Le 4 grandi sfide che la blockchain dovrà superare per imporsi definitivamente nel mondo

Analizziamo 4 delle principali sfide che dividono la blockchain dall’adozione di massa. Siamo sulla buona strada, ma attenzione a questo.

La tecnologia blockchain ha dimostrato un enorme potenziale. I suoi numerosi casi d’uso non sono l’oggetto di questo articolo, ma potete trovarli qui.

sfide blockchain
Adobe

In questo articolo ci occupiamo delle sfide che la nostra tecnologia preferita deve affrontare per imporsi al grande pubblico. La blockchain deve affrontare una miriade di sfide, ecco le 4 più importanti.

Sfide principali per l’adozione della blockchain

Le sezioni seguenti consistono in un’analisi di alcune delle sfide principali della blockchain, sulla strada per l’adozione di massa. Immergiamoci.

#1. Problemi di sicurezza

Le organizzazioni in – tutti i settori industriali – dovranno affrontare una serie complicata e potenzialmente devastante di difficoltà di varia natura, man mano che l’ecosistema blockchain matura e nascono nuovi casi d’uso.

Ci sono numerosi problemi con blockchain: i problemi di sicurezza sono sicuramente tra questi. Ma quali sono i punti deboli della blockchain in termini di sicurezza?

Attacchi del 51% 

I design delle varie blockchain differiscono nell’architettura. Alcune sono più sicure di altre. Le blockchain decentralizzate sono più suscettibili agli attacchi del 51% rispetto a quelle centralizzate. Questo ha causato alcuni problemi agli appassionati di criptovalute che preferiscono mantenere le proprie risorse su chain più decentralizzate.

Scendiamo un po’ di più nei dettagli. Gli attacchi al 51%, sfruttano una scappatoia intrinseca nei sistemi decentralizzati che consente agli utenti di controllare una blockchain esercitando oltre il 51% della potenza di elaborazione. Questo di solito accade su reti che utilizzano lo standard proof-of-work (PoW).

I sistemi blockchain senza autorizzazione con bassi tassi di hash sono particolarmente inclini a questo tipo di attacchi. Gli attacchi del 51% riusciti consentono agli hacker di annullare le transazioni, invalidare le nuove transazioni e modificare nuovi blocchi.

In molti casi, i malintenzionati dietro gli schemi causano ciò che viene definito doppia spesa. L’anomalia consente agli hacker di sottrarre fondi da una rete senza dover hackerare i portafogli crittografici incorporati.

Le reti blockchain che hanno subito attacchi del 51% negli ultimi anni sono Bitcoin Cash (BCH) ed Ethereum Classic.

Detto questo, alcuni ecosistemi blockchain hanno implementato delle tecniche formidabili per evitare gli attacchi del 51%. Parliamo delle cosiddette firme cieche sui sistemi Proof-of-Work (PoW). Sui sistemi Proof-of-Stake (PoS), il problema viene contrastato bloccando una certa percentuale di fondi per impedire il controllo della maggioranza e garantire la sicurezza della rete.

Flash Loans

L’altro problema di sicurezza che le reti blockchain devono affrontare sono gli attacchi ai prestito flash. Questi tipi di attacchi sono solitamente condotti contro gli ecosistemi DeFi che offrono prestiti non garantiti. La maggior parte delle reti possiede anche requisiti Know Your Customer (KYC). Per questi motivi gli aggressori possono sfruttare le scappatoie dell’arbitraggio per manipolare il valore dei token e prelevare profitti da altre reti, riciclando efficacemente il denaro.

Tra gli attacchi di questo tipo più importanti citiamo l’attacco hacker a PancakeBunny che si è verificato nel maggio 2021. Ha portato alla perdita di circa $200 milioni di dollari di asset in criptovaluta. Anche Alpha Finance e Spartan Protocol hanno subito attacchi simili, con perdite di decine di milioni di dollari.

Errori nei codici

Oltre agli attacchi hacker, i sistemi blockchain sono anche soggetti a problemi dovuti alla scrittura dei codici. Le blockchain centralizzate sono generalmente più vulnerabili poiché tutto ciò che gli hacker devono fare è trovare i singoli punti di errore. In molti casi, vengono prese di mira le entità che detengono le chiavi private.

L’accesso alle chiavi blockchain consente agli hacker di trasferire risorse dai portafogli nativi del sistema ai propri.

