Intelligenza artificiale e Criptovalute: come distinguere il valore dalla fuffa

L’intelligenza artificiale (AI) è una minaccia per criptovalute e blockchain… o è più un’opportunità? Scopriamolo insieme qui!

ChatGPT ha accumulato 100 milioni di utenti in soli due mesi. Le persone le chiedono di fare di tutto, dalla scrittura di codici informatici e compiti a casa alla risposta a domande che hanno cercato su Google.

Dalla lotta ai pregiudizi alla cattura dei truffatori, l’intelligenza artificiale e le blockchain decentralizzate possono aiutarsi a vicenda a superare i loro più grandi difetti.

intelligenza artificiale criptovalute
Adobe Stock

E il suo sviluppatore, OpenAI, sta per accumulare 10 miliardi di dollari da Microsoft. Spera che l’intelligenza artificiale del linguaggio naturale possa aiutarla a raggiungere il suo obiettivo di lungo corso. Ovvero rendere “Bing” un verbo.

Questo ha portato Google ad annunciare lunedì che sta aprendo Bard, il suo chatbot AI, a un gruppo di “tester fidati”. Questo prima di un lancio più ampio nelle prossime settimane.

Con l’AI che ha già preso il titolo di “Next Big Thing” dalla criptovaluta, le intelligenze generali artificiali (AGI) come ChatGPT e Bard, progettate per imitare l’intelligenza umana al fine di risolvere compiti intellettuali, vengono pubblicizzate come un modo per rendere la criptovaluta più semplice, sicura ed efficiente.

Intelligenze artificiali: quello che non sai

Si dice che siano in grado di identificare frodi e manipolazioni del mercato setacciando grandi quantità di dati alla ricerca di schemi e anomalie. Ma le AGI possono utilizzare queste stesse capacità per elaborare strategie di trading che corrispondano agli obiettivi e alla tolleranza al rischio di un trader. Senza costringerlo a imparare a usare i derivati o a leggere i grafici a candela. (Tuttavia, non forniranno consigli di trading specifici).

Più in generale, il CEO di Google Sundar Pichai ha descritto Bard come “uno sbocco per la creatività e un trampolino di lancio per la curiosità. Vi aiuterà a spiegare le nuove scoperte del James Webb Space Telescope della NASA a un bambino di nove anni, o a saperne di più sui migliori attaccanti del calcio in questo momento. E poi a fare esercitazioni per costruire le vostre abilità“.

Detto questo, la realtà è che OpenAI, Google e altri produttori di intelligenza artificiale hanno ancora alcuni problemi molto grandi da risolvere. Inoltre è molto chiaro che la tecnologia blockchain alla base delle criptovalute e del Web3 può aiutare.

Intelligenza artificiale e criptovalute: attenzione ai pregiudizi

Il problema più rilevante è che pregiudizi come il razzismo, il sessismo e molti altri sono incorporati nelle IA sviluppate attraverso l’apprendimento profondo. Questo consiste sostanzialmente nel raccogliere grandi quantità di informazioni da cui le IA possono imparare.

Come per molte altre IA, per ottenere i 570 GB di dati scritti di cui OpenAI aveva bisogno per far funzionare ChatGPT così bene, è stato inevitabile rivolgersi a Internet. E questo con tutti i crismi, per ottenere un set di dati sufficientemente ampio su cui lavorare.

Inoltre, poiché l’apprendimento profondo impara dal passato e si adatta all’arrivo di nuove informazioni, è difficile eliminare i pregiudizi storici e sociali dalle IA.

Diversi anni fa, Amazon ha notoriamente ritirato la sua IA di reclutamento dopo aver scoperto che discriminava le candidate donne. Il problema era che gli esempi di curriculum di successo che le venivano forniti riflettevano la mancanza di diversità esistente nel settore, dominato dagli uomini. A novembre è stato rivelato che Amazon sta lavorando a una nuova IA che ritiene in grado di superare tali pregiudizi.

Che direzione potrebbe prendere il mercato

In un altro caso, un’intelligenza artificiale utilizzata per prevedere i tassi di recidiva nelle sentenze è stata accusata di aver erroneamente etichettato gli imputati come probabili recidivi a un tasso doppio. Inoltre, secondo uno studio di ProPublica del 2016, gli imputati venivano erroneamente etichettati come a basso rischio più o meno alla stessa percentuale. Lo sviluppatore ha contestato i risultati e i tribunali hanno confermato l’uso dell’IA nelle sentenze.

Tuttavia, le ipotesi e i dati utilizzati per creare questo tipo di algoritmi sono spesso segreti, come afferma un articolo del 2021 dell’autorevole giudice federale Jed Rackoff. Ciò significa che i pregiudizi sono molto più difficili da individuare, e solo esaminando i risultati dell’IA a posteriori.

Pichai ha sottolineato la preoccupazione, affermando che è importante essere allo stesso tempo coraggiosi e responsabili. Ha citato i Principi di Google sull’IA, ormai vecchi di cinque anni.

