L’INPS ti chiede indietro i soldi: purtroppo è tutto legale

Purtroppo è tutto legale: l’INPS, in questo caso, può chiedere indietro i soldi che ti ha dato precedentemente. Ecco cosa sta succedendo.

L'INPS può chiederti indietro i soldi
L’INPS ti chiede indietro i soldi: purtroppo è tutto legale (Crypto.it)

Quando l’INPS ti addebita una somma di denaro sul conto corrente, tutti noi siamo soliti pensare che sia finita qui e che, soprattuto, ci sia dovuta per qualche ragione valida. Del resto, stiamo parlando dello Stato Italiano, non dovrebbero più esserci problemi, ma purtroppo non è così.

Devi sapere che, a volte, anche questo organo competente sbaglia e, quando capita, devi necessariamente restituire la somma che ti è stata erroneamente addebitata. Questo processo si chiama Visualizzazione Indebiti ed ha come obiettivo quello di risolvere in maniera chiara e trasparente la propria posizione indebita e di monitorare in tutte le sue parti lo stato di avanzamento del recupero.

Ecco come funziona una delle pratiche che gli italiani odiano di più ma che, purtroppo, l’INPS può permettersi di fare dal momento che la cifra erogata, di fatto, non avresti dovuto riceverla.

Visualizzazione Indebiti INPS, che cos’è e come funziona

inps logo
Che cos’è la Visualizzazione Indebiti INPS e come funziona (Crypto.it)

Nel caso in cui l’INPS abbia erogato quella che viene definita una “prestazione non dovuta” il cittadino dovrà necessariamente cederla allo Stato e, per farlo, sono previste alcune azioni di recupero.

La prima è la compensazione delle somme: se il cittadino ha dei debiti, si andranno a compensare in questo modo. La seconda strada è, invece, la trattenuta delle somme sulle prestazioni di cui il debitore è titolare. La terza strada è, invece, il pagamento delle somme tramite pagoPA entro 30 giorni dalla notifica di indebito. Insomma, non c’è proprio modo, da parte del cittadino, di tenersi questa cifra che è stata addebitata per errore da parte dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale.

Impostazioni privacy