Sette Consigli per dormire sonni tranquilli durante il bear market delle Criptovalute

7 consigli per rimanere al sicuro in un bear market delle criptovalute come quello che stiamo vivendo al momento: da non perdere.

I bear market possono essere periodi particolarmente difficili per gli investitori. Ecco sette modi per rimanere al sicuro e sani di mente in tali condizioni di mercato!

Come cripto-investitori, spesso ci troviamo ad affrontare periodi in cui il valore delle criptovalute crolla, e con esso diminuiscono le opportunità per realizzare un profitto.

strategia bear market criptovalute
Adobe Stock

Per alcuni utenti, i mercati ribassisti sono tempi preoccupanti che minacciano di riprendersi tutti i profitti realizzati nei mesi precedenti. Per altri invece rappresentano delle opportunità, che pochi hanno la propensione al rischio da mettere in atto.

Qualunque sia la tua opinione, una cosa è certa: agire in modo irrazionale e non mitigare adeguatamente i rischi può portare a conseguenze disastrose. Pertanto, è una buona idea prendersi del tempo per capire come proteggersi in un mercato ribassista. Che si tratti di minacce esterne, rischi sconosciuti o decisioni sbagliate.

Ecco alcuni consigli per stare al sicuro durante un mercato ribassista.

Consigli per affrontare il bear market delle Criptovalute: #1. Considera le assicurazioni decentralizzate

Le criptovalute sono note per essere un’asset class incredibilmente volatile. Come ben sappiamo, può garantire profitti straordinari o perdite disastrose.

Molti trader sono ben attrezzati per affrontare la volatilità delle criptovalute. Questo grazie al loro attento dimensionamento della posizione, alle strategie di entrata e uscita ben definite e alla comprensione approfondita dei rapporti rischio-rendimento. Ma ben pochi considerano i rischi per la sicurezza derivanti dall’utilizzo di piattaforme sia centralizzate che decentralizzate.

Solo negli ultimi tre mesi, diverse importanti piattaforme CeFi sono crollate sotto la pressione dell’attuale bear market, senza considerare i numerosi attacchi hacker alle piattaforme DeFi. Il risultato: molti investitori hanno subito perdite pesantissime.

Il mercato ribassista continua, ma nei prossimi mesi c’è la possibilità che alcune delle piattaforme di investimento in criptovaluta più popolari crollino. Ovviamente ci auguriamo di no, ma questa possibilità esiste.

Quali rischiano di più?

Sebbene possa essere difficile dire quali piattaforme siano più a rischio, oggi è possibile mitigare quasi completamente il rischio di perdere fondi a causa di un imprevisto, attraverso l’uso di piattaforme assicurative decentralizzate.

Queste piattaforme consentono agli utenti di difendersi da hack, furti, guasti degli smart contract e altro ancora, attraverso una gamma di prodotti di copertura decentralizzata.

Pagando l’assicurazione, gli utenti saranno protetti come definito nei termini e nelle condizioni della loro polizza, il che può salvarli da perdite potenzialmente catastrofiche in alcune situazioni.

Con questo in mente, è importante notare che molte piattaforme assicurative decentralizzate hanno un sistema di pagamento discrezionale, che paga i sinistri in base ai termini e alla formulazione della polizza di copertura. Detto questo, sono generalmente previsti incentivi e sanzioni per garantire che tutte le parti agiscano onestamente.

#2. Sbarazzati degli asset sopravvalutati

Come la maggior parte degli investitori, è probabile che tu abbia alcuni asset nel tuo portafoglio che hanno poche o nessuna possibilità di tornare al loro antico splendore. Spesso non li vendi perché non vuoi effettivamente realizzare le perdite, o perché ti aggrappi ancora a quella sottile possibilità che possano risalire in fretta.

Sfortunatamente, gli asset che crescono velocemente al di sopra del loro valore intrinseco o di utilità raramente lo fanno a lungo. Questo è comune: pensa alle azioni che vengono scambiate ben al di sopra del loro rapporto P/E per un po’ di tempo, prima di tornare al loro vero valore. Nel tempo le criptovalute con i fondamentali deboli perdono il loro hype, e di conseguenza la pressione di vendita inizia a salire.

