Investire nel mining di criptovalute: ecco i migliori titoli del 2022

I migliori titoli in borsa per investire nel mining di criptovalute nel 2022. Un asset da tenere d’occhio durante questo bear market?

In questo articolo Crypto.it dà un’occhiata ai migliori titoli di mining di criptovalute e analizza le loro prestazioni sia nel mercato rialzista che in quello ribassista. Leggi di più!

La criptovaluta più preziosa al mondo – Bitcoin –  ha raggiunto un notevole massimo storico di $65.000 nel 2021. Ma come ben sappiamo, l’enorme calo del 2022 ha spaventato gli investitori: a metà giugno la criptomoneta è precipitata sotto ai $20.000, trascinando la maggior parte delle altcoin fino al bottom (ci auguriamo). A causa di tale calo, anche il prezzo dell’hash è sceso da $0,40 a un minimo pluriennale di $0,10.

mining criptovalute etf investire titoli

Molti investitori sembrano preoccupati, ma le grandi compagnie minerarie continuano a detenere i Bitcoin estratti. La storia di BTC ha dimostrato che dopo ogni inverno cripto c’è inevitabilmente la primavera. Poi arriva l’estate, che sorprende sempre i mercati. E mentre le principali balene del mining avranno sicuramente dei momenti difficili guardando i loro rapporti Q2 e Q3, l’holding a lungo termine paga sempre coloro che sanno aspettare con pazienza.

In questo articolo, daremo un’occhiata ai titoli più redditizi del mercato del mining, che potrebbe valere la pena acquistare nonostante il calo. Ma prima di approfondirli, diamo un’occhiata ad alcuni numeri.

Quanto è redditizio investire nel mining di criptovalute oggi?

La redditività del mining di criptovalute dipende fortemente dal prezzo della tua attrezzatura hardware, dai costi dell’elettricità e da molti altri fattori, come lo stato attuale del mercato delle criptovalute, l’halving, ecc. Poiché il mercato è in un momento di difficoltà, i guadagni di tale attività sono ora notevolmente inferiori.

Ad esempio, a maggio 2022 le entrate complessive del mining di Bitcoin sono diminuite di oltre il 20%. Ha portato solo $906 milioni di entrate, il 47% in meno rispetto a ottobre 2021, quando il mercato ha raggiunto il picco. Per la prima volta da agosto 2021, le entrate da mining non hanno superato la soglia psicologica di 1 miliardo di dollari. Nel frattempo, solo nel 2021 i miners di Bitcoin hanno generato un fatturato netto di oltre $15 miliardi, che rappresenta un incredibile aumento del 206% anno dopo anno.

Un’altra tendenza interessante del mining è che Ethereum ha guadagnato più di Bitcoin per diversi mesi consecutivi nel 2022. A maggio, i minatori di Ethereum hanno guadagnato un totale di 969,4 milioni di dollari, quasi il 7% in più rispetto a Bitcoin.

Sebbene il recente crollo delle criptovalute abbia pesantemente colpito i miners, le grandi società sono ancora in profitto. Per capire quanto valore portano ai loro proprietari, dobbiamo analizzare le capitalizzazioni di mercato e i rapporti sui guadagni.

In che modo le azioni stanno affrontando il crollo del mercato

Per esaminare rapidamente la situazione del mercato, possiamo esaminare un fondo negoziato in borsa (ETF) che traccia tutte le principali società di criptovalute e blockchain, comprese le azioni minerarie. L’ETF Amplify Transformational Data Sharing è quotato su NYSE Arca con il ticker BLOK dall’inizio del 2018.

