La Fed si muove ancora, l’impatto sui mercati preoccupa gli investitori

I funzionari della Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti fanno marcia indietro sulle riduzioni iniziali dei tassi dopo che i solidi dati sull’occupazione di venerdì hanno dimostrato la tenuta dell’economia.

Austan Goolsbee e Michelle Bowman, membri del Federal Open Market Committee (FOMC), sono meno propensi a ridurre i tassi di interesse nella prima metà del 2024.

powell fed non farm payroll
Jerome Powel, presidente della Federal Reseve (FED) durante la conferenza del FOMC – Crypto. it

I non farm payroll degli Stati Uniti (le buste paga dei lavoratori statunitensi non impiegati nell’agricoltura, metrica economica chiave per gli USA) sono aumentate di 353.000 unità a gennaio, superando le stime del mercato di 180.000 unità e segnando il più alto incremento degli ultimi 12 mesi.Il robusto dato sull’occupazione è stato confrontato con un aumento rivisto di 333K a dicembre.

Il tasso di disoccupazione del 3,7% è rimasto invariato. Il rapporto sull’occupazione ha reso evidente che la Fed ha un maggiore margine di manovra per rimandare la riduzione dei tassi dopo giugno.La Fed ha mantenuto i tassi di interesse ai livelli attuali per quattro riunioni consecutive.

L’impatto dei nuovi dati sui tassi di interesse

Prima di abbassare i tassi di interesse, il Presidente della Federal Reserve Bank di Chicago Austan Goolsbee ha dichiarato di aver bisogno di ulteriori prove che la Fed sia in grado di raggiungere il suo obiettivo di inflazione del 2%.Nella conferenza stampa del FOMC, il presidente della Fed Jerome Powell ha accennato a riduzioni dei tassi di interesse a marzo, che esclude.

powell fed fomc
La Fed annuncia importanti novità dopo i non farm payroll – Crypto.it

“Non mi piace vincolarmi in anticipo quando abbiamo ancora settimane o mesi di dati da ottenere. Questi giudizi dovrebbero essere basati sui fatti reali che otteniamo. Per essere certi di essere sulla buona strada, dobbiamo vedere sempre più miglioramenti, come abbiamo visto per l’occupazione e l’inflazione.”

Inoltre, finché i tassi di interesse rimarranno invariati, il governatore della Federal Reserve Michelle Bowman prevede un ulteriore raffreddamento dell’inflazione. Secondo la Reuters, la governatrice ha dichiarato che è prematuro per i responsabili politici della Fed pensare a un abbassamento dei tassi.

“Penso che non siamo ancora a quel punto”, ha osservato Bowman. Ha poi proseguito dicendo che continuerà a valutare con cautela qualsiasi cambiamento nella posizione della politica. Se dovessero ridurre, continua Bowman, il loro tasso di policy troppo rapidamente, potrebbero doverlo alzare nuovamente in futuro per riportare l’inflazione al 2% nel tempo.

L’economia statunitense sta mostrando una certa capacità di ripresa, come si evince dal recente rapporto sulle vendite al dettaglio e da altri indicatori economici statunitensi più caldi. Il grande fondo di investimento BlackRock ha previsto che la Fed, anziché la Banca Centrale Europea (BCE), inizierà a ridurre i tassi di interesse a giugno. Entro la fine dell’anno, la Fed potrebbe ridurre i tassi di 75-100 punti base.

Impostazioni privacy