ETF sulle criptovalute: tutto quello che devi sapere, sulla strada verso l’adozione di massa

Che cos’è un ETF sulle criptovalute? Perché potrebbe dare un’accelerata importante all’adozione di massa della blockchain? Scoprilo qui.

Continua il braccio di ferro tra la SEC ed un eventuale ETF spot in criptovaluta: ce la faremo prima o poi? Scoprilo qui!

Se hai investito in criptovalute e Bitcoin per più di un anno, è probabile che tu abbia sentito parlare di un ETF spot sulle criptovalute.

etf bitcoin criptovalute
Adobe Stock

Considerato il Santo Graal dell’adozione tradizionale da parte dell’industria delle criptovalute, e qualcosa che molte aziende chiedono a gran voce, questo fondo di investimento finanziario – se approvato negli Stati Uniti – porterebbe il riscatto delle risorse virtuali ad essere un’asset class legittima, alla pari di altre come l’oro e l’argento.

Sebbene le autorità di regolamentazione statunitensi abbiano finora resistito fermamente alla loro approvazione, c’è motivo di credere che il 2022-2023 potrebbe essere il biennio dell’ETF spot .

ETF (Exchange-Traded Fund): ecco che cos’è

Un ETF (exchange-traded fund) è un tipo di fondo di investimento costituito da un insieme di titoli come azioni, obbligazioni, materie prime, valute ed è quotato per la negoziazione nelle borse valori convenzionali. Un ETF tiene traccia dei movimenti di prezzo di un asset sottostante. Anche gli utility token – nonostante siano semplici valute virtuali – possono far parte di un ETF.

Gli ETF sono in qualche modo identici ai fondi comuni di investimento. Tranne per il fatto che le loro azioni vengono scambiate su un ciclo di 24 ore, simile all’interazione diretta con le azioni di una società in borsa. Il trading di fondi comuni, d’altra parte, alla fine di una giornata di negoziazione dipende dal suo prezzo.

Un ETF – per dirlo in breve – aiuterà senz’altro gli investitori finanziari tradizionali ad aggiornarsi. In sostanza potranno investire i propri soldi in Bitcoin e altri asset crittografici senza dover possedere o gestire le proprie criptovalute, che come sappiamo può essere complicato.

Regolamentazioni in questo settore

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, che opera nel più grande mercato dei capitali, regola gli ETF ai sensi dell’Investment Company Act del 1940, che generalmente è soggetto alle stesse linee guida regolamentari dei fondi comuni di investimento e dei fondi comuni di investimento (UIT).

Secondo gli avvisi ali investitori della SEC per gli ETF, i requisiti normativi per gli ETF includono: legge federale sui titoli e relative esenzioni progettate per proteggere gli investitori da rischi e potenziali conflitti; limitazioni di legge all’utilizzo della leva finanziaria e alle operazioni con parti correlate; obblighi di rendicontazione esatti e obbligo di informativa; esaminato da un consiglio di amministrazione.

Sentenze della SEC sui regolamenti ETF negli anni

Il 26 settembre 2019, la SEC ha annunciato di aver votato per l’adozione di una nuova norma che modernizzerebbe la regolamentazione degli ETF. Tutto questo è stato fatto stabilendo un quadro normativo trasparente, coerente ed efficiente, in modo che gli ETF non debbano richiedere esenzioni individuali, che richiedono tempo e spese, prima di essere immessi sul mercato.

A un anno dall’introduzione di questa regola, la SEC ha sospeso l’esenzione che era stata precedentemente autorizzata per alcuni ETF. Pertanto, gli ETF che si basano su questa regola dovranno rispettare le condizioni stabilite dalla SEC a tutela degli investitori. In definitiva, un quadro normativo chiaro e coerente promuove una maggiore innovazione e concorrenza all’interno del settore degli ETF e avvantaggia gli investitori.

Tutto questo è particolarmente vero per i piccoli investitori (soprannominati “main street”), che stanno adottando sempre più prodotti ETF come parte del loro portafoglio di investimento, data la loro natura di investimento passivo e a basso costo. In effetti, è confluito negli ETF quotati negli Stati Uniti un record di oltre 400 miliardi di dollari a giugno 2022, rispetto ai 305 miliardi di dollari dell’intero anno 2021.

Vantaggi di investire in ETF

Gli investitori privati ​​hanno accesso all’equity nelle raccolte fondi di società pre-pubbliche o fondi privati. Agli investitori istituzionali e ai family office viene offerto l’accesso esclusivo a prodotti finanziari con un importo minimo investibile elevato. Gli exchange traded fund invece sono generalmente adatti agli investitori al dettaglio, ovvero quelli come me e te che partecipano al mercato di massa. Ciò è dovuto al piccolo importo necessario per iniziare a investire, alle commissioni estremamente basse (il tipico rapporto di spesa degli ETF è di circa lo 0,05%) e all’ampia disponibilità sui broker online.