Attualmente, BLOK comprende 49 partecipazioni, tra cui Visa, Mastercard e Meta. Le società minerarie ne rappresentano il 22%, con Canaan Inc. in cima alla lista. A causa del crollo del mercato, il mercato di BLOK è sceso da $62 nel novembre 2021 agli attuali $20.

crypto stocks in BLOK ETF
(credits: amplify ETFs)

Rispetto ad altri ETF nei mercati tradizionali, BLOK ha visibilmente sottoperformato nel 2021, fornendo un rendimento totale annuo (ATR) del -44,2%. Nel frattempo, SPDR, un ETF che rappresenta le più grandi società dell’S&P500, ha portato un ATR del 28,5% nello stesso periodo di tempo.

I migliori titoli per investire nel mining di criptovalute nel 2022

Esaminiamo tutti i principali titoli legati al mining di criptovalute, partendo da quello più grande. I nostri calcoli includono il prezzo delle azioni, le sue dinamiche entro un periodo di 12 mesi e la capitalizzazione di mercato. Tutti i calcoli sono rilevanti per il 20 giugno 2022, quando il prezzo di BTC è inferiore a $22.000. Ovviamente i prezzi cambiano ogni giorno, ma i fondamentali no.

Marathon Digital Holdings Inc.

Marathon Patent Group
(credits: google finance)

Prezzo delle azioni: $6,61

Capitalizzazione di mercato: $702,2 milioni

Marathon Digital (MARA), una società mineraria con sede in Nevada, punta a diventare la più grande struttura di mining di Bitcoin d’America. L’anno fiscale 2021 ha dato a Marathon un enorme aumento delle entrate. ​​È cresciuto del 3.353% anno su anno a $150,5 milioni dai soli $4,4 milioni nel 2020. Inoltre la società lo scorso anno ha estratto 3.197 bitcoin, con un aumento complessivo dell’846%.

I risultati del primo trimestre pubblicati a maggio 2022 hanno rivelato un aumento del 465% rispetto allo stesso trimestre nel 2021. La società ha prodotto un importo record di 1.259 bitcoin. Ma le entrate hanno ancora mostrato un calo del 14% rispetto al quarto trimestre, quando BTC ha raggiunto il suo ATH.

A metà giugno, le azioni Marathon quotate al NASDAQ erano scese di oltre il 76% rispetto allo scorso anno. Come con altri miner di cui abbiamo discusso sopra, il prezzo delle azioni è stato influenzato dal forte calo dei prezzi delle criptovalute che ha influito inevitabilmente anche sulla redditività del mining.

Ma la società rimane ottimista e condivide previsioni promettenti per la fine del 2022. Ad esempio – oltre all’arsenale esistente – la società prevede di attivare 19.000 nuovi hardware nella sua struttura nel Texas occidentale. Di conseguenza – entro il 2023 – l’hash rate dovrebbe crescere fino a 23,3 EH/s.

Riot Blockchain Inc.

Prezzo delle azioni: $4,65

Capitalizzazione di mercato: $590,7 milioni

Riot Blockchain è una società con sede negli Stati Uniti focalizzata sull’estrazione di Bitcoin. Secondo il suo sito Web, nel 2021 Riot ha investito in 82.500 piattaforme da mining e prevede che saranno completamente installate entro l’inizio del 2023. A quel punto, la società punta a raggiungere una capacità di hash rate stimata per il mining di Bitcoin di 12,8 EH/s.

Riot ha registrato un aumento complessivo del 1.665%. Il suo fatturato netto è cresciuto da $12,1 milioni a $213,2 milioni. Inoltre il numero di Bitcoin detenuti nel bilancio della società è aumentato del 353%.

Durante la primavera del 2022, momento in cui i mercati erano fortemente instabili, Riot ha venduto oltre 700 BTC auto-minati, ricevendo in cambio oltre $27 milioni di dollari. Attualmente, il gigante del mining ne detiene ancora circa 6.536.

La società ha anche ridotto le sue previsioni annuali di hash rate per il 2023. In precedenza, Riot prevedeva di raggiungere 12,8 EH/s con 120.150 rig, e ora è sui 12,6 EH/s con 116.150 minatori.