Centralizzazione delle informazioni

Un altro problema di sicurezza che colpisce la blockchain è la centralizzazione delle informazioni, soprattutto nei sistemi blockchain che si basano su fonti esterne. Alcune reti ad esempio utilizzano i cosiddetti oracoli per determinare i prezzi di qualcosa, e questo in alcuni casi ha portato a perdite sostanziali. Gli oracoli in sostanza sono un ponte tra la blockchain ed il mondo esterno, e sono in grado di riportare alcuni dati utili.

Nel novembre 2020, gli utenti del protocollo Compound hanno perso un totale di $103 milioni a causa di una deviazione non prevista del prezzo di DAI (la valuta nativa del protocollo Compound). La piattaforma aveva estratto i dati sui prezzi di mercato da Coinbase Pro, ma questi non erano corretti. L’errore ha causato un aumento dei prezzi del 30%. Di conseguenza, i venditori allo scoperto – con posizioni altamente indebitate – hanno subito liquidazioni e perdite significative.

L’altro grande problema che devono affrontare i sistemi blockchain centralizzati è la suscettibilità ai rug pulls. I rug pulls sono manovre manipolative che pubblicizzano progetti truffaldini per attirare investitori ignari, spesso neofiti. Fatto ciò, i fondatori scappano con i fondi. Hyperfund vi dice qualcosa?

Questi tipi di truffe sono abbastanza comuni nel mondo cripto, ed è probabile che continuino ad esistere a causa della mancanza di controllo normativo. Hanno causato problemi di natura etica ed economica alla blockchain, come ad esempio l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro.

Sfide Blockchain #2 e #3: Scalabilità e Interoperabilità

La tecnologia blockchain si è evoluta nel corso degli anni – principalmente per diventare più scalabile – con l’aumento dei casi d’uso. La prima rete blockchain è stata sviluppata da Satoshi Nakamoto per sostenere la rete Bitcoin. La seconda rete decentralizzata è stata Ethereum, fondata da Vitalik Buterin.

La blockchain di Ethereum è un passo avanti rispetto alla rete Bitcoin, grazie a ciò che gli esperti chiamano denaro programmabile. La rete è stata creata per gestire un gran numero di transazioni crittografiche supportando allo stesso tempo applicazioni decentralizzate (Dapp).

Ma i problemi di scalabilità affliggono sia le reti Bitcoin che Ethereum. Allo stato attuale, la rete Ethereum è la più popolare tra gli sviluppatori blockchain.

Si stima che oltre il 70% dei progetti blockchain siano basati su Ethereum. L’esplosione di progetti e protocolli negli ultimi anni ha causato alla chain notevoli problemi di scalabilità. Tariffe elevate a bassa velocità sono gli esempi principali.

Ethereum 2.0

Nell’agosto 2021 gli sviluppatori di Ethereum hanno implementato un hard fork per avviare la transizione da un protocollo proof-of-work (PoW) a un protocollo proof-of-stake (PoS). Ciò ha contribuito a ridurre l’utilizzo della rete, che aveva raggiunto livelli insostenibili. Nei mesi precedenti, la rete Ethereum funzionava a circa il 98% della capacità, una situazione che minacciava di bloccare la blockchain.

L’aggiornamento Ethereum 2.0 è stato pensato per migliorare la scalabilità, aumentando il numero di transazioni gestite al secondo. Questo avverrà attraverso una tecnica nota come sharding. Lo sharding aumenterà le attuali velocità di elaborazione – da circa 30 transazioni al secondo (TPS) a oltre 100.000 TPS – distribuendo i carichi di dati lungo la blockchain.

Fino a qualche tempo fa, le basse velocità della rete e le elevate commissioni di transazione hanno costretto alcuni progetti a passare a reti più efficienti come BNB Chain (BSC) o Solana. BNB Chain attualmente ha un throughput di transazioni più elevato e tariffe del gas inferiori. Inoltre è compatibile con Ethereum Virtual Machine (EVM). Ciò significa che può gestire applicazioni create per la blockchain Ethereum.

BNB Chain è diventata un serio concorrente della blockchain di Ethereum. A tratti l’ha anche superata in alcuni parametri, come il numero di transazioni eseguite al secondo.

Layer 2 e side-chain: una soluzione al problema di scalabilità della blockchain

Sono stati sviluppati diversi progetti blockchain per aggirare i problemi di scalabilità sulle principali reti. Tra questi c’è uno dei principali layer 2 di Ethereum, ovvero Polygon. La soluzione di scalabilità layer 2 ha una velocità di elaborazione di oltre 1.000 transazioni al secondo (TPS).

