Che cos’è il Coin Burn e perché bruciamo criptovalute

Se si è appassionati di criptovalute, molto probabilmente avrete sentito il termine “Coin Burn”, se non l’hai mai sentito, sei nel posto giusto!

Alcune piattaforme, come Binance, eseguono regolarmente un Coin Burn per aggiungere valore a Binance Coin (BNB). Quali sono esattamente i vantaggi del Coin Burn e dove vanno a finire le monete dopo il processo di burn? Scopriamolo

coin token burn
Adobe Stock

Che cos’è il Coin Burn

Brevemente, il Coin Burning è un processo per eliminare token dalla circolazione per aggiungervi più valore.

il Coin Burn è un processo intenzionale per eliminare i token dal sistema in modo che non possano essere riutilizzati. Il processo funziona coinvolgendo gli sviluppatori che emettono le risorse digitali.

Il token entra in un portafoglio che non può essere recuperato. Questo portafoglio è chiamato “eater adress” che è visibile al pubblico. Inoltre, lo stato del processo viene successivamente pubblicato sulla blockchain.

Come funziona il Coin Burn

I possessori di criptovalute sono coloro che utilizzano questa funzionalità, affermando che vogliono bruciare un numero di token predefinito.

Quindi lo smart contract verifica che la persona abbia il numero appropriato di token nel proprio portafoglio e che il numero di monete indicato sia valido. Il meccanismo di burning, ovviamente consente solo numeri positivi.

Se i titolari non hanno risorse sufficienti, o se il numero indicato non è valido (ad esempio, 0 o -5), il Coin Burn non avviene.

Se hanno un numero sufficiente di token, verranno detratti dal portafoglio. La fornitura totale di quella moneta verrà quindi aggiornata e la moneta verrà bruciata in modo permanente.

Inoltre, ci sono anche diversi modi per il fare tutto ciò. Il metodo è determinato dallo scopo del burn. Alcuni sviluppatori possono utilizzare un Coin Burn per rimuovere le monete da un token invenduto dalla circolazione dopo che l’ICO è terminato.

Alcuni preferiscono farlo in più fasi. Binance conduce un processo di Burn di monete ogni tre mesi. Tutto ciò fa parte dell’impegno per raggiungere i 100 milioni di token BNB che verranno successivamente bruciati.

Il Coin Burn e il suo legame con le stablecoin

Le stablecoin, come Tether (USDT), creno i token quando i fondi vengono depositati nelle loro riserve e vengono immediatamente bruciati per l’importo equivalente al termine della transazione.

Il meccanismo utilizzato può variare, ma le monete che hanno subito il processo di burn non possono essere recuperate e non possono essere riutilizzate. Queste monete vengono effettivamente rimosse dalla circolazione, registrate pubblicamente e verificabili sulla blockchain.

La sua storia e correlazione col mercato borsistico

Le criptovalute non sono le prime a definire il Coin Burn come un concetto unico. In effetti, questo processo è originariamente dall’idea di una società pubblica che riacquista azioni. Il meccanismo è che la società utilizza denaro contante per riacquistare azioni ordinarie in modo da ridurre il numero di azioni in circolazione in seguito.

In questo processo, la società ritiene che tale atto possa rafforzare il valore delle azioni e può anche aiutare ad aumentare i profitti dell’azienda. Poiché il numero di azioni in circolazione è inferiore, il rapporto tra profitto netto e azioni sarà molto più elevato.

Il Proof-of-Burn

Il Proof-of-Burn (PoB) è un meccanismo di consenso blockchain con un consumo energetico minimo rispetto a Proof-of-Work (PoW). Come spiegato sopra, il Coin Burn è il processo di rimozione permanente delle criptovalute dalla circolazione. Sebbene la pratica riduca l’inflazione, le blockchain basate su PoB la utilizzano per convalidare le transazioni.

Il Proof-of-Burn è simile a Proof-of-Stake (PoS) nel senso che entrambi i meccanismi di consenso implicano l’interazione con le monete per proteggere la rete. Tuttavia, a differenza del PoB, le monete bloccate nel sistema PoS non vengono eliminate in modo permanente, il titolare può comunque accedervi e venderle se desidera lasciare la rete. D’altra parte, il PoB, a differenza di PoS, può causare una carenza di monete.

Ragioni e vantaggi di tale pratica

Per coloro che sono ancora principianti, potresti chiederti perché qualcuno sano di mente  vorrebbe bruciare le monete che ha pagato? Bene, ci sono ragioni e vantaggi interessanti per cui bruciare monete può essere una buona idea.

Aumenta il valore del token

Uno degli obiettivi principali per cui la maggior parte delle reti crittografiche spesso brucia le proprie monete è aumentare il prezzo delle monete poiché le stesse risorse crittografiche si basano sulla domanda e sull’offerta.

Quando si bruciano le monete, l’offerta diminuirà, causando scarsità. La scarsità è ciò che fa aumentare la domanda dei token. Con una maggiore domanda, aumenterà anche il prezzo.

La scarsità è un concetto economico centrale che assegna valore a un particolare bene. Alcune risorse digitali crittografiche hanno una natura deflazionistica, il che significa che la fornitura di monete crittografiche è fissa, senza che vengano create monete aggiuntive dopo aver raggiunto la fornitura totale.

Ad esempio, Bitcoin, questo asset digitale ha una fornitura fissa di soli 21 milioni , quindi quando la domanda aumenta, anche il prezzo delle monete Bitcoin aumenterà perché il numero di Bitcoin disponibili sul mercato è ancora limitato.

Allo stesso modo, se l’offerta di Bitcoin diminuisce a causa del processo di Coin Burn, il prezzo dell’asset aumenterà perché l’attuale quantità in circolazione non ha soddisfatto la crescente domanda del mercato.

Ricapitolando

Il Coin Burn è uno dei metodi più efficaci per aumentare e stabilizzare la valutazione di monete e token. La stabilità da agli investitori un incentivo maggiore del solito e mantiene il prezzo della moneta a un livello più redditizio in seguito.

Come dicono i principi economici, “ridurre la quantità di qualcosa lo renderà molto più prezioso”.