Inoltre – durante il crollo post-pandemia e la successiva bull run del 2020, dove i titoli in crescita (in particolare quelli delle società tecnologiche) hanno ottenuto risultati eccezionalmente positivi – numerosi ETF hanno fatto notizia per la loro performance stellare.

Un ETF che ha generato un seguito simile ad una vera e propria religione tra gli investitori al dettaglio è ARK Innovation ETF (ARKK), del famoso gestore di fondi e fondatore di Ark Invest Cathie Wood. Il fondo incentrato sulla crescita ha generato un rendimento del 152,82% nel 2020 – che è eccezionale per un ETF – e rispetto a un rendimento del 20,9% nel mercato azionario statunitense generale.

ETF sulle criptovalute: ecco che cos’è

Un ETF cripto è un ETF che traccia le variazioni di valore di una o più valute digitali. Fondamentalmente, funziona come un ETF tradizionale ed è scambiato come un’azione standard in borsa.

Affinché un ETF sulla criptovaluta funzioni, la società che lo emette e lo quota in borsa deve avere la custodia della moneta digitale sottostante. Quindi gli investitori acquistano azioni per rappresentare i loro diritti, nel fondo negoziato in borsa. In quanto tale, gli investitori ottengono un’esposizione indiretta alla volatilità della criptovaluta di base.

Gli ETF forniscono un modo meno rischioso per investire in asset basati su blockchain. In alcuni casi, un investimento su blockchain può comportare l’acquisto di un ETF direttamente sulla blockchain.

Qui, un investitore interagisce con ETF che imitano l’andamento delle azioni di un’azienda che si occupa di tecnologia blockchain, la stessa tecnologia alla base delle valute digitali.

Un esempio di ETF blockchain è BLOK, lanciato nel 2018. Il fondo negoziato in borsa investe l’80% del patrimonio netto in aziende che interagiscono con la tecnologia di contabilità decentralizzata (DLT).

Si noti che affinché un ETF sulle criptovalute sia attivo, deve ricevere il via libera normativo dagli organismi di vigilanza finanziaria nelle sue giurisdizioni operative preferite. Ad esempio, un ETF cripto che cerca di attrarre investimenti da residenti negli Stati Uniti deve ottenere un cenno normativo dalla Securities and Exchange Commission (SEC) del paese.

Come funzionerà un ETF Bitcoin?

Gli ETF disponibili oggi (quelli non Bitcoin) possono essere acquistati su applicazioni mobile adatte alla vendita al dettaglio – come l’app Fidelity o Robinhood – e differiscono leggermente dai fondi comuni di investimento in quanto scambiano in modo continuo, per tutta la giornata.

Un Bitcoin ETF è un fondo negoziato in borsa che traccia il prezzo di BTC e – se fosse approvato negli Stati Uniti – sarebbe disponibile per il trading sulle tradizionali borse come ad esempio la Borsa di New York (NYSE).

Ma ad oggi, BTC opera principalmente su exchange di criptovalute come Binance o Coinbase, non sotto forma di ETF.

Si noti che un fondo comune di investimento in Bitcoin è un veicolo di investimento sotto la guida di un gestore di denaro professionista. Un ETF Bitcoin tuttavia offre agli investitori un’esposizione indiretta alla principale criptovaluta, senza i rischi sistemici di detenere la criptovaluta effettiva.

In particolare, la partecipazione degli investitori nell’ETF oscilla in base al prezzo della principale criptovaluta. Pertanto, quando il valore del BTC aumenta, aumenta anche il valore dell’ETF e viceversa.

Le autorità di regolamentazione devono ancora aprire i cancelli

Sfortunatamente, nel momento in cui scrivo le autorità di regolamentazione nei principali paesi devono ancora concedere l’approvazione normativa per un ETF di Bitcoin spot, nonostante le numerose domande.

Ad esempio, i fondatori dell’exchange di criptovalute Gemini – i gemelli Winklevoss – hanno depositato un fondo negoziato in borsa che traccia il prezzo della principale criptovaluta presso la SEC. La loro richiesta per un ETF Bitcoin è stata respinta più volte dalla SEC.

Fortunatamente, i regolatori finanziari canadesi sono in prima linea per quanto riguarda il dare il via libera ad un ETF sulle criptovalute. Nel febbraio 2021, il paese ha accolto con favore un ETF BTC che ha raggiunto oltre $420 milioni di asset in gestione in 48 ore.

Archiviato da Purpose Investments, l’ETF ha aperto le sue porte agli investitori alla Borsa di Toronto (TSX) con il simbolo “BTCC”.

