Chiudere un conto corrente è davvero a costo zero? Cosa sapere e quali spese affrontare

Come accade per moltissimi altri settori, anche chiudere un conto corrente potrebbe non essere molto conveniente.

Quando si firmano pagine e pagine di contratti, spesso non facciamo caso alle piccolissime clausole presenti, e questo lo sanno bene anche coloro che inventano i contratti stessi. Presentandoci ad una banca veniamo sempre accolti con grandi sorrisi, e gli operatori offrono i più disparati vantaggi rispetto – ad esempio – ad altri istituti di credito. Ma l’esperienza insegna che non sempre tutto ciò che luccica è oro.

quanto costa chiudere un conto corrente
Chiudere un conto corrente in modo gratuito è piuttosto difficile – Crypto.it

Infatti potremmo trovarci di fronte a (amare) sorprese quando desideriamo chiudere il conto. Esigenza che può capitare in qualsiasi momento e per i più disparati motivi. Ma vediamo come funziona la procedura e quanto e se ci costerà del denaro.

Ecco cosa succede quando vogliamo chiudere un conto corrente

Come accennato, spesso i conti ci vengono venduti come “zero spese” ma questa affermazione è lontana dalla realtà; a maggior ragione se abbiamo uno di quei conti vecchi, aperti da tantissimi anni.

costi chiusura conto corrente
La banca può applicare vari tipi di costi per chiudere i servizi associati al conto – Crypto.it
In realtà il correntista sarebbe tutelato per Legge da eventuali costi non previsti. Lo stabilisce il Decreto concorrenza Bersani, il DL 223/2006, che prevede appunto la chiusura di un conto senza alcuna spesa. Ma questo decreto non impedisce alle banche di addebitare altri costi.
Nei contratti che firmiamo potrebbero essere infatti previste spese accessorie inerenti al termine di determinati prodotti/servizi, come ad esempio il bancomat. Non dimentichiamo che il conto poi potrebbe essere legato ad altri servizi in abbonamento, e ognuno di essi potrebbe avere le sue clausole per il recesso anticipato.
Infine, dobbiamo ricordare che se anche l’azione del chiudere un conto è gratuita, il cliente della banca deve sempre e comunque versare le imposte di bollo e anche il canone mensile del mese in corso, laddove ovviamente sia previsto.

Per quanto riguarda invece la procedura, la chiusura di un conto è semplice perché basterà recarsi in filiale. Laddove non sia possibile, solitamente tramite l’home banking sono disponibili le procedure online. In linea generale, dal momento della richiesta di chiudere un conto, la Banca deve rispettare il tempo massimo previsto, ovvero 12 giorni lavorativi. Se l’Istituto di credito non chiude il conto entro questo lasso di tempo il titolare dello stesso ha anche il diritto a un risarcimento.

In conclusione, purtroppo la chiusura di un conto corrente non è mai completamente gratuita, anche se il conto era stato venduto come “zero spese”.

Impostazioni privacy