Stock-to-flow: Bitcoin moltiplica i rendimenti ogni 4 anni? É possibile prevederne il prezzo?

Che cos’è il modello Stock to Flow (S2F) per Bitcoin? In questo articolo vediamo come è possibile utilizzarlo per guadagnare.

Il modello Bitcoin S2F è quello che si avvicina di più ad una sfera di cristallo per quanto riguarda le criptovalute? O dobbiamo buttarlo nel cestino delle idee che non hanno mai avuto successo? Oggi, Crypto.it analizza l’accuratezza di questo strumento.

Il modello stock-to-flow (S2F) di Bitcoin afferma che il prezzo di Bitcoin aumenterà al diminuire della sua offerta. Se le previsioni del modello S2F sono corrette, gli investitori Bitcoin riceveranno rendimenti decuplicati ogni quattro anni.

bitcoin stock to flow s2f

Certo, non tutti credono alle previsioni di questo modello. Alcuni analisti affermano che le sue previsioni sono imperfette o addirittura un desiderio per sciocchi. Eppure decine di investitori sono saldamente fedeli a questo modello. Sottolineano che fino a tempi abbastanza recenti, le sue previsioni sono state straordinariamente accurate.

Quindi il modello S2F di Bitcoin è ciò che più si avvicina alla famosa sfera di cristallo per le criptovalute? O dobbiamo buttarla nel cestino delle belle idee che non hanno mai avuto successo?

Stai tranquillo: esploreremo queste domande più avanti in questa guida. Ma prima, occupiamoci di che cos’è il modello S2F e di come funziona davvero. Immergiamoci.

Stock to Flow: ecco che cos’è

La logica fondamentale alla base dei modelli S2F è che la scarsità influenza il valore di un asset più di qualsiasi altro fattore.

Un modello S2F calcola la scarsità di un asset confrontando la sua offerta circolante, chiamata stock, con la sua offerta annuale in entrata, chiamata anche flow (ovvero flusso). Più alto è il rapporto S2F, più scarsa e preziosa sarà la risorsa.

Il modello S2F di Bitcoin è stato creato da PlanB, un influente analista e investitore nel settore delle criptovalute. PlanB ha affermato che – poiché l’offerta e il flusso circolanti di Bitcoin sono noti, e poiché la creazione di Bitcoin falsi è impossibile – potremmo utilizzare un modello S2F per prevedere con precisione i movimenti dei prezzi di Bitcoin.

Come calcolare il rapporto tra stock e flow (S2F)?

Per calcolare il rapporto S2F di qualsiasi asset, devi semplicemente dividere la fornitura totale per il flusso annuale. Questo mostra quanti anni – al tasso di produzione attuale – sono necessari per raggiungere lo stock attuale del bene.

Se vuoi calcolare il rapporto S2F di Bitcoin, dividi l’offerta totale di Bitcoin, che è di 19.060.593 BTC nel momento in cui scrivo, per il suo flusso annuale fisso, che è 328.500 BTC. Se non sai come trovare questi numeri, ecco una rapida spiegazione.

L’offerta in circolazione di Bitcoin è facile da trovare: basta controllare la pagina Bitcoin di CoinMarketCap qui.

Per calcolare il flusso annuale di Bitcoin, basta moltiplicare il numero di blocchi Bitcoin estratti ogni giorno, che attualmente è 144, con la ricompensa del blocco – 6,25 BTC. Il risultato è 900 nuovi BTC che entrano nella fornitura ogni giorno. Quindi moltiplichi i 900 BTC per i 365 giorni in un anno, ottenendo un flusso annuo di 328.500 BTC.

Tieni presente che il flusso di Bitcoin non è costante; si dimezza ogni 210.000 blocchi estratti, o circa una volta ogni quattro anni. Da quando Satoshi ha creato Bitcoin nel 2008, la ricompensa si è dimezzata tre volte da 50 BTC a 6,25 BTC per blocco, e la prossima volta avverrà nel 2024.

Infine, per calcolare il rapporto S2F, dividiamo la nostra offerta circolante – 19.060.593 – per il nostro flusso annuo – 328.500 – che ci dà un rapporto di 58,02. Per avere un riferimento, il rapporto S2F stimato dell’oro è di circa 62 in questo momento.

Quindi nel tempo, man mano che un minor numero di BTC entra nel mercato rispetto all’offerta totale, il rapporto S2F di Bitcoin aumenterà ancora. In generale, gli asset con rapporti S2F più elevati dovrebbero (in teoria) aumentare di valore nel tempo. In confronto, gli asset con un rapporto S2F basso (come vestiti, cibo e altri articoli di consumo) generalmente perdono valore nel tempo.

Perché utilizziamo il modello Stock to Flow per prevedere i movimenti dei prezzi di Bitcoin?

Utilizziamo il modello S2F per prevedere i futuri punti di prezzo di Bitcoin perché disponiamo di dati più affidabili sul suo stock e sul suo flow attuali rispetto a molti altri asset, come materie prime e metalli preziosi.

Lo stock e il flusso di queste altre risorse possono essere influenzati da troppe variabili sconosciute, perché la metrica sia utile per la previsione. Variabili come recessioni, guerre o pandemie ad esempio, possono alterare drasticamente la fornitura annuale di oro (o altri metalli preziosi) nel giro di pochi giorni.