Monitorando periodicamente i fondamentali alla base dei tuoi asset preferiti, inclusi lo sviluppo, l’utilità, i finanziamenti, le dimensioni, il sentiment della community, la liquidità e la percezione pubblica, puoi iniziare a identificare le risorse nel tuo portafoglio che probabilmente avranno difficoltà, considerando il tuo orizzonte temporale.

Strategie

Con questo in mente, è sempre una buona idea definire una strategia di uscita per ogni asset che detieni e – quando se ne presenta la necessità – tagliare le perdite il prima possibile. Potresti voler rafforzare automaticamente la tua strategia di uscita impostando i tuoi ordini di vendita limite appena al di sotto dei livelli di supporto cruciali, o semplicemente vendendo sul mercato dove la liquidità lo consente.

Vendere in perdita può essere seccante, ma trattenere gli asset in perdita a lungo termine può comportare perdite potenzialmente devastanti. Dovresti essere profondamente consapevole del tratto psicologico che vede gli investitori trattenere gli asset quando sanno che non c’è praticamente alcuna possibilità di recupero, e vendere presto asset che hanno un potenziale importante a lungo termine, solo per bloccare i profitti.

Senza essere troppo avventati, è buona norma essere in grado di uscire presto dalle posizioni senza valore intrinseco, senza “affezionarsi” a livello emotivo. Allo stesso modo, evita l’impulso di vendicare asset con buoni fondamentali: questo spesso porta a ulteriori perdite.

Consigli per affrontare il bear market delle Criptovalute: #3. Presta molta attenzione alle valutazioni di mercato

Durante un mercato rialzista, le criptovalute ben pubblicizzate hanno la tendenza a ottenere valutazioni di mercato straordinarie, che spesso superano nettamente il loro valore intrinseco.

Come ci si potrebbe aspettare, questo valore in genere crolla durante i bear market: in questo periodo tutti i nodi vengono al pettine. Ciò che non ha valore fondamentale tende ad essere spazzato via dal mercato, come è giusto che sia.

Sfortunatamente, pochi trader prestano attenzione alla valutazione degli asset che detengono. Le valutazioni esagerate spesso sono un presagio di sventura Рcio̬ un crollo Рe non un segno di forza.

Il delta tra la capitalizzazione di mercato circolante (calcolata come prezzo del token * offerta circolante) e la valutazione completamente diluita (calcolata come prezzo del token * offerta totale) di solito si riduce nel tempo man mano che viene sbloccata una parte maggiore dell’offerta di token.

Per questo motivo, è saggio prestare attenzione alle valutazioni completamente diluite nei mercati ribassisti, poiché l’eccesso di offerta causato da sblocchi di vesting, sovvenzioni ecosistemiche, token di marketing, ecc. Questo può avere un impatto negativo sul suo valore, in modo particolare se la domanda si esaurisce.

Questo può essere facilmente monitorato tramite la pagina della criptovaluta, dove ad esempio CoinMarketCap riporta in dettaglio l’offerta circolante, l’offerta totale, la capitalizzazione di mercato e la capitalizzazione di mercato completamente diluita della maggior parte delle criptovalute. Se c’è una grande differenza tra capitalizzazione di mercato e FDV, questo può essere un segnale di avvertimento.

#4. Considera lo staking liquido

Lo staking è un modo incredibilmente popolare per guadagnare una rendita passiva su risorse digitali basate su POS o DPOS.

Ma questo rendimento ha un costo opportunità: la maggior parte dei protocolli di staking richiede agli utenti di bloccare le proprie risorse per un periodo di tempo fisso. Potrebbero essere giorni, settimane, mesi o anche anni in alcuni casi (ad es. Ether).

Durante questo periodo, potrebbero sorgere opportunità potenzialmente redditizie, come il prezzo dell’asset che sale alle stelle apparentemente senza una buona ragione. Ma a causa del periodo di blocco forzato, non potrai vendere le tue criptovalute per capitalizzare questo movimento. Allo stesso modo, un evento avverso potrebbe influenzare l’asset o la sua blockchain sottostante, e non potrai uscire dalla tua posizione.

