Cos’è e come funziona il mining di Bitcoin

Bitcoin e Mining sono due parole che spesso sentiamo insieme, ovviamente sono collegate. Ma cos’è quindi il Bitcoin Mining?

Bitcoin è la criptovaluta per eccellenza, il cardine di tutto l’ecosistema crypto. Con tutto questo interesse, ti starai chiedendo, come si possono ottenere dei Bitcoin e da dove proviene BTC? Ci sono solo pochi modi per ottenere Bitcoin. Ad esempio, potresti acquistarli da un exchange, potresti essere pagato in BTC per beni e servizi oppure ottenerlo estraendolo con il mining.

mining bitcoin
Adobe Stock

Con nuove monete estratte ogni giorno, i miner ricevono in cambio BTC. Tuttavia, il mining di Bitcoin non è un compito semplice. Richiede un hardware specificoe quasi sempre molto costoso.

Qual è la differenza tra Bitcoin e valuta Fiat

Bitcoin è emerso durante la crisi finanziaria globale del 2008 dopo che Satoshi Nakamoto ha pubblicato un white paper su una valuta digitale decentralizzata peer-to-peer.

Qualsiasi valuta fiat nel mondo è generalmente di proprietà e gestita dal governo. Solo il governo o la banca centrale ha il diritto di produrre più banconote e monete e regolamentarle per il pubblico. Qualsiasi altro individuo o azienda che fornisce la valuta viola la legge ed è passibile di sanzioni penali.

Essendo bitcoin una valuta decentralizzata, non è sotto il controllo di alcuna entità o governo, è gestito interamente dalle persone. Chiunque lo desideri può estrarre la criptovaluta e guadagnare ricompense per essa.

Bitcoin è costruito su una blockchain crittografata e nessuno può cambiare il modo in cui funziona. Ci sono eventi come il Bitcoin Halving codificati nella blockchain che si verificano dopo ogni 210.000 Bitcoin estratti. Succede automaticamente e nessuna entità o individuo può cambiarlo.

Possono esistere solo 21 milioni di Bitcoin, mentre può esserci una fornitura illimitata di valuta fiat. L’origine di Bitcoin e dei suoi fondatori è ancora un mistero. Satoshi Nakamoto può essere l’alias di un individuo o di un’entità che ha fondato Bitcoin.

Come funziona il mining di Bitcoin

Bitcoin consente ai suoi utenti di estrarre nuove monete e guadagnare premi in BTC per questo. Può essere estratto utilizzando circuiti integrati specifici dell’applicazione (ASIC) o unità di elaborazione grafica (GPU). Queste macchine risolvono hash complessi e, così facendo, viene trovato un nuovo blocco Bitcoin e i miner ricevono una ricompensa per questo.

Le ricompense si dimezzano ogni 210.000 blocchi estratti e da qui il nome Bitcoin Halving.

Un blocco di Bitcoin contiene hash che memorizzano gli hash dei blocchi precedenti così come i dettagli della transazione. Un hash nella blockchain di Bitcoin è una lunghezza fissa di una sequenza unica di cifre casuali che possono contenere dati di qualsiasi dimensione. Ogni hash è unico, quindi non è possibile guardarlo e indovinare i dati che contiene.

Quando comprendi la natura complessa di un hash, considera questa analogia, ogni hash Bitcoin è come chiedere a qualcuno di lanciare una moneta 160 volte e scrivere testa o croce. Non ci saranno mai due modi uguali. Ci sono troppe variabili. Nel caso di testa o croce su una moneta, ci sono solo due variabili. Tuttavia, con numeri e lettere, le possibilità sono infinite per un hash Bitcoin di 160 caratteri.

Il mining fornisce un incentivo a miner e investitori per aiutare la criptovaluta a produrre nuove monete e anche a monitorare la rete e la blockchain.

I miner e l’halving, la corsa alle ricompense

I miner aiutano a convalidare le precedenti transazioni Bitcoin. Una volta verificato il valore di 1 MB delle transazioni, hanno diritto a un premio che si dimezza ad ogni halving. Satoshi Nakamoto, il fondatore di Bitcoin, ha stabilito un limite di 1 MB per ogni blocco. Alcuni miner hanno sostenuto che il limite di blocco non è sufficiente per verificare più transazioni e rendere più efficiente la rete.