Attualmente, le azioni RIOT negoziate sul NASDAQ sono in calo dell’86% rispetto a giugno 2021. Il calo è ancora più evidente rispetto a metà autunno 2021, quando BTC ha raggiunto il suo massimo storico.

Ma nonostante tutte le avversità momentanee, il futuro di Riot sembra ancora promettente. La società ha recentemente acquisito ESS Metron Designs, nota per la sua produzione di attrezzature minerarie per estrarre Bitcoin. Un altro investimento degno di nota è l’acquisizione della più grande struttura di mining di Bitcoin del Nord America, Whinstone US.

Canaan Inc.

Canaan
(credits: google finance)

Prezzo delle azioni: $3,16

Capitalizzazione di mercato: $590,7 milioni

Canaan Inc. ha sede in Cina. Ma una parte significativa dei suoi profitti complessivi proviene da attività all’estero. L’azienda è famosa per la produzione di chip e macchinari minerari. Inoltre, fornisce servizi software nel mondo delle criptovalute.

Canaan è specializzata in circuiti ASIC e ha introdotto il primo chip di mining a 7 nm al mondo nel 2018.

Sebbene il 2022 non sia stato finora un buon anno per le criptovalute, Canaan è riuscito a mostrare ottimi risultati nel primo trimestre. Secondo il rapporto presentato alla SEC, le sue entrate sono aumentate del 237% a 213,9 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2021, superando ampiamente le previsioni degli esperti. Poco dopo l’annuncio degli utili, le azioni Canaan scambiate al NASDAQ con il ticker CAN hanno visto un aumento del prezzo.

Tuttavia, nel giro di un anno le azioni CAN hanno perso quasi il 70% del prezzo, attualmente scambiato a $3,16. L’azienda è colpita non solo dal recente crollo delle criptovalute, ma anche dalle “sospensioni logistiche” causate dai blocchi di Covid-19 in Cina, ha affermato il CEO di Canaan Nangeng Zhang.

Hut 8 Mining Corp.

Hut 8 mining
(credits: google finance)

Prezzo delle azioni: 2,08 CAD

Capitalizzazione di mercato: 363 mln CAD

La Hut 8 Mining Corporation con sede a Toronto è tra i migliori aziende di mining in tutto il mondo. Le sue strutture principali sono locate in varie zone del Canada. La società estrae non solo Bitcoin ma anche Ethereum.

Il 2021 ha portato a Hut8 un fatturato record di 173,8 milioni di CAD (138 milioni di dollari), che rappresenta una crescita del 332% rispetto al 2020. La società ha estratto 2.786 BTC durante quel periodo.

Nel primo trimestre del 2022, le sue entrate sono aumentate del 67% a 53,3 milioni di CAD (41,2 milioni di dollari) rispetto allo stesso trimestre del 2021. A maggio 2022, la società aveva in riserva 7.078 Bitcoin auto-estratti per un valore di 145 milioni di dollari nel momento in cui scrivo. L’unità di mining di Ethereum per quel mese ha generato circa il 14% della produzione totale.

Il 2021 è stato un anno importante per Hut 8, poiché le sue azioni sono state quotate al NASDAQ. In Canada, le sue azioni sono quotate alla Borsa di Toronto (TSX) dal 2018. Nel momento in cui scrivo, le azioni HUT su TSX hanno perso il 58% in 12 mesi.

Entro il 2023, Hut 8 prevede di aggiungere 167.000 bitcoin miner al suo arsenale. Il suo accordo con il fornitore di data center Compute North gli consentirà di aprire nuove strutture minerarie e aumentare significativamente l’hash rate.

Bitfarms Ltd.

Bitfarms
(credits: google finance)

Prezzo delle azioni: 1,68 CAD

Capitalizzazione di mercato: 332,67 mln CAD

La società mineraria canadese Bitfarms estrae criptovalute in più strutture situate in Canada, Stati Uniti e Paraguay. Nel prossimo futuro, prevede di aggiungere l’Argentina alla sua strategia. Per estrarre monete, Bitfarm si basa principalmente su energie rinnovabili, come l’energia idroelettrica.

