Craig Wright, l’autoproclamato inventore di Bitcoin, perde la causa in tribunale: cos’è successo

I tweet di Hodlonaut che definivano Craig Wright un “truffatore” non sono illegali: lo stabilisce il tribunale. Ma è veramente un truffatore?

Hodlonaut ha vinto un processo ad alto rischio in Norvegia contro Craig Wright, l’autoproclamato inventore di Bitcoin.

craig wright bitcoin
Crypto.it

Il giudice Helen Engebrigtsen ha stabilito che Hodlonaut – il cui vero nome è Magnus Granath – non è responsabile dei danni a seguito dei post che ha pubblicato su Twitter. Ma vediamo nel dettaglio cos’è successo.

Hodlonaut vince la causa contro Craig Wright: quest’ultimo è un “truffatore”?

Hodlonaut aveva scritto una serie di tweet in cui accusava il dottor Wright di essere un imbroglione e un truffatore, e metteva in dubbio che fosse Satoshi Nakamoto.

La sentenza di giovedì a favore di Hodlonaut avrà un effetto a catena sull’ambizione del dottor Wright di ricevere i danni per diffamazione durante procedimenti legali.

Il giudice Helen Engebrigtsen ha stabilito che Hodlonaut, il cui vero nome è Magnus Granath, non è responsabile dei danni a seguito dei post che ha pubblicato su Twitter.

Il Dr. Wright sarà inoltre obbligato a coprire le spese legali di Granath per un importo di 4,05 milioni di corone norvegesi, ovvero circa 380.000 euro.

La sentenza del tribunale ha delineato alcuni dei tweet che Hodlonaut – che all’epoca lavorava come insegnante di scuola elementare – aveva scritto nel marzo 2019. In uno di questi aveva detto:

Craig Wright è un truffatore molto triste e patetico. Chiaramente malato di mente. Tutto in lui induce un profondo senso di imbarazzo. Sono stanco, è ovvio che non sia Satoshi“.

Successivamente ha eliminato i tweet, alcuni dei quali includevano l’hashtag #CraigWrightIsAScammer.

Granath ha sostenuto con successo che le sue accuse non erano diffamatorie – ovvero non danneggiavano la reputazione di qualcuno – né violavano la privacy del dottor Wright.

Ha aggiunto che l’imprenditore australiano non era riuscito a fornire alcuna prova riguardo l’identità di Satoshi Nakamoto e, sebbene il dottor Wright abbia spiegato di averle distrutte durante il processo, “non ci sono buone ragioni per credergli“.

Ecco cosa ha detto la Corte

Il giudice Engebrigtsen ha infine concluso che il contesto era cruciale. Nell’ordinanza giudiziaria tradotta dal norvegese da CoinDesk, ha scritto:

Il significato della parola ‘truffatore’ non è lo stesso se vieni indicato come un truffatore in una caserma di polizia o su Twitter, in una discussione sul fatto che uno sia riuscito a dimostrare o meno la sua identità.“.

Ai suoi occhi, “non è raro usare parole forti su Twitter, e questo influisce sull’interpretazione e sul significato dei termini utilizzati“.

Inoltre secondo il giudice l’uso di parole tra cui “frode”, “falso” e “truffatore” non può essere considerato un’accusa nei confronti del dottor Wright.

Una delle dichiarazioni di Granath include un messaggio che Wright è ‘chiaramente malato di mente’. La corte lo interpreta principalmente come una valutazione di valore nel senso di ‘è confuso/disilluso/pazzo’ quando afferma di essere Satoshi Nakamoto. il termine “pazzo” se qualcuno che ritieni si stia comportando in modo incredibile o strano è comune e, secondo il tribunale, non può essere inteso come un’affermazione effettiva che a qualcuno sia stata diagnosticata una malattia mentale.”.

Viene inoltre tracciata una chiara distinzione tra l’uso dei social media e una dichiarazione diffamatoria che viene fatta in televisione.

C’è molto linguaggio forte su Twitter. Il formato dei media incoraggia descrizioni e caratteristiche forti. Le parolacce e gli insulti sono comuni. Le formulazioni di Granath sono abbastanza tipiche del gergo su Twitter, e le affermazioni sono quindi percepite nel il punto di vista della corte è meno offensivo su Twitter di quanto non lo sarebbe sul tg della sera.“.

Il dottor Wright sostiene inoltre che l’hashtag #CraigWrightIsAScammer abbia incoraggiato i seguaci di Hodlonaut a scrivere ulteriori messaggi. Ma la corte non era d’accordo “che questo sia inteso come un invito per gli altri a fare i prepotenti” contro di lui.

Gli hashtag sono comuni sui social media in generale e su Twitter in particolare, e sono un modo per ordinare conversazioni o argomenti. La corte non vede che l’uso dell’hashtag da parte di Granath si discosti da questo“.

Una storia che parte da lontano

Il dibattito sulle affermazioni del dottor Wright è in corso dal 2016. Sono stati scritti oltre 7.000 messaggi di questo tipo in un periodo di tre anni, e alcuni di essi includevano un linguaggio simile.

Nel complesso, il giudice ha affermato che le dichiarazioni di Granath “hanno un nucleo di accuse di natura fattuale“.

Si potrebbe sostenere che il dottor Wright ha avuto una piccola vittoria, in un caso che altrimenti sarebbe stato un disastro.

Entrambe le parti hanno indicato circostanze che parlano rispettivamente a favore e contro il fatto che il dottor Wright sia Satoshi Nakamoto. La questione va avanti dal 2016. La corte sceglie di non prendere posizione su questo, perché non ha alcuna relazione con l’esito del caso“.

Tuttavia, il giudice osserva che non era stato solo Hodlonaut a mettere in dubbio le affermazioni del dottor Wright, poiché “nella copertura dei media, l’opinione prevalente era che il dottor Wright non fosse Satoshi Nakamoto“. Inoltre:

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Wright ha presentato un’affermazione controversa e deve resistere alle critiche dei dissidenti. Nel complesso, la corte ritiene che la formulazione e le affermazioni avanzate da Granath non superino la soglia di diffamazione e violazione della privacy. Le dichiarazioni non sono illegali“.