Un altro ETF Bitcoin, noto con il ticker “EBIT“, è negoziato sul TSX ed è sotto la custodia di Evolve Funds Group. L’EBIT offre agli investitori esposizione a Bitcoin monitorando le sue fluttuazioni giornaliere dei prezzi in termini di dollaro USA.

ETF Ethereum

Un Ethereum exchange-traded fund è un cripto ETF che offre agli investitori esposizione – tramite il trading in borsa – alla seconda criptovaluta più grande sul mercato. L’ETF è paragonabile ad azioni o obbligazioni, solo che l’attività sottostante qui è Ethereum (ETH).

Nonostante le numerose richieste di un ETF Ethereum negli Stati Uniti, l’organismo di controllo finanziario del paese deve ancora dare il suo benestare, citando la volatilità dei prezzi delle criptovalute e problemi di sicurezza.

Il Canada, d’altra parte, è stato il primo paese ad approvare un ETF su Ether, dopo che CI Global ha annunciato l’ETF CI Galaxy Ethereum nel febbraio 2021.

La volatilità dei prezzi di Ethereum e delle altre valute digitali è nota. E così gli appassionati di criptovalute vedono gli ETF come un ottimo modo per investire nella criptovaluta senza acquistare ETH reali. Investire in un ETF significa anche che le persone non possiedono ETH in prima persona, il che potrebbe essere più sicuro per alcuni investitori, poiché una piattaforma custode in genere ha a disposizione più meccanismi di sicurezza in atto, rispetto all’investitore medio.

Vantaggi degli ETF di criptovalute

Ci sono molti possibili vantaggi di un eventuale ETF sulle criptovalute spot. Vediamone alcuni:

La finanza tradizionale incontra le criptovalute

Nonostante abbia raggiunto al suo apice quasi $3 trilioni di dollari di capitalizzazione di mercato, il mercato delle criptovalute è ancora minuscolo rispetto alle decine di trilioni che si trovano nei grandi hedge fund tradizionali, nei fondi comuni di investimento, nelle compagnie assicurative e in altre istituzioni.

Gli ETF sulle criptovalute potrebbero potenzialmente colmare il divario tra l’economia delle criptovalute e il resto delle economie del mondo. È probabile che una più ampia partecipazione al mercato abbia un impatto positivo sulle valutazioni non solo di Bitcoin, ma anche del resto delle criptovalute.

Diversificazione

Innanzitutto, si noti che un ETF può contenere più di un asset. Ad esempio, un ETF di Ethereum (a dispetto del nome) potrebbe anche detenere Bitcoin o persino azioni di Meta. Di conseguenza, offre agli investitori un modo per diversificare i propri portafogli.

Questa opzione aiuta anche gli investitori a proteggersi dai rischi inerenti all’allocazione di un portafoglio in un unico asset. Inoltre, l’interazione con una borsa valori regolamentata consente agli investitori di utilizzare in modo migliore i portafogli esistenti.

Convenienza

Gli ETF sulle criptovalute eliminano il fastidio di acquistare, vendere e archiviare valute virtuali. Anche se per qualcuno tutto questo potrebbe essere divertente. Eliminano anche la necessità di apprendere la tecnologia alla base delle risorse basate su blockchain. In generale, un ETF sulle criptovalute semplifica l’ingresso indiretto degli investitori del mercato di massa nell’ecosistema delle criptovalute, consentendo loro di acquisire esposizione ai principali asset digitali nel loro insieme o a verticali specifici, come la finanza decentralizzata (DeFi), se investono nei giusti ETF.

Inoltre, la natura passiva degli ETF – che si ribilanciano automaticamente se gestiti attivamente – consente agli investitori retail del mercato mainstream di investire e dimenticarsene: secondo uno studio di Fidelity Investments, questa è la strategia di investimento con il rendimento più elevato.

Efficienza per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi

La natura non regolamentata delle criptovalute vieta ai grandi organismi come i fondi pensione di consentire l’acquisto diretto di risorse digitali; ma sfruttare piattaforme regolamentate come le borse può consentire un’efficiente dichiarazione dei redditi degli ETF sulle criptovalute.

Maggiore fiducia

Un altro vantaggio degli ETF sulle criptovalute è che provengono da società regolamentate e sono negoziati su vie regolamentate. Pertanto, gli investitori non cripto possono investire i loro soldi con molta più fiducia, sapendo che tutti gli asset sono continuamente monitorati.

Svantaggi degli ETF in criptovalute

Nonostante i numerosi vantaggi, anche gli ETF cripto hanno i loro difetti. Alcuni fattori che ostacolano gli ETF sulle criptovalute possono essere i seguenti:

Gli ETF sono centralizzati

Le criptovalute hanno ridotto la dipendenza da entità finanziarie centralizzate, come le banche centrali. Inoltre, forniscono un livello di privacy maggiore rispetto alle valute emesse dal governo.

