Criptovalute private: quali sono le migliori opzioni e come possono proteggere le informazioni sensibili

Criptovalute per la privacy (o private): scopriamo cosa sono, a cosa servono e come potrebbero diventare importanti in ottica investimento.

Quanto sono private le privacy coin? Sono legali? In questo articolo da non perdere rispondiamo a queste a e molte altre domande.

‍Bitcoin è stato introdotto come sistema monetario alternativo alle valute nazionali controllate dal governo. Sfortunatamente, a causa della sua natura pseudonima, alcuni sostenitori delle criptovalute ritengono che manchi delle funzionalità di privacy necessarie per proteggere a sufficienza i suoi utenti. Specialmente negli stati autoritari che proibiscono o sopprimono l’uso delle criptovalute.

criptovalute private
Adobe Stock

In effetti, Bitcoin offre meno privacy rispetto alle valute legali in alcuni aspetti poiché è una blockchain pubblica, il che significa che chiunque abbia risorse sufficienti per fare delle analisi on-chain potrebbe potenzialmente scoprire la vera identità dietro un indirizzo pubblico.

Oggi abbiamo così tante criptovalute incentrate sulla privacy nel mercato cripto che sta diventando difficile scegliere la più adatta alle nostre esigenze. Va detto che le privacy coin sono sempre più nel mirino delle autorità di regolamentazione globali antiriciclaggio (AML), a causa della loro capacità di facilitare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, e di conseguenza sono state cancellate da molti exchange. Si prega di procedere con cautela quando si tratta di privacy coin, e assicurarsi di essere sempre in regola con le leggi locali.

Questo articolo esaminerà le principali privacy coin, descrivendo le loro caratteristiche distintive. Immergiamoci!

Criptovalute per la privacy: ecco cosa si intende

Le privacy coin sono una classe di criptovalute che alimentano transazioni blockchain private e anonime, oscurandone l’origine e la destinazione. Alcune delle tecniche utilizzate da queste criptovalute sono nascondere il saldo e l’indirizzo del portafoglio reale di un utente, e mescolare più transazioni tra loro per eludere l’analisi della blockchain.

Nella trasparenza che le caratterizza, Bitcoin e altre blockchain non legate alla privacy consentono a chiunque di visualizzare gli indirizzi pubblici e le transazioni nella propria rete, il che rende relativamente semplice tenere traccia dei depositi e dei prelievi di qualcuno.

Ma le privacy coin gestiscono due diversi aspetti; anonimato e non tracciabilità.

L’anonimato nasconde l’identità dietro una transazione, mentre la non tracciabilità rende praticamente impossibile per terze parti seguire le tracce delle transazioni utilizzando servizi come l’analisi on-chain.

Strategie utilizzate dalle criptovalute sulla privacy

Per preservare efficacemente l’anonimato e la non tracciabilità, le privacy coin utilizzano una varietà di strategie diverse. Possiamo raggrupparle in diverse tipologie, le più popolari delle quali sono indirizzi stealth, firme ad anello, CoinJoin e zk-SNARK. Vediamole brevemente una ad una.

  • Gli indirizzi stealth richiedono che un mittente generi un nuovo indirizzo per ogni transazione inviata, per evitare di essere collegato direttamente a un destinatario. Monero (XMR), una delle principali privacy coin, utilizza una versione di indirizzo stealth chiamata DKSAP (Dual-Key Stealth Address Protocol).
  • CoinJoin è un mixer di criptovalute. Unisce le transazioni di vari individui in un’unica transazione e quindi le eroga ai rispettivi utenti utilizzando nuovi indirizzi.
  • Gli Zk-SNARK (Zero-Knowledge Succinct Non-Interactive Argument of Knowledge) consentono ai possessori di criptovaluta di dimostrare la validità di una transazione senza divulgare informazioni sensibili come le parti coinvolte e i saldi del conto.

