Occhio a queste metriche chiave di Bitcoin: le balene stanno accumulando?

Analizziamo le metriche chiave di Bitcoin influenzate dalle recenti circostanze di mercato con gli strumenti di IntoTheBlock.

Questo articolo cerca di analizzare alcune metriche importanti come il volume dei contratti perpetual di Bitcoin, la correlazione di Bitcoin con il Nasdaq 100 e quanti indirizzi sono in perdita o in profitto.

metriche onchain di bitcoin

I prezzi delle criptovalute sono recentemente crollati ai minimi annuali. Si tratta di uno dei momenti storici più drammatici per mercato delle cripto, e c’è stato un effetto a catena sui mercati economici mondiali. Inflazione, guerra, aumento dei tassi di interesse, blocchi da Covid19: i mercati tradizionali e delle criptovalute sono stati pesantemente colpiti dall’incertezza economica.

Questo articolo cerca di analizzare alcune metriche chiave di Bitcoin, come la correlazione di Bitcoin con il Nasdaq 100 e la redditività dei detentori di Bitcoin. Senza ulteriori indugi, immergiamoci.

Metriche chiave di Bitcoin: ecco perché sono importanti

Le metriche del volume di trading sono importanti da tenere in considerazione per gli investitori. Ci consentono di identificare lo slancio e la volatilità del mercato. Il volume elevato è spesso seguito da un aumento o una diminuzione significativa del prezzo di un’attività. Come nel caso dei mercati spot e dei derivati, il volume può fungere da segno della forza del trend del movimento dei prezzi.

L’indicatore seguente mostra il volume scambiato di contratti swap perpetui nei principali exchange centralizzati. Come abbiamo scritto prima, “il volume totale viene calcolato moltiplicando il numero totale di contratti scambiati per il valore in dollari di ciascuno”.

volume perpetual
(credits: IntoTheBlock)

Nel mercato dei derivati, i contratti perpetui di swap (perps) sono alcuni degli strumenti più scambiati. Questo tipo di derivato ha subito una rapida adozione dopo il suo rilascio da parte di BitMex, alla fine è stato adottato dalla maggior parte degli exchange centralizzati e ha superato il trading spot nel volume scambiato. Poiché il mercato dei derivati ​​è più liquido, c’è più volume, e fornisce in questo modo maggiori informazioni sul sentiment del mercato.

Durante la volatilità del mercato del 16 giugno 2022, il volume scambiato dei contratti swap perpetui ha raggiunto i 145,47 miliardi di dollari, il più alto registrato finora nel 2022. Abbiamo già menzionato come i volumi dei derivati ​​possano segnalare le tendenze: qui, questo volume elevato è in parte dovuto alle liquidazioni dalla volatilità. Questo suggerisce anche un’elevata attività di trading.

Correlazione con il Nasdaq 100

Inoltre, un’altra metrica chiave che ha attirato la nostra attenzione è stata la performance dei prezzi di Bitcoin in correlazione con il Nasdaq 100.

correlazione nasdaq 100
(credits: IntoTheBlock)

Il Nasdaq 100 è un indice finanziario tradizionale composto dalle 100 società statunitensi più grandi e quotate alla borsa del Nasdaq. Come illustrato nell’indicatore sopra, fino alla fine di maggio, Bitcoin ha avuto una correlazione significativa con il Nasdaq 100 dall’inizio del secondo trimestre del 2022. Questa correlazione elevata è stata interrotta brevemente nel momento in cui i mercati finanziari tradizionali hanno subito un’ondata trascinante di vendite sul mercato. La correlazione è attualmente in aumento poiché i mercati delle criptovalute diminuiscono di prezzo.

In/Out of the Money

Con la diminuzione del prezzo di Bitcoin vale anche la pena dare un’occhiata alla redditività degli investimenti degli attuali investitori. L’indicatore Global In/Out of the Money di IntoTheBlock identifica qualsiasi indirizzo con un saldo di token, il prezzo medio (costo) a cui gli utenti hanno acquistato quei token, confrontandolo con il prezzo attuale. Se il prezzo corrente è maggiore del costo medio, l’indirizzo è “In the Money“. Se il prezzo corrente è inferiore al costo medio, l’indirizzo è “Out of the Money“.

In - Out the money
(credits: IntoTheBlock)

Di conseguenza, poiché il prezzo di Bitcoin ha ridotto la percentuale di indirizzi, anche “In the Money” è diminuito, con il 46,78% dei possessori di token che attualmente è in profitto. La percentuale di indirizzi “In the Money” rappresenta gli investitori Bitcoin a lungo termine. Dei 45 milioni di indirizzi Bitcoin 21 stanno ancora guadagnando sulla carta.

Inoltre, un altro trend interessante notato negli indicatori di Bitcoin è la crescita dei Large Holders Netflows. Questo indicatore misura l’ammontare degli afflussi meno i deflussi relativi agli indirizzi con oltre lo 0,1% dell’offerta circolante.

Large Holders Netflows
(credits: IntoTheBlock)

Il flusso netto dei grandi titolari – potremmo tradurlo – fornisce un’idea dei movimenti delle balene e investitori con oltre lo 0,1% dell’offerta. Come notato nel grafico sopra, c’è un flusso netto positivo di 71,95k BTC che segnala un accumulo da parte dei grandi players. Questi sono il gruppo di appassionati che di solito rappresentano coloro che credono fermamente nella tecnologia, ovvero quelli che saranno disposti a holdare BTC in ogni fase del mercato. Dal momento che sono maggiormente coinvolti nella visione del progetto, si prenderanno maggiori rischi.

In conclusione, questo articolo fornisce informazioni sulle metriche più interessanti, influenzate dalle recenti circostanze del mercato. Inoltre, analizziamo le possibili caratteristiche comportamentali di Bitcoin e a cosa potrebbe essere più suscettibile. Il monitoraggio costante di queste metriche aiuta ad acquisire e sviluppare ulteriori informazioni e comprensione del mercato.