Tutto ciò è stato particolarmente evidente quando LUNA ha perso il suo valore in seguito al crollo della stablecoin UST. Gli staker di LUNA sono rimasti bloccati in un periodo di staking di 21 giorni, e costretti a guardare i loro token crollare da oltre $86 a meno di $0,001 nell’arco di una settimana.

Risolve un problema concreto

Lo staking liquido offre una potenziale soluzione a questa sfida. Oggi ci sono una serie di piattaforme che consentono agli utenti di mettere in stake i loro token, senza sacrificare la loro liquidità. Queste piattaforme variano nel modo in cui funzionano ed erogano i propri token LP. Ma generalmente forniscono agli utenti un numero equivalente di token derivati ​​completamente liquidi, nel momento in cui gli utenti mettono in stake le loro risorse native. Questi token derivati ​​possono essere venduti, scambiati o utilizzati senza restrizioni. Oppure possono essere utilizzati per riscattare i token in staking sottostanti, dopo che è trascorso un determinato periodo di tempo.

Lido è attualmente di gran lunga il fornitore di staking liquido più popolare, ma altre opzioni popolari sono Ankr, Socean e StaFi.

Detto questo, va notato che i token con staking liquidi in genere vengono scambiati con un leggero sconto sugli asset nativi, e lo sconto tende ad aumentare quando l’asset sottostante subisce una forte volatilità.

Consigli per affrontare il bear market delle Criptovalute: #5. Migliora le tue ricerche

Uno dei modi migliori per migliorare il tuo investimento e le tue prestazioni di trading è semplicemente essere ben informati. Nella pratica, questo significa sfruttare le giuste fonti di dati e utilizzare gli strumenti giusti per estrarre informazioni fruibili.

Dopotutto, spesso un investitore ben informato ha successo. Questo vale ancora di più in un mercato ribassista, in cui delle mosse sbagliate possono portare a conseguenze disastrose.

Fortunatamente, c’è una grande quantità di informazioni disponibili per aiutarti non solo a rimanere sempre in corsa, ma anche ad accedere a informazioni che ad altre persone sono precluse. A partire dalle decine di piattaforme di analisi disponibili, fino alla ricchezza di materiali di ricerca disponibiliggi, oggi è possibile essere ben informati sulla maggior parte dei progetti, dei mercati e delle tendenze.

Strumenti disponibili

In Crypto.it forniamo una vasta gamma di strumenti e risorse che puoi utilizzare per tenerti aggiornato sulle nuove opportunità, e tenere d’occhio i tuoi progetti preferiti. Ad esempio puoi:

  • Creare un portafoglio e tenere d’occhio le tue scelte di criptovaluta preferite.
  • Rimanere aggiornato sulle criptovalute migliori e peggiori nelle ultime 24 ore, 7 giorni o 30 giorni.
  • Sfogliare gli eventi imminenti, utilizzando il nostro calendario degli eventi.
  • Seguire i progetti NFT più interessanti.
  • Impostare avvisi e tenere sotto controllo i tuoi investimenti.

Per coloro che desiderano adottare un approccio più preciso per la propria strategia di investimento, diverse piattaforme forniscono analisi e monitoraggio on-chain. Molti di essi hanno un piano gratuito – o almeno una prova gratuita – e possono essere utilizzati per individuare le tendenze in anticipo e identificare i punti di ingresso/uscita, oltre a potenziali segnali di avvertimento interessanti.

Alcune delle piattaforme di questo tipo più famose includono Nansen, IntoTheBlock, Glassnode, Dune Analytics e Santiment.

#6. Diversifica il tuo portafoglio

Le criptovalute hanno il potenziale per produrre rendimenti incredibili o perdite strazianti. Come con qualsiasi strategia di investimento, il tuo obiettivo è assicurarti che le tue vincite superino le tue perdite.