Anche se conoscessimo queste variabili, non sapremmo comunque la fornitura o il flusso preciso dell’oro, semplicemente perché non lo tracciamo accuratamente. Ogni giorno l’oro viene convertito in componenti per computer e gioielli, il che complica ulteriormente il compito di tracciarne le scorte e il flusso.

Pertanto, il calcolo dell’esatto rapporto S2F dell’oro (o di altri metalli preziosi) richiede molte approssimazioni. Ecco perché i trader di materie prime non usano i modelli S2F così spesso.

Ma Bitcoin invece non è influenzato da nessuno di questi fattori: il suo flusso non può essere alterato o manipolato e la sua offerta totale è sempre nota. Inoltre, non puoi togliere Bitcoin dal mercato per produrre beni di consumo, come ad esempio componenti o gioielli. Questo significa che il rapporto S2F di Bitcoin è perfettamente accurato, motivo per cui lo usiamo per prevedere le future variazioni dei prezzi di Bitcoin.

Cosa prevede il modello Stock to Flow oggi?

Come puoi vedere in questo tweet di PlanB, il modello S2F indica che Bitcoin dovrebbe valere circa $100.000, che è quasi cinque volte il suo valore reale nel momento in cui scrivo.

Il modello suggerisce che il prezzo di Bitcoin si aggirerà intorno ai $110.000 nel 2023, e poi salirà lentamente fino a $200.000.

Bitcoin segue veramente il modello Stock to Flow?

Bitcoin negli ultimi diciotto mesi ha deviato dalle previsioni del modello S2F, e non sembra probabile un riallineamento al modello in tempi brevi.

Oggi il prezzo di Bitcoin si aggira intorno ai $20.000, e non ha superato la soglia dei $50.000 dal Natale dello scorso anno. Considera che secondo il modello S2F Bitcoin dovrebbe valere poco meno di $110.000 in questo momento.

Quindi per ora la risposta è no. Bitcoin non sta seguendo le previsioni del modello S2F.

Il modello Stock to Flow è accurato?

A lungo termine invece la risposta è sì: il modello S2F sembra accurato. O almeno lo era fino all’anno scorso. Ma ancora una volta, a breve termine Bitcoin non segue il copione.

Si sono verificate in precedenza importanti deviazioni dalle previsioni del modello. Ma alla fine il prezzo di Bitcoin è sempre tornato in linea con le previsioni.

Ad esempio, il modello S2F è stato molto impreciso tra il 2013 ed il 2015.

Ma puoi anche vedere che dopo questa impennata, il prezzo di Bitcoin si è riallineato al modello S2F fino alla metà dello scorso anno (2021).

Quindi è perfettamente plausibile che il modello sia accurato, e che eventi inaspettati – come la guerra in Ucraina o la pandemia del Covid-19 – possano spostare il prezzo di Bitcoin più di quanto il modello possa spiegare.

Critiche al modello Stock to Flow

Il modello S2F è stato preso di mira negli ultimi anni per una serie di motivi, primo tra tutti il ​​fatto che non sembra essere particolarmente accurato.

Alcuni sostengono che il modello si basi troppo sul flusso di Bitcoin, che ritengono influirà sempre meno sul suo prezzo nel tempo. Questo perché la domanda può essere sempre soddisfatta da persone disposte a vendere i propri Bitcoin. In altre parole, è vero che il flusso ha un impatto sul prezzo di Bitcoin, ma è solo un fattore che contribuisce. Un fattore che diventerà meno rilevante e farà sì che il modello S2F preveda in modo meno accurato nel tempo.

Per capire meglio questo concetto, immagina che l’uomo sia riuscito oggi ad estrarre tutto l’oro del mondo. Il valore di ogni lingotto d’oro aumenterebbe sicuramente, ma non in modo esponenziale o per sempre, poiché ci sarebbe ancora molto oro disponibile per l’acquisto e la vendita. Se invece il 90% dell’oro sulla terra svanisse improvvisamente nel nulla, il suo prezzo salirebbe alle stelle, ma ciò sarebbe dovuto al fatto che l’offerta totale – e non il flusso – è diminuita.

Inoltre il modello S2F presuppone che la domanda di Bitcoin aumenterà o almeno rimarrà ai livelli attuali. Ma cosa pensi accadrebbe se le autorità di regolamentazione di tutti i paesi del mondo bandissero improvvisamente il trading di Bitcoin? La domanda svanirebbe nel nulla. Questa è una cosa di cui il modello S2F non tiene conto.

Consideriamo anche il fatto che Bitcoin non è più l’unica criptovaluta in circolazione. Quindi – anche se indubbiamente manterrà il primo posto per almeno un altro paio di anni – il suo dominio probabilmente svanirà man mano che emergono sempre più criptovalute e sottraggono attenzione e domanda. Questo potrebbe spostare il prezzo di Bitcoin al di fuori delle previsioni del modello S2F in modo definitivo.

Conclusioni sul modello Stock to Flow

Quindi vale la pena seguire il modello S2F?

Dato che oggi il prezzo effettivo di Bitcoin e il prezzo previsto del modello S2F sono così distanti, sarebbe saggio fare alcune considerazioni. Ricordiamoci che il prezzo di Bitcoin finora è sempre tornato in linea con le previsioni del modello S2F, anche dopo aver deviato in modo significativo per anni.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In quanto tale, è ancora uno strumento utile per valutare la scarsità di Bitcoin in qualsiasi momento, ma ricorda sempre di ragionare con lucidità su tutte le decisioni di investimento.