Sebbene queste siano buone ragioni per adottare le criptovalute, l’uso delle criptovalute negli ETF sacrifica un aspetto cruciale delle criptovalute: il decentramento. Investire in criptovalute significa consentire a un custode di detenere le tue risorse digitali. Questo mette gli ETF cripto sotto gli occhi attenti degli osservatori finanziari, che attenuano i vantaggi del decentramento e della privacy.

Gli ETF sono relativamente costosi da gestire

La comodità degli ETF sulle criptovalute comporta una commissione di gestione. Poiché il costo è solitamente una percentuale delle azioni totali, gli investimenti in un fondo negoziato in criptovaluta possono attrarre alte commissioni di gestione, proporzionali alla durata dell’investimento.

Gli ETF non sono negoziabili con altre valute, né spendibili nel “mondo reale”

BTC, ETH e altre valute digitali sono normalmente scambiabili l’una contro l’altra su un qualsiasi exchange. Sfortunatamente, gli ETF cripto non sono negoziabili con altre criptovalute. Inoltre, con un ETF cripto, è impossibile pagare beni e servizi, a differenza della criptovaluta sottostante, che molti esercizi commerciali accettano.

Il prezzo dell’asset sottostante non è sempre calibrato al millimetro

Abbiamo visto che un ETF cripto può contenere più di un asset, compresi quelli non cripto. E sebbene un ETF imiti i movimenti di prezzo dei suoi asset sottostanti, più asset in un portafoglio possono influenzare l’accuratezza del tracciamento. Ad esempio, un aumento del 60% del valore di ETH può generare un aumento di solamente 45 punti dell’ETF. Pertanto, il tracciamento potrebbe essere impreciso rispetto allo stesso asset nel mercato spot.

La liquidità può essere un rischio

Il rischio di liquidità si instaura se il gestore del fondo ETF vende allo scoperto. Quando ciò accade, sono gli azionisti a pagarne il prezzo. Inoltre, è probabile che gli ETF causino un drastico cambiamento nel prezzo delle criptovalute tracciate, poiché un numero sempre maggiore di investitori è esposto ad esse.

Perché non esiste ancora un ETF sulle criptovalute?

L’assenza di ETF sulle criptovalute spot approvati negli Stati Uniti è in gran parte dovuta a un ambiente normativo che si concentra sulla natura non regolamentata delle criptovalute. Senza un’autorità centrale e un cane da guardia, la SEC considera l’industria delle criptovalute incline alla manipolazione da parte di balene, ricchi investitori e truffatori.

Ma il cambiamento nell’amministrazione nel 2021 ha visto più individui pro-crypto a capo dei dipartimenti finanziari chiave. Ad esempio Gary Gensler – un noto sostenitore delle criptovalute – è stato nominato nuovo capo della SEC. Di conseguenza questo ha accresciuto la fiducia degli appassionati di criptovalute sull’arrivo del tanto atteso ETF spot.

Inoltre, la mossa della Ontario Securities Commission di approvare un ETF Bitcoin in Canada fa intravedere la speranza che gli Stati Uniti probabilmente possa fare lo stesso.

Lanciato nel febbraio 2021, l’ETF Bitcoin di Purpose Investments ha raggiunto vendite sbalorditive di oltre $420 milioni in poco più di due giorni.

Considerazioni finali su ETF e criptovalute

Nel 2017 e nel 2018, la SEC ha citato la volatilità come il motivo principale per cui rifiutare un ETF. Un rifiuto che molti hanno ritenuto come uno dei motivi alla base della flessione del mercato in quel particolare momento. Nel 2022, l’ecosistema delle criptovalute ha fatto grandi passi avanti verso la maturità definitiva.

Abbiamo visto che l’efficienza del mercato è migliorata, il controllo normativo si è evoluto, i processi di audit si sono rafforzati e sono ora sul mercato prodotti di custodia avanzati.

Sfortunatamente, non è ancora chiaro se il mercato delle criptovalute soddisfi o meno la definizione di maturità della SEC. Esperti come Cathie Wood – dirigente di Ark Investment Management – ritengono che la maturità del settore delle criptovalute sia fissata a una capitalizzazione di mercato di circa $2 trilioni, numero che abbiamo già superato diverse volte.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In ogni caso, con Gary Gensler responsabile della SEC e molte grandi istituzioni e figure aziendali di alto profilo come Michael Saylor, Paul Tudor Jones, Elon Musk, Stan Druckenmiller e molti altri che stanno accumulando Bitcoin, le probabilità non sono mai state migliori per un ETF spot su Bitcoin.