Anche se un miner verifica 1 MB di transazioni, potrebbe non ricevere alcun BTC. L’altra condizione è che essi debbano essere i primi ad arrivare a risolvere il calcolo, e questo processo è noto come metodo Proof of Work (PoW). Quindi, per guadagnare i premi, hai bisogno che i tuoi impianti di mining lavorino sodo e siano anche i più veloci.

Senza i miner, la rete Bitcoin esisterebbe e funzionerebbe. Tuttavia, non ci sarebbero nuove monete in circolazione. Sulla base dell’attuale tasso di mining, possiamo aspettarci che il mining di Bitcoin continui fino al 2140. Dopo questo periodo, non verranno più creati nuovi Bitcoin.

Se sei un miner di successo poi, hai un “voto” che influenza alcune decisioni, come il fork della blockchain.

Conviene fare mining di Bitcoin nel 2022?

Quando Bitcoin è stato rilasciato per la prima volta nel 2009, un miner avrebbe guadagnato 50 BTC per blocco. Entro il 2012, i premi erano di 25 BTC per blocco. Dopo l’halving di Bitcoin nel 2016, le ricompense si sono nuovamente dimezzate a 12,5 BTC. Nel 2020, i premi per il mining sono arrivati ad essere si 6,25 BTC. Il prossimo halving sarà nel 2024, fra 2 anni.

Inizialmente, Bitcoin veniva estratto utilizzando le CPU, ma col tempo le GPU le hanno sostituite. Se vuoi iniziare la tua attività di mining, devi spendere almeno 3.000$ per impostare un impianto di mining adeguato e questo prezzo può arrivare fino a 10.000$ per le macchine ASIC. Il costo d’entrata è più alto e la bolletta dell’elettricità si farà sentire, soprattutto coi prezzi attuali. Qui puoi calcolare quanto redditizio possa essere l’attività di mining con le tue attrezzature.

Dal 2012 al 2016, l’estrazione di Bitcoin era redditizia quando i premi erano alti. Tutti quei miner che hanno risparmiato le loro monete potrebbero aver realizzato enormi profitti quando il prezzo di BTC è salito a quasi 60.000$ nel 2021. Quando i premi sono diminuiti, molti miner hanno smesso di minare e i pool aziendali o minerari hanno preso il sopravvento. Ci sono meno miner individuali in quanto le ricompense non compensano abbastanza il costo del rig e il consumo di elettricità.

La difficolta nel minare bitcoin

C’è anche un tasso di difficoltà associato al mining di bitcoin, e questa è una variabile che cambia ogni due settimane. Riduce le possibilità che un singolo miner sia in grado di risolvere il problema dell’hash e guadagnare BTC.

L’estrazione di BTC può ancora essere redditizia per alcuni singoli minatori. Puoi utilizzare vari calcolatori di redditività online per decidere se il mining possa essere vantaggioso per te in base al costo dell’energia, dell’efficienza, del tempo per il mining e del valore di BTC.

Se la configurazione del tuo rig e del mining non ti sembra redditizia, puoi sempre unirti a un mining pool. Un mining pool è generalmente un gruppo di miner che lavorano insieme per condividere le ricompense. Riduce gli investimenti e offre rendimenti migliori. Anche se le ricompense vengono divise tra i partecipanti, la potenza di elaborazione combinata fornisce una maggiore probabilità di completare prima l’hashing.

Se ritieni di poter fare l’investimento iniziale e lavorare con il livello di difficoltà e il mercato volatile di Bitcoin, allora il mining di Bitcoin può essere redditizio a lungo termine.

La sicurezza e le transazioni legate al mining

Tutto ciò ha aiutato Bitcoin a rimanere in vita in tutti questi anni. I miner non solo aiutano a regolamentare le nuove monete, ma aiutano anche a verificare le transazioni precedenti blocco per blocco.

Ogni 1 MB di transazioni verificate rende il miner idoneo per il premio (attualmente 6,25 BTC per blocco estratto). Tuttavia, fare mining nel 2022 individualmente sembra essere meno redditizio di prima con l’aumento del tasso di difficoltà e dell’investimento iniziale.