In sostanza è capace di raggruppare le transazioni insieme, in attesa dell’elaborazione. Vengono convalidate in massa prima di essere restituite alla chain principale. Lo scopo principale delle sidechain è supportare applicazioni compatibili con la blockchain principale, fornendo maggiore efficienza a costi inferiori.

Le sidechain promuovono anche l’interoperabilità supportando lo scambio di dati con altre blockchain.

Sfide blockchain #4. Consumo energetico

Bitcoin ed Ethereum sono attualmente le due criptovalute più famose. Sono anche sistemi proof-of-work ad alta intensità energetica, che dipendono dal mining per convalidare blocchi e transazioni. Il concetto non rende bene l’idea a quanto pare, considerando la quantità di energia che consumano.

Si stima che il mining di BTC – da solo – utilizzi circa 100 terawattora di elettricità ogni anno. Più della quantità di energia utilizzata in paesi come la Finlandia o la Norvegia nello stesso arco di tempo.

Anche la sua impronta di carbonio è significativa. Si stima che siano prodotte circa 97 tonnellate di anidride carbonica ogni anno. Questo è ovviamente motivo di grande preoccupazione per le autorità di regolamentazione. Di conseguenza, le principali giurisdizioni come la Cina hanno – per lunghi tratti – vietato il mining di criptovalute. Tale mossa è dovuta all’inutile danno ambientale causato dall’attività mineraria.

Oltre alla Cina, anche alcune nazioni come il Kazakistan – uno dei principali data center e hotspot di mining di criptovalute – stanno affrontando numerose sfide nell’attuazione delle normative. Questo perché i miner dalla Cina – e dalle nazioni circostanti – si riversano nella nazione a causa dell’energia a basso costo.

Le autorità hanno più volte in passato accusato i miners di incidere negativamente sul consumo energetico. Hanno persino interrotto l’alimentazione alle operazioni di mining di criptovalute, nel tentativo di mitigare il problema. Questa mossa ha portato a uno scontro totale tra le autorità e i miners di criptovalute.

Le contromosse

Negli Stati Uniti, otto legislatori l’anno scorso hanno inviato lettere a società di criptovalute chiedendo loro di fornire più dettagli sulle loro operazioni. I dettagli richiesti riguardavano il consumo di energia, gli accordi esistenti con le società locali di fornitura di energia elettrica, i loro piani di scalabilità e l’impatto in termini di costi diretti e indiretti per i consumatori locali.

L’ultimo sviluppo arriva sulla scia di un accresciuto dibattito sull’impatto ambientale del mining di criptovalute. Alcuni legislatori hanno già presentato proposte volte a costringere le aziende crittografiche a utilizzare fonti di energia rinnovabile. La strategia consentirebbe all’attuale amministrazione statunitense di raggiungere i suoi obiettivi per quanto riguarda il cambiamento climatico.

Questa svolta ha indotto alcune blockchain a prendere in considerazione il passaggio a sistemi più efficienti dal punto di vista energetico. La rete Ethereum ha già pianificato un aggiornamento a un protocollo proof-of-stake, il famigerato e tanto rimandato Merge. Nel momento in cui scrivo – 18 Luglio 2022 – la data del merge è fissata al 19 Settembre 2022.

Si stima che Ethereum attualmente utilizzi circa 73,2 TWh di energia all’anno. Si prevede che il consumo di energia diminuirà del 99,95% una volta completato il passaggio al PoS.

Considerazioni finali

Attualmente, le principali società in ambito criptovalute sono state colpite dalla crisi dei licenziamenti. Questo ha causato molti grattacapi, sia agli investitori che ai CEO.

L’implementazione della tecnologia blockchain richiede specialisti altamente qualificati. Anche se gli investimenti – come la consapevolezza e le sfide – nel settore blockchain sono in aumento, nulla è ancora deciso. Gli afflussi di capitali sono destinati ad aumentare man mano che le tecnologie blockchain più innovative si prendono il centro della scena.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Al momento, molte promettenti implementazioni della tecnologia blockchain sono ancora nelle fasi iniziali, e non possiamo immaginare ora quali saranno i prossimi trend. Di una cosa però siamo sicuri: tutto questo è qui per restare.