cliccando QUI per ricevere subito 10$ di BONUS di benvenuto!

I prodotti più interessanti di Coinbase

Coinbase Custody offre servizi di cold storage di livello istituzionale, supportati da una polizza assicurativa da 320 milioni di dollari supervisionata da Aon, uno dei più grandi broker assicurativi al mondo. Inoltre, i conti in dollari USA di Coinbase sono assicurati FDIC fino a $250.000.

La società offre anche Coinbase Prime, al servizio di circa 9.000 investitori istituzionali. Nel primo trimestre del 2022, più della metà degli asset su Coinbase proveniva da investitori istituzionali.

Coinbase ha stretto una partnership con Circle per lanciare USD Coin, la stablecoin n. 2 in rapida crescita, che attualmente ha una capitalizzazione di mercato di quasi $50 miliardi di dollari ad ottobre 2022, rispetto a $28 miliardi dell’anno prima. Coinbase Ventures è il braccio di capitale di rischio della società.

Le aspirazioni di Coinbase vanno ben oltre la sua attività di scambio criptovalute. All’inizio del 2021 ha acquistato Bison Trails, un fornitore leader di infrastrutture blockchain completamente gestite. L’obiettivo, ha affermato la società, è semplificare la creazione di “soluzioni chiavi in ​​mano per alimentare un’infrastruttura crittografica scalabile distribuita“, con l’obiettivo di ripetere l’ondata di innovazione che l’infrastruttura tecnologica ha fatto per Internet 20 anni fa. La società dispone inoltre di un braccio commerciale che fornisce gli strumenti necessari alle aziende per accettare pagamenti in criptovalute.

Regolamentazione e Fiscalità

Coinbase è uno dei pochi exchange regolamentati e autorizzati dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York, di gran lunga il gold standard per la regolamentazione delle criptovalute, con requisiti sufficientemente elevati da impedire a svariati concorrenti altrimenti rispettabili di servire gli utenti in determinate zone. È stata la quinta azienda a cui è stata concessa BitLicense del NYDFS nel gennaio 2017. Coinbase è anche una delle poche società con licenza come trasmettitore di denaro, il che significa che può spostare fuori la valuta fiat.

La società ha una lunga storia di corteggiamento aggressivo alle autorità di regolamentazione in più di 30 paesi, oltre a collaborare con le forze dell’ordine. Oggi ha i requisiti di controllo e rendicontazione aggiuntivi di una società pubblica.

Coinbase offre una segnalazione chiara e corretta ai fini fiscali per quanto riguarda le plusvalenze e le perdite su ogni transazione. Questa è la chiave, perché i requisiti di reporting possono diventare complessi se si effettuano molte transazioni.

Sebbene la società lavori generalmente a stretto contatto con le autorità di regolamentazione e le forze dell’ordine, ha respinto con successo un “John Doe Summons” dell’IRS che cercava informazioni personali su oltre un milione di clienti, limitando i dati che ha consegnato alle forze dell’ordine a quelli con transazioni di almeno $20.000. Se stai cercando di evitare – cosa che sconsigliamo sempre – di pagare le tasse, Coinbase non fa per te.

Quali sono i pro e i contro di Coinbase?

I pro:

  • Sicurezza molto alta;
  • Forte controllo normativo e conformità in un settore in cui molte società concorrenti non fanno lo stesso;
  • Deposito minimo di 10 euro;
  • Ben assicurato, inclusa la copertura del conto FDIC;
  • Elenca oltre 220 tra criptovalute e stablecoin;
  • Società pubblica.

I contro:

  • Commissioni elevate e struttura tariffaria leggermente complessa;
  • Interruzioni ripetute durante i periodi in cui i prezzi di Bitcoin vedono picchi estremi, al rialzo e al ribasso.

In sintesi

Sì, le commissioni sono un po’ più alte, ma in generale mangi come paghi con Coinbase. Tali commissioni coprono alcune delle migliori garanzie e assicurazioni che il denaro può acquistare, in un settore che nonostante tutto assomiglia ancora al selvaggio west, e in cui si verificano ancora hack con perdite a nove cifre, nonché la tranquillità che deriva dall’affidare i propri risparmi ad un azienda ben regolamentata, in un settore in cui ciò è ancora raro.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

È anche facile da usare, non richiede un grande investimento per iniziare e lista le criptovalute solo dopo una revisione approfondita: non troverai token rug-pull su Coinbase, ma le interruzioni devono per forza di cose essere prese in considerazione.