Le criptovalute private sono legali?

Sì e no. La legalità delle privacy coin dipende dalle singole giurisdizioni. Ad esempio, in Corea del Sud, il governo vieta il trading di criptovalute private negli exchange di criptovalute del paese per frenare il riciclaggio di denaro.

I paesi che non hanno vietato le criptovalute private non le hanno nemmeno approvate. Il che significa che la loro operazione sfrutta una zona grigia nelle leggi di un paese.

Ad esempio, il governo degli Stati Uniti ha intrapreso una strada diversa sulla criptovaluta anonima. Ha cercato di sviluppare strumenti per rimuovere in toto le transazioni condotte su reti private.

Le transazioni private che utilizzano le privacy coin non promuovono necessariamente attività dannose, come il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Alcuni utenti apprezzano semplicemente la loro privacy finanziaria e stanno esercitando i loro diritti fondamentali. Tuttavia il numero di agenzie governative che reprimono le valute digitali non rintracciabili è in costante aumento. È interessante notare che molte persone famose come Naval Ravikant, Elon Musk ed Edward Snowden continuano a sostenere app incentrate sulla privacy.

È importante osservare quali azioni e indicazioni le autorità di regolamentazione globali come la Financial Action Task Force (GAFI) apportano alle criptovalute private. Sebbene le criptovalute per la privacy non siano ancora vietate, stanno rendendo le cose difficili sia per i paesi che per gli exchange soggetti a requisiti di condivisione delle informazioni, a causa di normative come la regola di viaggio del GAFI.

Una nuova bozza di linee guida del GAFI conterrà nuove raccomandazioni AML/CFT per coloro che si occupano di valute con anonimato rafforzato (AEC). Questo è semplicemente il modo in cui il GAFI chiama le criptovalute della privacy.

Perché le criptovalute private non sono disponibili su tutti gli exchange?

Il delisting delle privacy coin è legato alle opinioni di un paese – o agli obblighi AML/CFT – e al modo in cui regola le transazioni private. Le transazioni di criptovalute incentrate sulla privacy possono eludere le autorità di regolamentazione. Tuttavia i watchdog finanziari hanno il dominio sugli exchange centralizzati della criptovaluta non rintracciabile.

Quando un’autorità di regolamentazione vieta una particolare criptovaluta all’interno dei suoi confini, un exchange deve interrompere il trading il prima possibile, o rischia di essere chiuso. In questi casi, alcune piattaforme potrebbero scegliere di interrompere il trading, mentre altre tirano semplicemente fuori la moneta dalla loro piattaforma.

Le privacy coin negli ultimi anni stanno affrontando un maggiore controllo da parte delle autorità di regolamentazione, che hanno costretto alcuni exchange a rimuovere alcune criptovalute non rintracciabili per evitare complicazioni normative.

Alla luce di questo evento, le principali privacy coin come Dash (DASH), Monero (XMR) e Zcash (ZEC) sono state rimosse da alcune importanti piattaforme di trading. Oggi sono comunque disponibili su due degli exchange principali: Binance e Coinbase.

Il motivo alla base del delisting da parte di alcuni CEX è stato il requisito 16 degli standard GAFI. Questo esercita un’enorme pressione sulle autorità di regolamentazione dei paesi. In sostanza questa misura serve a garantire che i loro exchange – o i fornitori di servizi di asset virtuali (VASP) – condividano tra loro le informazioni di identificazione degli utenti durante la trasmissione di fondi. L’autorità di regolamentazione impone la conformità richiedendo ai propri VASP di soddisfare questo obbligo, quando si richiede una licenza operativa o una registrazione.

Nonostante tutte queste misure, alcuni rapporti indicano che i criminali preferiscono ancora Bitcoin rispetto ad altre criptovalute private, nonostante non abbia intrinsecamente alcuna funzionalità a favore della privacy.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Questi non sono in alcun modo consigli finanziari.