Parità Euro-Dollaro: cosa significa per le criptovalute?

Parità Euro-Dollaro USA: cosa significa per le criptovalute? Cerchiamo di fare chiarezza su un’importante questione macroeconomica.

La più grande notizia macro di questa settimana è stata sicuramente la parità tra Euro e Dollaro USA.

Dopo 20 anni, 1€ equivale a 1$: Roma, Parigi e Amsterdam faranno molti più affari all’estero.

parita euro dollaro
Adobe Stock

La parità euro-dollaro significa non solo vacanze più economiche per gli americani, ma avrà anche conseguenze e implicazioni macroeconomiche per le criptovalute. In questo articolo esamineremo:

  • Aspetto macroeconomico della questione: il quadro generale dietro i movimenti del tasso di cambio.
  • 1€ = 1$: tre fattori che spiegano questo sviluppo.
  • Il piano della BCE: la situazione in cui si trova la Banca centrale europea.
  • Cosa significa tutto questo per le criptovalute: è una buona notizia oppure no? e dove si inserisce l’euro digitale?

Parità euro-dollaro: aspetto macroeconomico della questione

I tre grandi sviluppi che hanno posto le basi per questo evento – che si ripete ogni due decenni – sono:

  • Aumento del debito a seguito del COVID.
  • Aumento dei prezzi dell’energia causato dalla guerra in Ucraina.
  • I problemi delle catene di approvvigionamento – o supply chain – causati dai blocchi COVID hanno portato a una scarsità di beni e manodopera.

1. Aumento del debito

I governi, così come i consumatori e le aziende, finanziano la spesa con il debito. La moderna teoria economica dice di risparmiare nei periodi buoni e spendere nei periodi cattivi. Sfortunatamente, la teoria non è all’altezza della realtà. Il debito pubblico è cresciuto parecchio negli ultimi decenni. Il confronto tra debito e PIL (ovvero la produzione economica di un paese) per l’Europa e gli Stati Uniti è in continua crescita.

I paesi dell’Eurozona prima del COVID erano un po’ più prudenti con le loro finanze rispetto agli americani, ma la pandemia non ha fatto prigionieri.

Perché è importante sapere queste cose?

Più debiti → più soldi spesi per il pagamento dei tassi di interesse → meno soldi per altre cose. Poiché i governi sono dissoluti, possono risparmiare per ridurre il debito (raro, ma succede) o assumere nuovi debiti.

2. Aumento dei prezzi dell’energia

Proprio quando il COVID sembrava essere andato via per sempre, l’economia mondiale ha ricevuto il colpo successivo.

La guerra ha portato all’aumento dei prezzi del carburante, il che significa meno consumi, risparmi e investimenti. I prezzi dell’energia fanno aumentare i costi: c’è l’inflazione.
L’inflazione svaluta i tuoi soldi. Il governo lotta per combattere l’inflazione a causa del già elevato debito.

3. Problemi delle catene di approvvigionamento

Le spedizioni in generale durante la pandemia sono state notevolmente più difficili, causando colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento. Lo abbiamo visto in:

Una minore offerta di beni importanti e manodopera porta a un aumento dei costi → aumenta l’inflazione.

Ora, qual è il collegamento con la parità euro-dollaro?

Le tre ragioni dietro la parità euro-dollaro

1. Differenziali di tasso di interesse

L’aumento dell’inflazione può essere frenato da aumenti delle tasse o dei tassi di interesse. In quest’ultimo caso, il governo rende più costoso detenere una valuta emettendo debito con un tasso di interesse più elevato. La Federal Reserve ha fatto esattamente questo e ha alzato i tassi di interesse in modo abbastanza aggressivo. La Banca centrale europea (BCE) no. Gli investitori devono affrontare la seguente scelta per sfuggire all’inflazione dell’8%:

a) Mantieni contanti e perdi l’8% su di essi.

b) Acquista obbligazioni, ricevi l’1,5% e quindi perdi il 6,5%.

La maggior parte degli investitori sceglie b). Ancora più importante, la maggior parte degli investitori prevede che la maggior parte degli altri investitori continuerà a scegliere b) nei prossimi anni.

2. Timori per la crescita in Europa

I prezzi del petrolio e del gas in tutto il mondo sono aumentati a causa della guerra. Tuttavia, sono aumentati molto di più in Europa che negli Stati Uniti.

Lyn Alden ha sottolineato che la previsione di prezzi più elevati per un periodo di tempo più lungo in futuro potrebbe causare danni reali.

Non è necessario avere un dottorato in economia per capire che questa è una cattiva notizia.

