Criptovalute e criminalità: trapelano dati sconcertanti

Dopo le numerose cause, le esplosioni e i crolli di prezzo del 2022, il mercato di bitcoin e criptovalute si è ripreso durante il corso del 2023.

Molti prevedono che l’inverno delle criptovalute stia per finire e che presto potrebbe arrivare un nuovo periodo di boom, dato che gli asset di criptovalute sono in aumento e l’attività di mercato è stata in crescita per tutto il 2023.

criptovalute crimini
Adobe Stock

La quantità di denaro ricevuta dagli indirizzi di criptovaluta non ufficiali è diminuita significativamente nel 2023, raggiungendo un totale di 24,2 miliardi di dollari. Dobbiamo notare come sempre che questi numeri sono stime al ribasso basate sugli afflussi agli indirizzi illegali che abbiamo attualmente individuato. È molto probabile che questi totali aumentino nel corso di un anno, man mano che scopriamo altri indirizzi illegali e teniamo conto del loro comportamento passato.

Ad esempio, Chainanalysis, importante entità di osservazione e statistica sulle criptovalute, ha previsto che il numero di transazioni illegali nel 2022 sarebbe stato di 20,6 miliardi di dollari. La loro proiezione rivista per il 2022, un anno dopo, è di 39,6 miliardi di dollari. La scoperta di indirizzi precedentemente non identificati ed estremamente trafficati ospitati da servizi sanzionati e l’aggiunta ai nostri totali illegali del volume delle transazioni legate a servizi in nazioni sanzionate sono stati i principali fattori che hanno contribuito a questo aumento.

Le attività di FTX incluse nei totali dei proventi illeciti tramite criptovalute

Oltre alla scoperta di ulteriori indirizzi illegali, c’è un’altra importante ragione per cui il nuovo totale è significativamente più alto: Gli 8,7 miliardi di dollari di crediti nei confronti di FTX sono ora inclusi nelle proiezioni per il 2024. Nel rapporto dell’anno scorso Chainanalysis aveva fatto intendere che avrebbe aspettato a includere i volumi delle transazioni legate a FTX e ad altre società fallite quell’anno a causa di presunte condizioni fraudolente nei totali illegali fino alla conclusione dei procedimenti legali. Da allora, una giuria ha dichiarato l’ex CEO di FTX colpevole di frode, pertanto la definizione di questi asset potrebbe andare conteggiata.

crimini criptovalute chainanalysis
Crimini tramite criptovalute – Credits: Chainanalysis.com

Per quanto riguarda le attività illegali, le stime divulgate spesso tengono conto esclusivamente dell’attività quantificabile sulla blockchain. Poiché non esiste un meccanismo per separare i trasferimenti fraudolenti di fondi da parte degli utenti, è difficile valutare l’entità dell’attività fraudolenta nel caso di FTX utilizzando solo i dati sulla rete. Per questo motivo, la stima ottimale da includere sia quella degli 8,7 miliardi di dollari di crediti nei confronti di FTX.

Le entrate derivanti da reati non legati alle criptovalute, come il traffico di droga tradizionale quando le criptovalute sono usate come pagamento, non sono incluse in nessuno degli altri totali. Nei dati on-chain, queste transazioni sono essenzialmente identiche a quelle lecite. Naturalmente, le tecnologie di Chainalysis possono essere utilizzate dalle forze dell’ordine in un ambiente off-chain per indagare su questi processi.

Nelle statistiche pubblicate sono conteggiate le transazioni come illegali quando si è in grado di verificare tali informazioni, ma probabilmente ci sono numerosi esempi in cui questo non è il caso, e quindi le cifre non compaiono nei totali mostrati.

Impostazioni privacy