Tassa di soggiorno quando si va in vacanza: cosa fare per evitare di pagarla

La tassa di soggiorno può essere onerosa: in Italia è tra le più alte d’Europa, ma come si può evitare di pagarla?

In alcuni paesi del mondo, come in Germania, la tassa di soggiorno ammonta a pochi centesimi a persona, mentre in alcune città italiane, come Firenze, può arrivare anche a 8 Euro a persona a notte.

evitare pagare tassa soggiorno hotel
Come si evita di pagare la tassa di soggiorno? – crypto.it

La cifra richiesta dagli albergatori è sempre proporzionale al livello dell’albergo e si calcola in percentuale sul costo del pernotto di una notte. Questo significa che in un B&B molto semplice la tassa sarà molto più bassa che in un albergo a 5 stelle nel cuore di una città d’arte italiana.

Va specificato che è necessario pagare la tassa di soggiorno anche se si decide di ormeggiare la propria barca in uno dei moli cittadini e utilizzarla per pernottare durante la sosta in città.

Se, quando si tratta di pernottare una singola notte, la tassa di soggiorno è una spesa tutto sommato sostenibile, nel momento in cui decidessimo di soggiornare per lunghi periodi in una struttura ricettiva il costo della tassa di soggiorno comincerebbe a essere oneroso.

Quando non si è tenuti a pagare la tassa di soggiorno

Alcune categorie di ospiti di alberghi e strutture ricettive in generale sono esentati dal pagamento della tassa di soggiorno per varie motivazioni.

come non pagare tassa soggiorno albergo
Chi non deve pagare la tassa di soggiorno? – crypto.it

Le categorie in questione sono:

  • bambini fino a una certa soglia di età (di solito tra i 10 e i 14 anni)
  • i malati, i disabili e i loro accompagnatori
  • i genitori di minori malati
  • le guide turistiche e i driver di bus turistici che accompagnano una comitiva
  • le forze dell’ordine
  • gli studenti fuori sede (che dovranno presentare il certificato di iscrizione all’università)
  • i residenti della città (ammesso che decidano di prendere un albergo nella stessa città) e anche i cittadini iscritti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero).

Tutti gli altri cittadini non rientranti in queste categorie sono sempre tenuti a pagare la tassa di soggiorno che, soprattutto per le città turistiche, è un importante voce di bilancio su cui la pubblica amministrazione conta moltissimo. Questo significa che nella maggior parte dei casi pagheremo la tassa di soggiorno ma è sempre bene essere consapevoli dei casi in cui abbiamo diritto all’esenzione perché è sempre possibile che, per errore o per mala fede, ci venga richiesto di pagarla.

Impostazioni privacy