Carta Inclusione: quali sono i costi e le limitazioni

La carta inclusione non consente solo l’acquisto di beni di prima necessità nei negozi, ma consente anche il pagamento di utenze (gas, luce, ecc.) e eventuali rate del mutuo o dell’affitto di casa.

A tutte le spese consentite con la Carta Inclusione, si aggiunge anche la possibilità di prelevare in contanti, ma solo fino an un determinato limite mensile.

carta inclusione divieti
Adobe Stock

La carta inclusione è lo strumento attraverso il quale le persone che la richiedono possono ricevere l’accredito del nuovo reddito inclusione ogni mese.

Dal 1° gennaio 2024, il reddito di cittadinanza è stato sostituito dal sussidio contro la povertà. Il riconoscimento non funziona in modo automatico. Oltre a soddisfare i requisiti di residenza, cittadinanza, soggiorno e ISEE, è necessario presentare domanda (all’INPS o tramite patronato e CAF). La carta di inclusione può essere ritirata tramite posta. Il 26 gennaio 2024 sono iniziati i pagamenti tramite assegno inclusione.

Come funziona la carta inclusione

Si può utilizzare per gli acquisti e i pagamenti menzionati. Nonostante ciò, non può essere utilizzato per l’acquisto di:

  • giochi che prevedono vincite in denaro o altre utilità;
  • acquisto, noleggio e leasing di navi e imbarcazioni da diporto, nonché servizi portuali;
  • armi;
  • materiale pornografico e beni e servizi per adulti;
  • servizi finanziari e creditizi;
  • servizi di trasferimento di denaro;
  • servizi assicurativi;
  • articoli di gioielleria;
  • articoli di pellicceria;
  • acquisti presso gallerie d’arte e affini;
  • acquisti in club privati;
  • acquisto di sigarette, anche elettroniche, di derivati del fumo;
  • giochi pirotecnici;
  • prodotti alcolici.

Gli acquisti online non possono essere effettuati con la carta inclusione. Non può inoltre essere utilizzato all’estero né acquistato tramite servizi di direct-marketing. Ad esempio, non è possibile acquistare un pacco di pasta in un negozio che vende principalmente prodotti di cui al citato elenco.

carta inclusione divieti
Adobe Stock

Per quanto riguarda la possibilità di prelevare contanti, per i nuclei familiari con un solo membro, è possibile prelevare fino a 100 euro al mese. L’importo viene aumentato secondo la “scala di equivalenza”. Il prelievo non costa nulla. In effetti, ci sono commissioni. In particolare, viene trattenuta una commissione equivalente a:

  • 1 euro, per i prelievi eseguiti da sportello ATM Postamat
  • 1,75 euro, per i prelievi fatti presso gli ATM bancari in Italia (circuito Mastercard).

Nemmeno i bonifici con carta per pagare le rate del mutuo o l’affitto di casa non sono esenti a commissioni. In questo caso, le commissioni sono di 1,00 euro per ogni bonifico e di 0,50 euro per ogni postagiro. La tassa viene trattenuta direttamente dal saldo della carta.

Per riassumere, la carta inclusione può essere utilizzata anche per prelevare contanti e pagare la rata del mutuo o l’affitto di casa. Puoi prelevare fino a 100 euro al mese, aumentando in base alla scala di equivalenza. Il prelievo in contante non è esente da commissioni, che vanno da 1 euro a 1,75 euro. Inoltre, si pagano commissioni per fare bonifico sul mutuo o sull’affitto, che vanno da 0,50 centesimi a 1 euro.

Impostazioni privacy