Bitcoin può davvero inaugurare una nuova era di energia pulita e abbondante? Scoprilo qui

Bitcoin, Energia e Mining: una rivoluzione nell’attuale produzione di energia? In questo articolo troverai interessanti considerazioni.

In questo articolo esploriamo il modo in cui Bitcoin potrebbe cambiare l’attuale paradigma alla base della produzione di energia. Leggi di più.

Nella prima parte di questa serie in tre parti – riguardo al rapporto tra Bitcoin ed energia – abbiamo esaminato il mining di Bitcoin mediante combustione di gas naturale.

La seconda parte ha sfatato i sette miti più diffusi sull’energia utilizzata nel mining di Bitcoin.

bitcoin mining ecologia energia consumi
Adobe Stock

Questa parte finale copre un argomento più astratto: se e come il mining di Bitcoin può capovolgere il concetto stesso di produzione di energia. I tre macro capitoli saranno:

  • Power mix sostenibile nel mining di Bitcoin;
  • Come BTC si inserisce in un nuovo paradigma per la produzione di energia;
  • Il ruolo del mining di BTC in un futuro di energia abbondante e pulita.

Immergiamoci.

Power mix sostenibile nel mining di Bitcoin: confronto con i vari stati

Il Bitcoin Mining Council è un gruppo di 44 società di mining che rappresentano più della metà dell’hash rate globale di Bitcoin. Tale gruppo ogni trimestre pubblica un rapporto contenente le stime della potenza minerario di Bitcoin, esaminando tutti i suoi membri. Il rapporto del secondo trimestre del 2022 mostra che Bitcoin ha un mix più elevato di energia sostenibile rispetto alla Germania:

Global bitcoin mining
(credits: Bitcoin Mining Council)

Il 59,5% dell’energia elettrica utilizzata per alimentare la rete proviene da fonti energetiche sostenibili, compresa la combustione di gas naturale. Ma guardare il mix di alimentazione da solo non rende giustizia alla rete. Esploriamo invece il ruolo di Bitcoin nel futuro della produzione di energia.

Il ruolo di Bitcoin in un nuovo paradigma energetico

La rete Bitcoin può essere considerata un acquirente marginale di energia, con una perfetta elasticità di prezzo.

Questo è il linguaggio degli economisti per dire “i miners acquistano l’energia più economica disponibile, e si spostano immediatamente quando c’è un’alternativa migliore“. Non è così semplice come sembra, ma è l’essenza del mining.

Un’accusa che la rete deve affrontare è che consuma “troppa” energia. Ma cosa accadrebbe se capovolgessimo questo pensiero? E se non fosse Bitcoin a consumare troppa energia, ma gli esseri umani a non produrne abbastanza?

Cleo Abrams lo esprime molto bene nel suo video sull’energia pulita: non dovremmo pensare a come risparmiare energia, ma a come generarne di più.

Non è possibile risparmiare all’infinito.

Il paradosso di Jevons postula che i miglioramenti tecnologici che aumentano l’efficienza di una risorsa possono fare aumentare il consumo di quella risorsa, anziché diminuirlo. In altre parole, più energia risparmiamo, più avremo bisogno di energia. Poiché l’elettricità è la forma più concentrata di energia – e non riusciamo a immagazzinarla bene – la soluzione è trovare il modo di generarne di più.

Bitcoin Magazine sostiene che la rete Bitcoin potrebbe aiutare a inaugurare una nuova era di energia abbondante.

Bitcoin incentiva la produzione di elettricità soggetta al costo variabile più basso. I miners vanno dove l’elettricità costa poco. E se cambiassimo la nostra premessa dal produrre l’elettricità necessaria, a produrre quanta più elettricità possibile?

Tutto questo solleva due domande:

  • Possiamo produrre più elettricità di quella di cui abbiamo bisogno?
  • Cosa facciamo con l’elettricità in eccesso?

Cerchiamo di rispondere.

Come produrre più elettricità di quella di cui abbiamo bisogno

La prima domanda sollevata trova una risposta migliore da un esperto di energia. Alcuni paesi come la Francia spingono per l’energia nucleare, sostenendo che potrebbe aiutarci a produrre più elettricità e più pulita. Altri come la Germania e il Giappone stanno voltando le spalle all’energia nucleare per motivi politici. Ma la sicurezza energetica sta diventando una questione critica, pertanto dovranno sostenere le loro convinzioni sull’energia verde a suon di contanti.

Non è solo colpa delle politiche a favore dell’energia verde, ma sicuramente non hanno aiutato.

Energia nucleare: un male necessario?

Energia nucleare: per alcuni è il demonio, per altri è una soluzione miracolosa.