Come per la maggior parte delle aziende menzionate nell’elenco, il 2021 è stato un anno di enorme successo per Bitfarm. Le sue entrate annuali sono aumentate del 388%, e la quantità totale di bitcoin estratti ha raggiunto quota 3.453.

A marzo 2022 – quando è stato pubblicato il rapporto annuale – l’hash rate di Bitfarm era di 2,7 EH/s, in aumento del 23% da inizio anno.

Come il suo concorrente Hut 8, Bitfarms è quotato sia alla Borsa di Toronto che al NASDAQ con il ticker BITF. Su TSX, le sue azioni sono scese di quasi il 65% nell’ultimo anno. Sebbene il mercato delle criptovalute sia ancora in una fase ribassista, Bitfarm prevede di raggiungere il suo obiettivo di 8 EH/s entro la fine del 2022 con nuovi investimenti e strutture in azione.

Hive Blockchain Technologies Ltd.

Hive Blockchain Tech
(credits: google finance)

Prezzo delle azioni: 3,82 CAD

Capitalizzazione di mercato: 314,16 mln CAD

Terza azienda canadese della nostra lista, Hive Computing ha un quartier generale a Vancouver e gestisce i suoi macchinari minerari in Canada, Stati Uniti, Islanda e Svezia. Estrae principalmente Bitcoin ed Ethereum. Ma Hive è anche coinvolta anche nel trading di NFT in seguito al suo investimento in Network Media Group. Possiede anche una partecipazione del 4,9% in una società chiamata DeFi Technologies.

In totale, nel 2021 Hive è riuscita a produrre 4.032 BTC, 41.966 ETH e 46.209 ETC. La società detiene i suoi bitcoin auto-estratti e vende ETH ed ETC per aggiornare chip, acquistare apparecchiature, hardware ecc. L’importo esatto delle entrate non è stato incluso nel rapporto.

Hive blockchain Technologies è la prima società di mining quotata in borsa sul Canada Venture Exchange (CVE) nel 2017 con il ticker HIVE. Successivamente la compagnia è stata quotata anche dal NASDAQ.

Le sue azioni su CVE sono scese del 75% negli ultimi 12 mesi. Ma le prospettive a lungo termine della società lasciano tranquilli gli investitori. Come Hut 8, Hive sta collaborando con Compute North per implementare nuovi miner. Per implementare una struttura mineraria da 100 MW in Texas, acquisterà chip Intel aggiuntivi.

È tempo di investire nel mining di criptovalute?

Fino alla fine del 2021, periodo in cui i prezzi delle criptovalute raggiungevano il picco, anche le azioni delle aziende di mining crescevano attivamente. Il massimo storico dello scorso novembre può essere visto su ogni grafico dei prezzi che abbiamo incluso in questo articolo.

Ma con Bitcoin sotto i $22.000 ed Ethereum che si aggira intorno ai $1.100, è altamente improbabile che i risultati del secondo trimestre di Marathon, Canaan e degli altri giganti minerari possano invertirsi nel breve termine. Al contrario, spaventeranno molti trader per molto tempo.

Ma i sostenitori del buy-the-dip continuano ad accumulare durante questo inverno delle criptovalute, anche perché Bitcoin e altcoin hanno dimostrato più volte di poter recuperare e raggiungere nuovi massimi. E quando verrà raggiunta la nuova soglia di $60.000 (o magari una più alta), le azioni di queste società continueranno a crescere.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il fatto è che potrebbe volerci molto tempo prima che il mercato delle criptovalute si riprenda. E se decidi di aggiungere azioni di alcuni giganti del mining al tuo portafoglio, pensaci bene, perché con ogni probabilità dovrai mantenerle per un sacco di mesi prima che il mercato torni di nuovo in verde.