La diversificazione è uno dei modi migliori per raggiungere questo obiettivo. Piuttosto che mettere tutte le tue uova in un paniere e sperare che una singola criptovaluta cresca in modo parabolico, è più sicuro coprire le tue scommesse dividendo i tuoi fondi su una varietà di asset non correlati.

Sfortunatamente, questo è più facile a dirsi che a farsi quando si tratta di criptovalute, dal momento che la stragrande maggioranza delle criptovalute segue l’andamento di Bitcoin quando si tratta di price action. Rimane tuttavia possibile ridurre i rischi di categoria suddividendo i tuoi investimenti in una varietà di settori diversi, come DeFi, Layer 1, Layer 2, token di governance, metaverso, ecc.

In questo modo, contribuisci a garantire che il tuo portafoglio possa resistere a shock improvvisi in qualsiasi settore specifico, pur mantenendo il vantaggio che può derivare dalla scelta di vincitori in altri settori. Con il giusto mix di asset puoi aiutare il tuo portafoglio ad assorbire meglio le perdite, potendo contare sulla crescita potenziale di una serie di settori non correlati.

Piattaforme

Negli ultimi anni sono emerse numerose piattaforme per contribuire a rendere questo processo più semplice. Uno dei più semplici è un portafoglio tokenizzato, che ti consente di ottenere esposizione a più asset tramite un singolo token (come se fossero un ETF). Tra questi citiamo il fondo indicizzato Crypto20 – che consente la diversificazione nelle prime 20 criptovalute per capitalizzazione di mercato – nonché il DeFi Pulse Index, che traccia una gamma di token DeFi.

Alcuni scelgono anche di sfruttare una gamma di metodi e modalità di investimento per mitigare i rischi. Ad esempio, utilizzare derivati ​​per coprire i rischi su posizioni spot durante periodi di estrema volatilità, o suddividere gli investimenti su una varietà di piattaforme per mitigare il rischio di eventi come hack, downtime o exploit.

Man mano che il panorama degli investimenti cresce in complessità, il numero di potenziali vettori di attacco aumenta. Sarebbe saggio adottare misure protettive se le vostre posizioni sono esposte a questo tipo di rischi.

Consigli per affrontare il bear market delle Criptovalute: #7. Smetti di seguire influencer e fai le tue ricerche

L’industria delle criptovalute è, sfortunatamente, piena di sedicenti esperti e guru. Molti di questi credono davvero di poter prevedere il futuro e assicurarsi che il loro pubblico la pensi allo stesso modo.

Alcuni influencer si comportano in modo corretto, e discutono a fondo dei limiti e della sostenibilità del progetto di turno. Altri invece hanno sviluppato un seguito simile a un culto, che comprerà essenzialmente tutto ciò che promuovono con una ricerca minima o nulla.

La verità è che la maggior parte degli influencer in ambito criptovalute non ha un background finanziario solido. La stragrande maggioranza non ha l’esperienza necessaria per scindere i progetti veramente promettenti dalle truffettine a breve termine. Inoltre, la maggior parte di loro viene pagata per promuovere la prossima “rivoluzionaria” memecoin, senza specificare che sono pagati per farlo.

Senza dimenticare mai il motto “questi non sono consigli finanziari“, molti influencer parlano molto bene di progetti di dubbio gusto a un pubblico spesso ingenuo e facilmente impressionabile. Molti dei neofiti – esposti a questi contenuti – acquistano e sperano per il meglio. Come ci si potrebbe aspettare, la maggior parte di questi utenti finisce per perdere fondi.

Sii sempre scettico quando qualcuno ti invita ad acquistare qualcosa. In particolare quando tale progetto non ha una lunga storia di successo nel settore.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Ricorda: tutti sono esperti in un mercato rialzista. Durante i periodi di picco del mercato, è difficile sbagliare: qualsiasi investimento in criptovaluta genera dei profitti. Per questo motivo, è importante prendersi il tempo per fare la propria ricerca (DYOR). Questo significa utilizzare fonti di informazioni primarie, dati e qualsiasi altro sistema di analisi che possa aiutarti a darti un vantaggio.