La verità, come spesso accade, è da qualche parte nel mezzo.

Da un lato, gli zelanti oppositori del nucleare come Greenpeace hanno ragione: aumentare l’energia nucleare è un processo costoso e lento. Il tempo di costruzione dei reattori è circa un decennio. Inoltre, i costi per megawattora superano quelli dei combustibili fossili o addirittura delle rinnovabili. Questo prima di considerare la valida critica alle scorie nucleari e ai reattori esposti a rischi come disastri naturali o conflitti geopolitici.

Eppure, le regioni con costi energetici alle stelle come l’Europa non possono permettersi di evitare il nucleare, semplicemente perché stanno finendo le opzioni. Il nucleare ha indubbiamente una fama ingiustificata. Ingiustificata perché l’energia nucleare nel tempo è diventata molto più sicura, e il progresso nelle misure di sicurezza oggi esclude disastri simili a Chernobyl. I tassi di mortalità della produzione di energia nucleare sono i più bassi dopo le energie rinnovabili, le quali non possono essere ridimensionate in modo simile per fornire un carico di base stabile.

In breve: c’è una buona ragione per almeno considerare il passaggio all’energia nucleare.

Una breve spiegazione su come funziona la produzione di elettricità

L’elettricità viene prodotta avendo un carico di base e un carico intermittente. Il carico di base deve provenire da fonti energetiche affidabili come il nucleare o il carbone. Immagina se tutto il carico di base provenisse dall’energia solare e il sole non splendesse per alcuni giorni. Non funzionerebbe così bene, vero?

Il carico intermittente è ciò che viene consumato nelle ore di punta come la mattina e la sera prima e dopo l’orario di lavoro.

Ma diciamo che abbiamo prodotto troppa elettricità, così tanto che abbiamo elettricità in eccesso con cui non sappiamo cosa fare. È qui che entra in gioco Bitcoin.

Al giorno d’oggi non ha senso che una centrale nucleare produca più elettricità del necessario. I costi aumentano, ma non i ricavi, poiché la domanda è limitata. Con i miners di Bitcoin invece, questa equazione ha senso:

Entrate marginali dal mining di bitcoin = Entrate marginali dalla produzione di elettricità.

L’elettricità viene prodotta finché c’è domanda. C’è domanda fintanto che il mining di BTC produce un profitto. Tutta l’elettricità in eccesso viene assorbita dalla domanda dei miners.

Non sono i produttori di energia che seguono la domanda, ma è la domanda a seguire i produttori di energia.

Questo di fatto ha due effetti:

  • Potremmo aumentare la fornitura di elettricità da fonti di energia più pulite – come il nucleare – o rinnovabili – come l’eolico e il solare – perché c’è sempre domanda.
  • Possiamo sempre utilizzare le energie rinnovabili, perché la domanda è flessibile lato miners.

Energia da immagazzinare, trasportare e monetizzare

Bitcoin può sbarazzarsi di fornitori inflessibili come il sole e l’energia eolica. Queste fonti di energia sono difficili da immagazzinare ma facili da monetizzare. Poiché la rete non dipende da un’unica fonte di energia, non è soggetta a tempi di fermo. Può anche spegnersi in pochi minuti. Questo approccio consentirebbe di rispettare la transizione verso l’energia verde.

Ad esempio, la Germania genera quantità record di energia pulita attraverso installazioni eoliche offshore. Tuttavia, la sua rete non può supportare l’elettricità generata in eccesso, che di fatto viene sprecata. Peggio ancora, la Germania deve pagare i parchi eolici rivali dalla Danimarca, semplicemente perché ha senso economico farlo. Bitcoin risolverebbe letteralmente questo problema. Invece di perdere l’elettricità generata in eccesso, i miners potrebbero aiutare i parchi eolici a realizzare un profitto acquistando i loro megawattora marginali.

I critici diranno che dobbiamo passare interamente alle energie rinnovabili. Gli esperti affermano che le emissioni di carbonio devono raggiungere lo zero entro il 2050.

Ma i combustibili fossili rappresentano ancora l’83% della produzione energetica globale. I sostenitori dell’energia nucleare sosterranno che – a meno che lo stoccaggio e il trasporto dell’energia eolica e solare non migliorino – l’energia nucleare porterebbe una soluzione di mercato a un problema piuttosto urgente.

Il ruolo di Bitcoin in un futuro con energia abbondante

Il risultato ideale sarebbe utilizzare solo energie rinnovabili a basso costo. Attualmente non utilizziamo quasi nessuna energia rinnovabile, e quella che usiamo ha spesso costi elevati. Quindi – prima di sognare un’energia abbondante – dobbiamo fare gli step giusti.