Prezzi del gas più elevati significano prezzi più elevati per i consumatori e prezzi più elevati per le industrie che dipendono dall’energia.
Sfortunatamente per l’Europa, la sua industria più grande e importante è specializzata nella produzione.

3. La dipendenza della Germania da prezzi energetici accettabili

I dati sul PIL per i paesi dell’UE27 mostrano che la quota della Germania sul PIL dell’UE è superiore al 20% (ancora di più se consideriamo solo i 19 paesi della zona euro). La Germania è economicamente importante per la zona euro quanto la California e il Texas lo sono per gli Stati Uniti messi insieme.

Sfortunatamente per la Germania, i giorni in cui importava energia a basso costo dal suo fornitore preferito – ovvero la Russia – sembrano essere contati. Così sono i giorni di esportazione di macchinari e automobili in Russia. Sebbene la Germania abbia molti altri (più grandi) partner commerciali, il colpo è stato notevole.

Come la BCE intende affrontare la parità euro-dollaro

Il mercato pensa che non ci proverà nemmeno. Gli investitori si aspettano aumenti dei tassi di interesse abbastanza moderati fino alla fine del 2023.

Non tutti nella BCE sono d’accordo con questo atteggiamento accomodante, cioè rimanere passivi. L’Austria vorrebbe che il problema venisse affrontato in modo più aggressivo. I dubbi su questa politica sono leciti. Le nazioni dell’Europa meridionale – come l’Italia – devono già pagare un interesse significativo per prendere in prestito denaro sui mercati.

In breve: è complicato, e non sembra che l’euro invertirà presto la rotta.
Cosa significa tutto questo per le criptovalute?

Le implicazioni per la criptovaluta

Secondo un rapporto di Chainalysis, la quota europea del volume delle transazioni crittografiche globali per regione era del 25% a giugno 2021. Anche se tale cifra è leggermente diminuita a causa del mercato ribassista, l’Europa rappresenta una parte significativa delle transazioni in criptovalute. La maggior parte della crescita è stata trainata da grandi investitori istituzionali che sono entrati nella DeFi.

In altre parole, l’Europa è un hub piuttosto inaspettato per le criptovalute. Quindi se l’Europa è in calo, le criptovalute sono in calo di conseguenza.

Purtroppo non è facile come dire euro debole = criptovaluta in calo. Un euro più debole potrebbe anche avere un impatto minimo o nullo sugli investitori istituzionali, che si limitano a guardare al quadro generale e a come sta andando il settore nel suo insieme.

Dopotutto, i rendimenti delle criptovalute possono superare un calo del 20%, ma possono anche andare dall’altra parte.

Più interessante, tuttavia, è la posizione della BCE sulle criptovalute. Le stablecoin ancorate all’euro come EURT hanno a malapena una fornitura circolante significativa (solo 400 milioni di EURT rispetto a 65 miliardi di USDT). Ma ciò non ha impedito alla BCE di esprimersi contro le criptovalute e, in particolare, le stablecoin.

La BCE ha ritenuto questi ultimi “inadeguati per essere utilizzati nei pagamenti nell’economia reale” a causa della loro velocità, costo e termini di rimborso. Ha proposto “misure di vigilanza e regolamentazione”, qualcosa con cui la BCE ama armeggiare (a differenza dei suoi tassi di interesse).

La BCE ha anche mostrato molto più entusiasmo per le CBDC che per le sue politiche monetarie. L’euro digitale – come dice la proposta – sarà limitato da 1 a 1,5 trilioni di euro. Si dà il caso che sia la quantità di denaro in circolazione. Che coincidenza!
Tuttavia, l’euro digitale proposto (in arrivo nel 2026) non ha ricevuto feedback positivi dal mercato. I sostenitori delle criptovalute affini alla tecnologia l’hanno etichettata come slavecoin, anche se si suppone che la CBDC – o Central Bank Digital Currency – sia anonima. Consentirebbe – almeno teoricamente – nuovi strumenti di politica monetaria come allocazioni di liquidità mirate e tassi di interesse negativi, la materia di cui sono fatti gli incubi delle persone pro-cripto.

Considerazioni finali

È probabile che la parità euro-dollaro rimanga. Almeno nei prossimi 12-18 mesi, la Fed e la BCE stanno prendendo strade diverse, quindi aspettiamoci di vedere ancora più forza nel dollaro in questo intervallo di tempo.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Gli effetti sulle criptovalute sono meno chiari. Una zona euro economicamente più debole non aiuta, ma è difficile calcolare quanti danni potrebbe fare. Gli investitori in criptovalute legate all’euro hanno le stablecoin come ancora di salvezza.