Questi ultimi affermano che “gli algoritmi e i set di dati dell’IA possono riflettere, rafforzare o ridurre i pregiudizi ingiusti“. Pur affermando che è difficile distinguere tra pregiudizi giusti e ingiusti, Google promette di cercare di “evitare impatti ingiusti sulle persone, in particolare quelli legati a caratteristiche sensibili come razza, etnia, sesso, nazionalità, reddito, orientamento sessuale, abilità e credo politico o religioso“.

Intelligenza artificiale e criptovalute: fiducia e precisione

La Blockchain non risolverà i problemi di spazzatura in entrata e di spazzatura in uscita. Ma li renderà visibili. Le IA che funzionano su una blockchain aperta e decentralizzata potrebbero fornire responsabilità e trasparenza, mostrando sia i dati utilizzati per creare gli algoritmi di IA sia i risultati ottenuti, protetti su una blockchain aperta e immutabile.

Blockchain e IA sono “l’accoppiata perfetta perché ognuna può risolvere i punti deboli dell’altra“, ha scritto Sharon Yang, product strategist per l’IA e l’apprendimento automatico, in un post sul blog. “Blockchain fornisce fiducia, privacy e responsabilità all’IA, mentre l’IA fornisce scalabilità, efficienza e sicurezza“. Ha aggiunto:

Per fidarci dell’IA, dobbiamo essere in grado di spiegare come funzionano gli algoritmi dell’IA in modo che gli esseri umani possano comprenderli e avere fiducia nell’accuratezza degli output e dei risultati dell’IA... L’uso della blockchain può anche migliorare la sicurezza e l’integrità dei dati memorizzando e distribuendo l’IA con un audit trail incorporato nella blockchain. Questo audit trail garantisce che i dati utilizzati per addestrare i modelli e i modelli stessi mantengano la loro integrità”.

Jerry Cuomo, CTO di IBM per la tecnologia, che ha diretto entrambe le divisioni di automazione dell’IA e blockchain ha dichiarato: “Blockchain e IA hanno un rapporto simbiotico. Entrambe si rafforzano a vicenda“.

Applicazioni pratiche

In un video, Cuomo ha ricordato di aver visitato un medico per un ginocchio dolorante. Dopo aver esaminato i suoi sintomi e altri farmaci attraverso un’intelligenza artificiale farmaceutica, questa ha consigliato di passare a un nuovo farmaco per la pressione sanguigna piuttosto che a qualcosa di più invasivo. Ha aggiunto:

Sebbene fossi entusiasta, a quel punto ho iniziato a pensare: “Come posso e, in effetti, perché dovrei fidarmi di quel sistema di intelligenza artificiale, e chi lo ha addestrato? E da dove viene il modello?“.

La responsabilità di fidarsi o meno è dello sviluppatore dell’IA, che deve costruire un modello privo di pregiudizi e di dati errati. Per decidere se fidarsi o meno è necessaria la trasparenza. Ha detto:

Il mio punto di vista è che la blockchain porta la fiducia nei dati. L’IA si nutre di dati. D’altro canto, l’IA apporta intelligenza ai dati. La blockchain ha dei libri mastri che contengono i dati. Con la fiducia e l’intelligenza, si ottiene la fiducia. Con la fiducia si ottiene l’adozione“.

Sebbene OpenAI sia stata aggressiva nel costruire “guardrail”, secondo i critici non ha ancora risolto il problema.

A dicembre Steven Piantadosi, professore di psicologia e neuroscienze dell’UC Berkeley che dirige il laboratorio di calcolo e linguaggio, ha twittato uno screenshot del codice che ChatGPT ha scritto quando gli è stato chiesto di “verificare se qualcuno sarebbe un buon scienziato” in base alla razza e all’età e che riportava “bianco” e “maschio” come uniche risposte corrette.

Intelligenza artificiale e criptovalute: lotta alle frodi

A ottobre, la divisione di intelligence blockchain CipherTrace di Mastercard ha annunciato Crypto Secure, uno strumento di intelligenza artificiale che fornisce alle banche un punteggio di rischio, consentendo loro di identificare gli acquisti potenzialmente fraudolenti di cripto dagli exchange e da altri fornitori di servizi di asset virtuali (VASP).

In un comunicato di luglio, la società ha dichiarato che lo strumento alimentato dall’intelligenza artificiale per fornire controlli antiriciclaggio (AML) all’onboarding alle reti di pagamento consentirà loro di individuare i portafogli con connessioni ad “attività illecite, cattivi attori, sanzioni o modelli di attività sospette”, nonché di “rilevare le frodi sulle transazioni in tempo reale”.

Già nel 2018, l’intelligenza artificiale dell’apprendimento automatico è stata utilizzata per individuare schemi di pompaggio e dumping di criptovalute con un discreto grado di precisione, secondo quanto riportato dalla MIT Technology Review.

Pur definendola “una via per minare o prevenire le truffe“, l’articolo osservava che:

È probabile che sia solo una mossa nel tradizionale gioco del gatto e del topo che gli esperti di sicurezza impiegano contro gli attori malintenzionati. Presumibilmente, gli organizzatori di queste truffe modificheranno rapidamente le loro attività per renderle più difficili da individuare per questo tipo di algoritmo di apprendimento automatico. E così via“.