Il mining di BTC potrebbe e dovrebbe essere regolamentato, principalmente per utilizzare la fornitura di elettricità in eccesso invece di aumentare la domanda. L’uso della combustione di gas naturale è un ottimo esempio. L’uso dell’energia nucleare sarebbe un altro buon esempio, purché vi sia una volontà politica in tal senso. Il mining di bitcoin continuerà ad essere redditizio sotto queste ipotesi?

Il mining di Bitcoin dovrebbe solo essere più redditizio del costo opportunità dello status quo.

Ad esempio, se utilizziamo solo la combustione di gas naturale, in realtà abbiamo un costo negativo poiché ciò impedisce al gas di inquinare l’ambiente. Quindi si potrebbe obiettare che il mining di BTC utilizzando questa risorsa energetica va bene, qualunque cosa accada. Allo stesso modo, se produciamo troppa elettricità da una centrale nucleare, i miners dovranno semplicemente battere il costo opportunità della mancata produzione. In parole povere, i miners pagano l’impianto per mantenere le luci accese.

Mining ed economia

Possiamo attingere a fonti di energia che finora sono “antieconomiche”. Il mining di BTC con l’energia del vulcano in El Salvador ad esempio, in realtà non è un cattivo esempio. Tuttavia in primo luogo è necessario costruire l’infrastruttura adeguata per generare elettricità da un vulcano. Un esempio migliore sarebbe la produzione in eccesso da energia idrica o da combustione di gas.

Bitcoin potrebbe quindi aiutare le nazioni in via di sviluppo a monetizzare le loro fonti di energia, anche se non dispongono di infrastrutture adeguate in atto. Naturalmente, molti di questi paesi soffrono di una lpolitica scadente, corruzione, ecc. Ma non è certo colpa della rete Bitcoin.

Infine, in un futuro davvero utopistico – i bitcoiners stanno già sbavando – esploreremmo il riciclaggio del calore degli hardware da mining. Attualmente si tratta di una caratteristica negativa, ma in realtà è pur sempre una fonte di energia che può essere utilizzata. Insieme a una migliore infrastruttura Layer 2 – come ad esempio un Lightning Network completamente funzionante – la rete potrebbe essere un vantaggio per la produzione di energia, e anche per il suo pagamento.

Gli ostacoli sulla strada per l’utopia energetica di Bitcoin

Va bene, tutto questo è fantastico… ma siamo realisti: come possiamo raggiungere questo obiettivo?

Anche in questo caso, è meglio lasciare agli esperti il ​​lato energetico e delle infrastrutture. Ma ci sono essenzialmente tre punti da chiarire.

Una migliore comprensione di come BTC può essere minato con energia pulita

Attualmente, c’è una chiara mancanza di comprensione di come il mining possa essere effettivamente vantaggioso.

Alcuni potrebbero obiettare che la community di Bitcoin dovrà svolgere un lavoro migliore nella ricerca e nella spiegazione di questo problema. Il mining svolto esclusivamente da energia pulita è fattibile o no? Spetta alla community scoprirlo e successivamente comunicarlo.

Sana regolamentazione 

I miners stanno già facendo il loro lavoro, ma sfortunatamente molti paesi con energia a basso costo sono corrotti, autoritari, o più spesso entrambe le cose. Ma questo non riguarda i miners: riguarda coloro che detengono il potere politico e non forniscono beni pubblici come le reti elettriche.

I responsabili politici hanno il dovere di essere – o di consultare – degli esperti del settore, per approvare una regolamentazione che abbracci l’innovazione e incentivi i giusti risultati: utilizzare la rete per correggere le inefficienze del mercato, idealmente con energia pulita.

Sincera volontà politica di cambiare

Tutto questo funzionerà solo se vogliamo davvero il cambiamento. Se i paesi decidono di evitare le rinnovabili o l’energia nucleare a favore del carbone, Bitcoin non può costringerli. Nonostante gli elevati obiettivi di emissioni zero, alcuni governi stanno anteponendo l’efficacia dei costi ai risultati a vantaggio del pubblico in generale.

In un futuro che sembra dirigersi sempre più verso un concetto di deglobalizzazione, i politici devono decidere se il loro obiettivo è la prosperità della popolazione o qualcos’altro. E i cittadini li riterranno responsabili per questa scelta, in un modo o nell’altro.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Considerazioni finali

Questo articolo non sostiene che Bitcoin aprirà una nuova era in cui l’energia sarà pulita e abbondante, e gli unicorni voleranno in cielo. Ma entrambe le parti – sostenitori e oppositori di Bitcoin – dovranno confrontarsi in modo onesto e ben informato sul fatto che la rete possa essere effettivamente in grado di risolvere parte degli attuali problemi in questo ambito.